Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Reception

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
Recensione
16-10-2021 : SATORI
Tornato al comando della sua creatura nel 2014, dopo una parentesi che ha visto Satori gestito da Justin Mitchell (boss della Cold Spring) e Neil Chaney (Pessary), lo storico membro fondatore Dave Kirby si ritrova a gestire interamente quello che ora è a tutti gli effetti il suo solo-project. È nuovamente la russa COD, che già aveva curato l'uscita di "Dispøssessiøn" nel 2018, ad occuparsi della pubblicazione (avvenuta lo scorso aprile), sia nelle fatidiche 97 copie numerate a mano del CD in confezione apribile simil-vinile, sia nelle 47 del formato in cassetta. Se gli anni di Mitchell e Chaney...
 
Recensione
16-10-2021 : VV.AA.
Cinque anni dopo il primo volume, la tedesca The Epicurean - che da poche settimane ha purtroppo chiuso i battenti - è tornata ad omaggiare il celebre e compianto percussionista australiano John Murphy, scomparso in quel di Berlino l'11 ottobre del 2015 all'età di 56 anni. Fautore, membro e collaboratore di innumerevoli progetti dagli anni '80 fino al decesso, sempre a cavallo fra il rumore industriale ed il neofolk, Murphy era stato degnamente celebrato un lustro fa con un triplo CD che ne esplorava la carriera in lungo e in largo, toccando le collaborazioni più prestigiose (Whitehouse, SPK, Lustmord, Genocide Organ, :Of...
 
Recensione
16-10-2021 : GYDJA
Progetto dalla ventennale esperienza, Gydja è l'act principale della neozelandese Abby Helasdottir, che ricordiamo attiva in passato con meteore della scena industrial/ambient quali Clear Stream Temple e Torture By Roses. Giunto all'undicesimo lavoro sulla lunga distanza, il progetto torna alla corte di quella Winter-Light che già lo aveva ospitato in occasione di una compilation nel 2017, e che ora ne pubblica la nuova fatica nelle 200 copie del pregevole digipack a sei pannelli. Da sempre molto matura, la dark ambient di Abby si muove attraverso dense ed ampie masse dronico/melodiche, ben rifinite e ricche di dettagli come di...
 
Recensione
16-10-2021 : THE UNDERGROUND YOUTH
A più di dieci anni dagli esordi, gli inglesi The Underground Youth continuano la loro avventura discografica con "The Falling", disco per il quale il cantante e leader Craig Dyer, Olya Dyer (batterista e corista, nonché compagna di Craig) e i fidati Leo K. (chitarra) e Max James (basso) omaggiano in maniera più decisa tutta una serie di suoni decadenti e malinconici resi famosi da artisti del calibro di Nick Cave, Leonard Cohen e molti altri. Ascoltando quest'ultima fatica del quartetto di Manchester (ora riposizionato a Berlino), si ha come l'impressione che i singoli musicisti abbiano voluto marchiare a fuoco...
 
Recensione
16-10-2021 : RAPOON / LORDS OF INFINITY
Da sempre avvezzo alle collaborazioni con altri act, il veterano britannico Robin Storey, mente unica del longevo progetto Rapoon e co-fondatore degli Zoviet France, condivide stavolta l'uscita - un bel digipack a sei pannelli edito in 500 esemplari - col giovane duo russo Lords Of Infinity, composto da Marina Kryzhanovskaya e Mikhail Kiryukhin e con all'attivo una manciata di uscite digitali tra il novembre del 2017 ed il maggio del 2019. Pubblicato lo scorso marzo con artwork curato dagli stessi protagonisti, il dischetto si apre con le cinque tracce firmate da Storey, che abbandona per l'occasione la propria ormai tipica vena etno-ambient...
 
Recensione
16-10-2021 : WUORNOSAILEEN BANDE
Esce a distanza di quattro anni dall'ultimo lavoro "Inerzia" il nuovo album della band piemontese Wuornosaileen, sempre impegnata ad incrociare rumorismo di stampo industriale e tematiche non necessariamente sensazionalistiche, quanto piuttosto critiche verso una società ormai alla deriva. Le 14 tracce sono incentrate su un noise di sottofondo che quasi commenta i temi affrontati, unendosi in modo nervoso alle parole e richiamando alla mente vecchi act della old school, tra distorsioni fredde e graffianti sferzate elettroniche. La polemica disperata verso il mondo attuale trova la vetta in alcune tracce esemplari...
 
Recensione
16-10-2021 : EE:MAN
Rilasciato nelle fatidiche 300 copie dalla russa ScentAir lo scorso febbraio, "Echoes Of Life" è l'album d'esordio di ee:man, solo-projekt danese che si avvale di collaborazioni esterne per le parti vocali. L'elettronica dell'act scandinavo non insegue né il battito ballabile, né la fisicità in generale, preferendo un approccio atmosferico e raffinato che mette bene in risalto la bontà dei suoni, subito pregevoli nel suadente strumentale "Sektor7". È lo stesso protagonista a cimentarsi vocalmente - con buoni risultati - nella sinuosa e groovy "Searching My Soul", mentre...
 
Recensione
16-10-2021 : IAN WILLIAMS
Dopo due lavori di lunga durata usciti nel 2020, il compositore britannico Ian Williams torna con la sua etichetta Slaughterback per rilasciare il settimo album "All Becomes Desert", pubblicato in una bustina trasparente con artwork a parte, costituito da una cartolina raffigurante una foto scattata dal musicista stesso con la storica pellicola infrarossa a colori falsi Kodak Aerochrome. Le cinque tracce del dischetto sono per lo più improvvisazioni analogiche registrate direttamente su DAT, poi trasferite su di un setup moderno per processarle e mixarle, in cui il Nostro abbandona sia l'utilizzo del piano, sia quell'impiego...
 
Recensione
16-10-2021 : LA FURNASETTA
Usciva lo scorso maggio il nuovo lavoro del collettivo italiano La Furnasetta, di fatto primo album solista dopo alcune collaborazioni. Lo stile è improntato su un industrial lo-fi che strizza l'occhio a situazioni ambientali, ma che funge soprattutto spesso da sottofondo per impianti attenti alle strutture ritmiche. I toni appaiono grezzi e mai troppo aggressivi, mentre sia le ritmiche che alcune soluzioni sintetiche rimandano di netto ad un melange retrò con ammiccamenti anni '80 e '70. Molta la carne al fuoco, e non sempre gestita al meglio: a volte si indovinano gli intrecci giusti ("Sparwasser"), altre si cade in...
 
Recensione
16-10-2021 : ELECTRONICDEATHBLACKDOGS
Progetto ancor giovane ma già molto prolifico nel formato digitale (ben otto uscite in due anni), EDBD dello scozzese R. Graham giunge alla prima release fisica su CD, pubblicata dall'americana Noctivagant nelle consuete 100 copie numerate a mano in confezione cardboard. Liberamente ispirato al classico di Lovecraft "I Sogni Nella Casa Stregata", "Dismal Dreams..." si muove entro i confini di una dark ambient misterica piuttosto canonica, dove synth dalle pulsioni vintage, posati su field recordings che talvolta scadono nel fruscio di fondo, donano quel tocco da soundtrack che anima la natura filmica di certi...
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>