Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 102

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
06-06-2018 : NOTHING:ALWAYS:WORKS
NOTHING:ALWAYS:WORKS
Per parlare del progetto di Alexandre Abrunhosa dobbiamo fare un salto indietro al febbraio 2015, allorquando il musicista portoghese dall'eclettico background (cantante punk, dj e tastierista funky, ma anche impegnato in arti visive,letterarie etc.) decise di mettere in piedi Nothing:Always:Works e di fare irruzione nella scena con un particolare CD-single. L'idea era infatti quella di rendere unica ognuna delle ben mille copie previste del dischetto, anzitutto rompendo la plastica del jewel-case, poi aggiungendovi qualcosa di realmente personale (lo stesso Alexandre non vuole dire di più circa le sostanze di cui sono intrisi i....
 
Recensione
04-04-2018 : FRONTIER GUARDS
FRONTIER GUARDS
Tre anni dopo l'ottimo "Battleground", l'act ceco guidato dal mastermind Martin Pavlík torna con l'atteso quarto album, stavolta sotto l'egida dell'ungherese Advoxya. Coadiuvato per l'occasione da quel Patrik Lev che già aveva collaborato in veste di ospite sugli ultimi due lavori, stavolta non soltanto per le vocals ma anche per la parte musicale, Martin porta avanti nel migliore dei modi il discorso evolutivo intrapreso con grande intelligenza e maestria sin dal secondo full-length "Interface", giungendo passo dopo passo ad una sintesi pressoché perfetta fra l'IDM cinematica a carattere industriale....
 
Recensione
13-03-2018 : CHAINREACTOR
CHAINREACTOR
Uscito a fine novembre in simultanea con la raccolta digitale di rarità e remix "Rare Stuff & Remixes", "Decayed Values" è il sesto album della creatura di Jens Minor, al quale si è unito negli anni in pianta più o meno stabile il sodale e singer Kay Schäfer. Due anni dopo "Dirt" l'act tedesco torna a proporre la propria consolidata formula a base di elettronica ruvida, industrialoide e danceable in chiave rhythmic noise, sempre sotto l'egida di quella Pro Noize che ha dato asilo a Chainreactor sin dal debut del 2009 "X-Tinction". Purtroppo anche stavolta l'apporto....
 
Recensione
08-02-2018 : X-RX
X-RX
Noi lo dicevamo già sette anni fa che il materiale del progetto di Pascal Beniesch, se corredato di vocals, avrebbe assunto tutto un altro senso. Era l'epoca del terzo album "Update 3.0", in cui l'act tedesco operava ancora nel campo minato della rave-music a tinte EBM e le vocals sbucavano fuori giusto in un episodio, laddove invece impazzavano samples talvolta anche irritanti a supporto di un sound eccessivamente ammiccante e pensato unicamente per sfinire i corpi sui dancefloor. Già dal seguente "Activate The Machinez" del 2012 qualcosa iniziava a muoversi in tal senso con qualche cantato in più, ma....
 
Recensione
08-02-2018 : PRO PATRIA
PRO PATRIA
È senza dubbio una bella sorpresa ritrovare lo storico act belga Pro Patria a ben vent'anni di distanza dall'ultimo lascito discografico (l'album "Quod Erat Demonstrandum", prima release nel formato CD dopo tre produzioni su nastro), nonché a ben trenta dalla sua genesi nel lontano 1988. A fondare il progetto fu Peter Vercauteren, oggi residente in Emilia Romagna, pienamente padrone della lingua italiana e rimasto solo al comando, fautore di un inatteso ritorno indotto lo scorso anno dall'invito ricevuto per esibirsi al festival EBM "Familientreffen" nella città di Lipsia. Forte del buon riscontro....
 
Recensione
19-12-2017 : VOMITO NEGRO
VOMITO NEGRO
Quelli della leggenda belga Vomito Negro, pionieri della scuola EBM mitteleuropea, sono stati 35 anni di esistenza non privi di travagli, a partire dalla decade di silenzio intercorsa fra "Wake Up" (1992) e l'album di rientro "Fireball", quest'ultimo rivelatosi poi un esperimento malriuscito che ha portato ad ulteriori otto anni di iato. Dal 2010, e precisamente col ritorno in pista suggellato dall'oscuro e minaccioso "Skull & Bones", le cose sono andate decisamente meglio per la storica creatura del frontman Gin Devo, complice l'arrivo del nuovo sodale e drummer Sven Kadanza, anche se il penultimo album....
 
Recensione
01-12-2017 : SUPER DRAGON PUNCH!!
SUPER DRAGON PUNCH!!
Fra i molti esordi tenuti a battesimo dalla sempre attivissima Echozone c'è quello di SDP!!, progetto belga condotto in solitaria da Jérémie Venganza che debutta con l'EP in esame, confezionato in un gradevole digipack completo di booklet. Lo stesso Jérémie descrive il proprio sound come 'synthpunk/8bit/industrial', anche se in realtà di punk vi è giusto qualche sfumatura vocale (ma pare che dal vivo la faccenda si faccia più energica) e l'aspetto musicale, non certo così retrò, appare più in linea con un'EBM energica che può ricordare certe cose dei Kloq. Un....
 
Recensione
10-07-2017 : INTROSPECT VOID
INTROSPECT VOID
Nonostante il precedente "Reality Is Defective" avesse fatto registrare un buon salto di qualità, gli Introspect Void hanno atteso ben dieci anni per rilasciare il nuovo album, quarto in totale per il collettivo (verosimilmente americano, anche se è difficile trovare riscontri in merito) in vent'anni di attività discografica. Con un nucleo fondante di tre membri ed una dozzina di musicisti che complessivamente hanno gravitato attorno al progetto, l'act ha guadagnato nel tempo una certa credibilità, approdando per questa nuova fatica alla corte della Latex Records di Atlanta dopo tre lavori sostanzialmente....
 
Recensione
22-06-2017 : NOISUF-X
NOISUF-X
L'era in cui viviamo è il trionfo del 'disimpegno', sia esso artistico (leggi: 'arte' che non fa pensare, limitandosi a raccontare il quotidiano e l'ordinario nel modo più inutile e becero) che umano (l'esaltazione dell'ignoranza e della stupidità, assurte a 'virtù' da emulare per non belare fuori dal coro), complici i cosiddetti 'social network' che tirano sistematicamente fuori il peggio dalla gente. Di musica 'disimpegnata' è pieno ovunque: basta accendere la radio o il televisore per sorbirsi la più sterile vacuità, col mondo patinato del 'pop' che è ormai arrivato al totale vuoto....
 
Recensione
22-06-2017 : INSTANS
INSTANS
Fra i molti side-project dei Severe Illusion (Boar Alarm, Analfabetism, Knös, Alvar...) Instans è senza dubbio uno dei più solidi, nonostante una forte vicinanza stilistica proprio con la band-madre. L'ungherese Advoxya, dopo aver ristampato/celebrato a dovere il primo album dei Severe Illusion, immette sul mercato anche l'atteso nuovo lavoro firmato Instans, terzo full-length in undici anni di attività discografica per questo progetto parallelo nato nel 2004. Trascorsi quasi quattro anni dal precedente ed interlocutorio "Understatement", l'act svedese torna con un lavoro diviso in due dischetti (contenenti....
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>