Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Reception

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
Recensione
09-03-2019 : MZ.412
Dopo il gustoso antipasto vinilico dello scorso giugno "Ulvens Broder", ecco infine giungere l'annunciato "Svartmyrkr", sesto studio-album firmato Mz.412 che arriva a quasi 13 anni di distanza dall'ultimo full-length "Infernal Affairs" del 2006. Confezionato in un lussuoso digipack a sei pannelli, il nuovo full-length degli originatori del black industrial è senza dubbio una delle uscite più attese del settore, e lo sa bene l'inglese Cold Spring, che dopo aver ristampato anni addietro tutti e cinque gli album precedenti, appronta stavolta anche due edizioni nel formato LP: una nel classico colore...
 
Recensione
09-03-2019 : ANGELIC FOE
Senza dubbio Annmari Thim è un'artista che ama fare le cose con calma e senza fretta, tant'è che sono infatti passati quasi tre anni e mezzo dal precedente full-length "Mother Of Abominations". Messa in piedi lo scorso anno la propria label personale Dark Chamber Records, l'esperta cantante e musicista svedese - voce degli Arcana dal 2001 al 2014, nonché impegnata in altri superbi progetti attualmente in stasi come Seventh Harmonic e VoidWork - ha unito le forze col nuovo sodale Fredrik Hermansson (ex Pain Of Salvation e ad oggi membro effettivo di Angelic Foe) per dare vita alla terza fatica del suo progetto....
 
Recensione
09-03-2019 : BOW GAMELAN ENSEMBLE
Ristampa su CD per Cold Spring del rarissimo LP datato 1988 di questo trio inglese pioniere della sperimentazione sonora, che lo ha visto utilizzare nelle sue performance uditivo-visive strumentazioni alquanto singolari e decisamente inusuali, sicura ispirazione per molti collettivi di musica industriale che seguirono nel vero senso del termine. Si riconosce un approccio percussivo tipico della musica Gamelan (la tradizionale formazione indonesiana composta da persone che suonano prevalentemente strumenti metallici), eseguito però su materiale tutt'altro che comune come rottami metallici, cerchioni di automobili, campane di varia...
 
Recensione
09-03-2019 : HOLOTROP & VRNA
Nuova release collaborativa per il longevo progetto Urna (o Vrna) di Gianluca Martucci, che stavolta divide gli sforzi col quotato act tedesco Holotrop, condotto da quel Tino Seibt che gestisce anche l'etichetta produttrice Qualia. Racchiuso in una pregiata confezione A5 in cartoncino, completa di inserto grafico/informativo con lo splendido artwork firmato da Gianluca e limitata a 200 esemplari (cui si aggiungono i 25 della limitatissima edizione in cassetta), "Enkoimesis", nei suoi quattro atti denominati "Onirokon" con a fianco il numero progressivo romano, unisce le abilità di due nomi di alto livello...
 
Recensione
09-03-2019 : ZENI GEVA & STEVE ALBINI
Doppio CD in confezione digipak a sei pannelli che propone tutti i pezzi collaborativi tra Zeni Geva (KK. Null) e Steve Albini (Shellac, Big Black), incluse anche rare tracce bonus provenienti dal 12" ultra-limitato "Superunit" con mastering a nome Denis Blackham, leggenda inglese nel suo campo. Gli amanti delle sonorità noise e sludge troveranno sicuramente pane per i loro denti tra le tracce del primo CD "Nai Ha" - si ascoltino pezzi come "Shirushi", la title-track, "Terminal Hz", "Painwise" - assieme a proposte più strenuamente punk ("Intercourse") o altre...
 
Recensione
09-03-2019 : DER BLUTHARSCH AND THE INFINITE CHURCH OF THE LEADING HAND
Al netto delle release collaborative e/o minori, "Wish I Weren't Here" è il successore del ben accolto "What Makes You Pray", penultimo album per Albin Julius e soci rilasciato il 31 ottobre del 2017. La formula della seconda stagione artistica di DB e della sua "chiesa" è quella che abbiamo ormai imparato a conoscere in particolar modo dal 2011, quando il cambio di rotta - già attuato dal 2005 - è stato definitivamente ufficializzato con l'allungamento del monicker e le cose hanno preso una piega lisergica ben definita, e quest'ultima fatica - che uscirà anche in due versioni...
 
Recensione
09-03-2019 : SONOLOGYST
Riedizione in digipak per l'inglese Cold Spring con mastering a nome Martin Bowes per questo concept della creatura multiforme di Raffaele Pezzella, originariamente uscito in solo formato digitale nel 2015 (e poi stampato su vinile in 300 copie nel 2017 dalla Nocturnal Anomalies Publishing, ormai già sold out) ed incentrato sui cosiddetti Man In Black, o Silencers, e tutto il mondo di teorie del complotto che ruotano attorno a queste misteriose figure che agiscono nell'ombra dissimulando, insabbiando verità e depistando, personaggi talmente affascinanti da meritarsi un intero libretto di otto pagine pieno di racconti e teorie...
 
Recensione
09-03-2019 : THE PRICE
Definire Marco Barusso semplicemente come un musicista "di esperienza" suonerebbe riduttivo, poiché se da un lato è vero che a livello di band ha militato nei soli Cayne e negli Heavy Metal Kids, è nelle vesti di produttore, arrangiatore, chitarrista e sound engineer che la lista delle sue illustri collaborazioni colpisce: dai Coldplay a Ramazzotti, dai Lacuna Coil alla Pausini, dai 30 Seconds To Mars a Nek, dagli HIM a Ruggeri, passando per Pooh, Bennato, Paola Turci, Roby Facchinetti etc., oltre ad essere anche insegnante in corsi per tecnici del suono. Un'esperienza vastissima e di prestigio che lo ha...
 
Recensione
09-03-2019 : VIDI AQUAM
A cinque anni di distanza da "Fog Vision" torna il trio post-punk milanese dei Vidi Aquam con un miniCD dedicato a quella Berlino che inesorabilmente sta morendo e dimenticando il proprio passato sotto i colpi della gentrificazione di interi quartieri, del turismo di massa e dei gruppi di pseudo-artisti che cercano nella capitale tedesca una sorta di riscatto egocentrico, trasformandola in un Paese dei Balocchi dove annichilimento ed autodistruzione diventano la prassi che va a sporcare ulteriormente l'immagine di una città un tempo gloriosa e fiera. Cinque le tracce incluse nel dischetto - limitato a 300 esemplari e prodotto...
 
Recensione
09-03-2019 : SVART1
Ormai forte di una corposa discografia, fatta di oltre venticinque pubblicazioni in vari formati (incluso quello digitale) dal 2007 ad oggi fra lavori propri e collaborazioni varie, il progetto di Raimondo Gaviano si è fatto strada nel sottobosco dark ambient ed industrial, ritagliandosi un proprio spazio. "Frozen Chants", ultima uscita del progetto del musicista cagliaritano, è la prima release prodotta per la Luce Sia, come di consueto nel classico formato in cassetta limitato a 60 copie complete di elegante j-card. A differenza di altri lavori precedenti, in cui la componente industrial giocava un ruolo importante,...
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>