LA STORIA DEI BENI SEQUESTRATI ALLE MAFIE

Lo spazio dove discutere di qualsiasi argomento che non sia riconducibile agli altri forum, dalla politica alla società, dai libri allo sport e qualsiasi altra cosa vi sembri meritevole di un pubblico approfondimento…

Moderatori: lovelorn, The Director, Telemaco33, RainDog

LA STORIA DEI BENI SEQUESTRATI ALLE MAFIE

Messaggioda The Director » mer nov 25, 2009 8:44 am

Se ne sta parlando in questi giorni, lo avrete sentito tutti, e la speculazione in Italia è all'ordine del giorno...

Alcuni dicono: aprendo le aste ai 'comuni mortali', finirà che i mafiosi ai quali i beni sono stati confiscati, tramite i soliti prestanome, si ricompreranno tutto...

Ok, è un rischio realistico ed è giusto preoccuparsene, ma i vari Ciotti & Co. si scordano di gridare come funzionano le cose SIN QUI, fingendo di non saperlo...

Ve lo provo a spiegare io: attualmente questi beni sequestrati (case, automobili, barche etc...) vengono rivenduti durante le cosiddette 'aste giudiziarie'. La differenza tra queste e quello che si vorrebbe fare è fondamentalmente una: alle aste giudiziarie può partecipare solo una determinata 'elite'. Lo so per certo perchè il padre di un mio caro amico lavora presso un importantissimo ministero in qualità di tecnico, e lui, proprio in virtù del posto che occupa, può parteciparvi. Infatti non vi dico cosa c'è nel suo enorme garage, tra Ferrari, Porsche e quant'altro...

Ora il dato che mi preme fornirvi è questo: siccome tali aste sono esclusivo appannaggio di tali elite, finisce che a questi eventi NON vi sia grande concorrenza, ANZI... Ecco che, come per magia, uno di lorsignori potrà portarsi a casa autovetture da 400mila euro pagandole forse 20, massimo 30mila...

Ragion per cui, se vengono sequestrati beni per 5 miliardi, sarà un miracolo se entreranno nelle casse dello stato 2-300 milioni col sistema attuale...

Allora quelli che strillano che son soldi nostri dovrebbero lasciare che le aste siano aperte a TUTTI, di modo da recuperare non dico tanto, ma almeno un paio di miliardi su 5 di effettivo valore, ovviamente vigilando attentamente su chi va ad acquistare soprattutto i beni immobili come case, masserie etc... Capisco che possa essere difficile, ma la soluzione non è certo privilegiare gente che dalla vita ha già avuto solo privilegi (l'elite di cui sopra).

Senza contare, poi, che è assai antipatico di per sè che tali aste siano esclusivo appannaggio delle elite...
"Si chiama sogno americano perchè bisogna essere addormentati, per crederci" (George Carlin)
Avatar utente
The Director
 
Messaggi: 4627
Iscritto il: lun mar 19, 2007 10:49 am
Località: prov. di Torino

Torna a FORUM 111: ALTRE DISCUSSIONI

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti

cron