Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 103

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
07-12-2018 : ON THE FLOOR
ON THE FLOOR
Il quartetto di Amburgo non pare intenzionato a perdere altro tempo, e dopo la 'resurrezione' dello scorso anno, concretizzata con la pubblicazione dell'album "Made Of Scars" ad oltre 14 anni di distanza dal precedente "Under A Heart-Shaped Sun", replica col suo terzo full-length a poco meno di un anno dal suddetto rientro. Tempi stretti per una band che, evidentemente, ha una gran voglia di recuperare il tempo perduto, ed a ragion veduta alla luce di quanto ci è dato ascoltare con la nuova fatica, in cui l'electro-goth già sciorinato nei precedenti capitoli raggiunge il suo miglior bilanciamento fra....
 
Recensione
22-10-2018 : BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL
BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL
Dopo un'intensa campagna di finanziamento via Kickstarter, finalmente il dodicesimo studio-album della storica creatura di Sam Rosenthal diviene realtà in due formati: quello in CD (un digipack completo di booklet), limitato a 1000 copie, e quello in vinile, realizzato in 300 esemplari. A poco più di due anni di distanza dal precedente "These Fleeting Moments", Sam prosegue nel suo viaggio a ritroso verso il classico sound che ha contraddistinto molti dei lavori migliori dell'act statunitense (si pensi a titoli come "Mesmerized By The Sirens", "A Chaos Of Desire", "This Lush Garden Within"....
 
Recensione
22-10-2018 : LYCIA
LYCIA
Nell'anno del trentennale dalla sua formazione in quel di Tempe, Arizona, ed a poco più di tre anni dal precedente "A Line That Connects", la storica creatura di Mike VanPortfleet torna col quarto album di quella che viene definita la sua seconda era (complessivamente il dodicesimo in studio), rientrando peraltro nel roster di quella Projekt che fu determinante per l'ascesa del progetto durante tutti gli anni '90. Con David Galas già tornato in formazione da qualche anno, nonché col ritorno di John Fair, Mike e Tara Vanflower danno vita a dieci nuovi brani all'insegna di quei marchi di fabbrica che hanno reso....
 
Recensione
22-10-2018 : SILVER DUST
SILVER DUST
L'eclettico e carismatico quartetto svizzero dei Silver Dust arriva alla sua terza uscita in studio, decisamente una spanna sopra rispetto al precedente "The Age of Decadence". Forti di un leader carismatico come Lord Campbell e di un fervore compositivo che pesca dal rock e dal metal, agghindati con elementi gotici e scenografici sia in sede di ascolto che in live - costumi di epoca vittoriana, scenografie macabre e performance teatrali sono infatti il pane quotidiano della band di Porrentruy, nonché il loro vero elemento distintivo - i Nostri si appoggiano nuovamente alla conterranea Escudero Records ed alla tedesca....
 
Recensione
22-10-2018 : THE CASCADES
THE CASCADES
Poco meno di un anno fa, in occasione dell'uscita del doppio CD celebrativo "Diamonds And Rust", avevamo lasciato in sospeso ogni eventuale giudizio sullo stato di salute dei Cascades in attesa di un nuovo album in studio, nonostante gli inediti inclusi nella raccolta facessero ben sperare. Finalmente, proprio nell'anno che segna il trentennale della band, il sesto album diviene realtà grazie al supporto della vitale Echozone, che già aveva dato alle stampe la suddetta antologia adottando il longevo trio in questa sua 'rinascita', come la Fenice del titolo vuole suggerire. Nulla è sostanzialmente mutato nel....
 
Recensione
30-07-2018 : IKON
IKON
Nel lontano gennaio del 1992, la leggendaria band australiana capitanata da Chris McCarter entrò in studio per le sue prime registrazioni ufficiali, fissando su nastro otto tracce in tre giorni. Svariati problemi tecnici minarono tale sessione, forzando Chris e soci a variare la scelta della song da pubblicare come primo singolo (che alla fine fu "Why" anziché la prevista "As Time Goes By") e ad accantonare una serie di canzoni insoddisfacenti dal punto di vista della qualità audio. Tali brani sono poi riapparsi in vari mix nel corso della lunga carriera dei Nostri (una prima versione di questa....
 
Recensione
30-07-2018 : LOVE IN PRAGUE
LOVE IN PRAGUE
Terzo lavoro sulla lunga distanza per questo duo di Lione che mescola coldwave, post-punk e shoegaze creando un'algida sinergia tra i bagliori chitarristici, le rudimentali percussioni, le tastiere di Benoît ed il ritmico incedere del basso di Chloé. Non nuovo sulla scena, il duo è attivo dal 2007 ed ha collezionato negli anni numerose presenze live a fianco di grandi nomi del genere quali Crocodiles, Clan Of Xymox, Lebanon Hanover, And Also The Trees e Norma Loy. Non è difficile intuire la validità del progetto, anche solo partendo da questa ultima loro uscita per Off World datata Aprile 2018: la proposta....
 
Recensione
02-07-2018 : VLIMMER
VLIMMER
La saga dei 18 EP programmati dall'act tedesco, iniziata nel novembre 2015, giunge alla decima uscita, anche stavolta realizzata sia nel formato CDr (il consueto cardboard con le due istantanee, una recante immagini funzionali al contesto e l'altra coi testi) che in due limitatissime versioni su cassetta (15 copie nere, 10 rosse), oltre che ovviamente in digitale. Alexander Leonard Donat procede spedito nel solco già abilmente e intelligentemente tracciato, rigorosamente all'insegna di un lo-fi ormai caratteristico, continuando a rinnovarsi all'interno della propria ampia concezione stilistica: se resta infatti la darkwave la....
 
Recensione
24-05-2018 : NOX INTERNA
NOX INTERNA
Nei tre anni trascorsi dal terzo album "Spiritual Havoc", il progetto capitanato dal madrileno Richy Nox (ormai da tempo stabilitosi in Germania) ha avuto la possibilità di esibirsi frequentemente dal vivo, testando in lungo e in largo quali soluzioni funzionino meglio in un contesto fondamentale per Nox Interna come quello live. Mentre il quarto full-length è in lavorazione con uscita prevista per il 2019, ad interrompere il digiuno discografico arriva ora questo EP a tre tracce, ben prodotto con l'ausilio dell'esperto Lutz Demmler (ASP) e confezionato in un elegante digipack completo di libretto. Entrambi i nuovi....
 
Recensione
19-04-2018 : FLORIAN GREY
FLORIAN GREY
Senza dubbio un esordio positivo come "Gone" ha garantito a Florian Grey numerose occasioni di esibirsi dal vivo, al punto che quello avviato come un progetto solista dal frontman berlinese si è trasformato in un quartetto a tutti gli effetti. L'altro 'effetto collaterale' dell'ampia attività live è da rintracciarsi nell'evoluzione sonora dell'act tedesco, che ora sviluppa i propri brani in maniera più diretta ed energica rispetto alla composizione più raffinata del debut, spostando il baricentro di un sound inizialmente incentrato su sonorità darkeggianti a cavallo fra pop e rock verso una....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>