Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 104

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
01-12-2017 : ANEMONE TUBE
ANEMONE TUBE
Quando un progetto dalla carriera ventennale rispolvera materiale del primo periodo, spesso l'acquirente di ritrova ad ascoltare suoni e strutture molto più acerbi, ingenui o comunque di caratura inferiore rispetto alla successiva evoluzione stilistica dell'act in esame. Un simile discorso non è però applicabile per Stefan Hanser, noisier tedesco che sin dagli inizi ha colpito nel segno nelle vesti di Anemone Tube, conquistandosi un meritatissimo posto fra i migliori e più solidi progetti industrial del nostro tempo. La trilogia "The Three Worlds", il cui secondo capitolo è l'oggetto di questa....
 
Recensione
01-12-2017 : ALLERSEELEN
ALLERSEELEN
Operazione singolare che vede il recupero, da parte del mastemind Gerhard Hallstatt, della versione originaria e in nuce del classico "Sturmlieder", secondo album di Allerseelen in formato CD uscito in origine nel 1996. A questo vengono aggiunti sette brani dell'epoca mai inclusi nell'album in questione e due remix di pezzi di Agalloch editi nel disco "Whitedivisiongrey" del 2011. Le tracce poi confluite nell'album appaiono complessivamente più rozze e sanguigne, la struttura rimane identica ma con meno frequenze basse ed alcune partiture acustico-strumentali più evidenti. Il risultato finale puntava....
 
Recensione
01-12-2017 : GENETIC TRANSMISSION
GENETIC TRANSMISSION
La Zoharum recupera un vecchio lavoro di Genetic Transmission, il progetto del polacco Tomasz Twardawa ormai fermo da circa 10 anni. Il disco usciva originariamente in formato CDr nel 2006. Composto da sei movimenti senza titolo, propone il classico stile estremo e senza compromessi di Tomasz teso a smontare qualcosa di acusticamente logico, frantumarlo e ricomporlo con un andamento nonsense totalmente privo sia di armonia che di struttura; come di norma per questo autore, al di sotto della sperimentazione più limpida non c'è nulla se non l'autoreferenzialità del rumore ed uno sguardo al maestro Russolo, probabile padre....
 
Recensione
17-11-2017 : ANALFABETISM
ANALFABETISM
Terzo lavoro da studio per il progetto di Fredrik Djurfeldt, che vede un'inaspettata crescita sia sul profilo compositivo che tecnico. "Skammen" consta di sette pezzi che riprendono le redini del post-industrial ambientale con lo sguardo volto in particolare verso l'area death e oscura di matrice scandinava, rivisitata però evitando i soliti clichès e progredendo in modo netto rispetto ad uno standard che, per quanto ancora molto utilizzato, appare nella gran parte dei casi ormai usurato. Alla base dei pezzi vigono toni malsani, rumori saturi, umidità diffuse, aure catacombali e un velo di ruggine che copre....
 
Recensione
17-11-2017 : ARKTAU EOS
ARKTAU EOS
Atteso da un lustro all'appuntamento con un nuovo album, ossia dall'uscita dell'accoppiata targata Svart Records "Ioh-Maera" ed "Unworeldes" del novembre 2012, il duo finnico presenta finalmente il primo lavoro 'estratto' dalle sessioni di registrazione degli ultimi anni. Tornati naturalmente alla casa madre Aural Hypnox, gli Arktau Eos presentano il loro sesto full-length in tre distinte edizioni: quella in CD, limitata a 423 esemplari e confezionata nel formato cardboard apribile dalle dimensioni di un 7" con inserto; quella in vinile, con la medesima tiratura del CD; ed infine una 'special edition' in soli 60 pezzi....
 
Recensione
17-11-2017 : DAY BEFORE US
DAY BEFORE US
Nuovo lavoro per il progetto guidato dal francese Philippe Blache, sempre aderente ad uno stile che punta dritto alla mestizia più totale utilizzando elementi para-sinfonici, drones e synth, recuperando da un lato la lezione di un'elettronica basilare (da certi Depeche Mode fino ai Kirlian Camera) ed unendola a necessità già proprie dell'ambient più oscura e di un'ethereal radicale e cupa. Tutto prende forma da melodie malinconiche e temi lineari di fondo, arricchiti da rumori ad effetto che rimandano spesso a panorami naturali (la pioggia, le voci, il vento) collocando i suoni all'interno di eventi circoscritti,....
 
Recensione
17-11-2017 : DARK AWAKE
DARK AWAKE
L'anno che volge al termine è stato sicuramente molto intenso per il progetto greco: nel mese di maggio è uscito su Twilight Records lo split in compagnia di Hyperborei "Six, Six, Songs", poi a giugno è stata la volta del quinto full-length "Non Omnis Moriar" per la Barbatos Productions, ed infine in ottobre la nostrana Dornwald ha rilasciato (in un essenziale digipack limitato a soli 125 esemplari) l'album in esame, sesto di una discografia che consta complessivamente di undici release dal 2008 ad oggi. Lo stile della creatura di Shelmerdine VI (fondatore del progetto e responsabile di tutte le....
 
Recensione
30-10-2017 : RAISON D'ÊTRE & TROUM
RAISON Dí TRE & TROUM
Secondo lavoro da studio a quattro mani per i due titani di area industriale Raison D'Être e Troum. "XIBIPIIO" giunge dopo due anni dal precedente ed acclamato "De Aeris In Sublunaria Influxu" confermando la capacità di fondere due anime di fatto stilisticamente distanti, attuando una rivisitazione di materiale firmato nel corso di vari anni da Andersson con supporti elettronici su cui ha agito - con una sterminata varietà di strumenti - il duo tedesco, il tutto successivamente passato al vaglio del mastering dello stesso Andersson. Un'opera che nasce elaborata insieme sin dall'inizio, in un passaggio....
 
Recensione
30-10-2017 : PHURPA
PHURPA
Fra le otto uscite firmate dal collettivo russo in questo 2017 ancora non concluso vi è l'album in esame, quinta release per la polacca Zoharum presentata come il seguito del doppio CD "Chöd" del 2016. Doppio è anche l'oggetto di questa recensione: oltre 100 minuti divisi su due dischetti, con una lunga traccia per ciascuno di essi (entrambe senza titolo), nell'elegante confezione ecopak a tre pannelli dal suggestivo artwork di copertina. Lo stile del combo guidato da Alexei Tegin si mantiene entro il solco ben tracciato attraverso un cospicuo numero di lavori, poggiando sempre su ambientazioni droniche corredate....
 
Recensione
30-10-2017 : ALLERSEELEN
ALLERSEELEN
Facciamo un passo indietro fino al dicembre del 2016 per parlare di una notevole ristampa, terzo capitolo di una serie di recuperi che la russa Indiestate Distribution, in collaborazione con Aorta, dedica ai primi nastri che pubblicò Allerseelen. "Autdaruta" usciva in origine nel 1989 e si inseriva all'interno di una vasta produzione su cassetta che avrebbe segnato la carriera del monicker austriaco fino alla metà degli anni Novanta, quando uscì il primo CD "Gotos=Kalanda". Di fatto tutti questi nastri risultavano fino a poco tempo fa inediti in altri formati e ad oggi sono testimonianza di un momento....
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>