Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 104

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
30-10-2017 : PHURPA
PHURPA
Fra le otto uscite firmate dal collettivo russo in questo 2017 ancora non concluso vi è l'album in esame, quinta release per la polacca Zoharum presentata come il seguito del doppio CD "Chöd" del 2016. Doppio è anche l'oggetto di questa recensione: oltre 100 minuti divisi su due dischetti, con una lunga traccia per ciascuno di essi (entrambe senza titolo), nell'elegante confezione ecopak a tre pannelli dal suggestivo artwork di copertina. Lo stile del combo guidato da Alexei Tegin si mantiene entro il solco ben tracciato attraverso un cospicuo numero di lavori, poggiando sempre su ambientazioni droniche corredate....
 
Recensione
30-10-2017 : ALLERSEELEN
ALLERSEELEN
Facciamo un passo indietro fino al dicembre del 2016 per parlare di una notevole ristampa, terzo capitolo di una serie di recuperi che la russa Indiestate Distribution, in collaborazione con Aorta, dedica ai primi nastri che pubblicò Allerseelen. "Autdaruta" usciva in origine nel 1989 e si inseriva all'interno di una vasta produzione su cassetta che avrebbe segnato la carriera del monicker austriaco fino alla metà degli anni Novanta, quando uscì il primo CD "Gotos=Kalanda". Di fatto tutti questi nastri risultavano fino a poco tempo fa inediti in altri formati e ad oggi sono testimonianza di un momento....
 
Recensione
30-10-2017 : HOLOTROP
HOLOTROP
Giovane progetto di provenienza germanica, Holotrop ha finora prodotto i suoi lavori tramite la propria etichetta personale, licenziando formati e confezioni di primo livello che hanno attirato l'attenzione degli appassionati del settore. Questo "Dead Bird Calling" segna il primo contatto con etichette discografiche esterne, ed in particolare con l'esperta Raubbau, già artefice di interessanti produzioni che hanno coinvolto nomi importanti della scena ambient e industriale europea. Lo stile di Holotrop lega atmosfere cupe e ritualistiche a partiture sciamanico-mortuarie, unendo rumori a sfondo evocativo con architetture....
 
Recensione
30-10-2017 : SADIO/CALIGULA031
SADIO/CALIGULA031
Collaborazione vinilica tra gli audioterroristi Marco Deplano e Mikko Aspa, entrambi alle prese con monicker relativamente recenti e testimoni in prima linea dell'attuale evoluzione rumoristica estrema. I tre pezzi di Sadio sono un tripudio di sussulti cacofonici sconnessi in cui vengono alternate fonti diverse, nervose, analogiche, brutalizzate. Il tutto traduce al meglio immagini filmiche estreme in cui il (solito) connubio sesso-violenza la fa da padrone, senza nulla togliere alla qualità disarmonico-estetizzante dei brani, dove l'imprevedibilità delle costruzioni fa il paio con toni contrastanti che assorbono in pieno le....
 
Recensione
21-10-2017 : VV.AA.
VV.AA.
Il colosso delle sonorità più oscure Cold Spring porta a compimento un'operazione particolarmente interessante: quella di far luce sulla scena dark ambient, ritual, drone e noise di un Paese lontano e controverso come l'Iran, in cui - come spiegano le note ufficiali - la natura astratta di questi generi, nonostante le restrizioni imposte alla cultura giovanile, sta permettendo al settore di mettere radici, laddove invece la musica dance continua a trovare ostacoli poiché è illegale per uomini e donne ballare assieme in pubblico. Spazi di manovra che hanno permesso la creazione di una scena piccola ma vitale,....
 
Recensione
21-10-2017 : MACRONYMPHA
MACRONYMPHA
Nome di punta del noise estremo di seconda generazione, l'iperprolifico Joseph Roemer va a dare una nota di esperienza e lustro al catalogo della spagnola Craneal Fracture, di norma avvezza a promuovere progetti giovani e ancora alle prime armi. Lo stile di Macronympha non ha bisogno di tante presentazioni: rumorismo estremo, spericolato e cacofonico elaborato sulla massificazione di elementi distorti, stridenti e rugginosi, il tutto gestito con piglio improvvisato e resa audio rozza, come da protocollo old-school. "Transgenderism" è un EP composto da due tracce senza titolo (una per ogni lato del nastro) che fungono da....
 
Recensione
13-10-2017 : COMMON EIDER, KING EIDER
COMMON EIDER, KING EIDER
Secondo album su Cold Spring per l'esperto collettivo americano guidato da Rob Fisk (Badgerlore, 7 Year Rabbit Cycle ed ex Deerhoof) ed Andee Connors (A Minor Forest, P.E.E., tic war, Lumen ed ex J Church), a circa un anno e mezzo dal precedente e notevole "Extinction". Confezionato in un essenziale digipack con rilievi verniciati e registrato nel 2016 durante quattro rituali collettivi tenutisi in forma privata, il nuovo lavoro - dodicesima release complessiva del progetto in dieci anni - abbandona la matrice doom in favore di movenze dark ambient/drone scevre di quelle percussioni che esaltavano i frangenti più ferali del....
 
Recensione
13-10-2017 : PHURPA
PHURPA
Parallelamente alla cooperazione con altre etichette di settore, il collettivo russo guidato da Alexei Tegin rinsalda il proprio sodalizio con la polacca Zoharum rilasciando la seconda parte dei "rituali del Bön", pubblicata nel formato LP in un'edizione di 300 esemplari e, assieme alla prima parte, anche su audiocassetta in sole 50 copie. Registrato in presa diretta nel sottosuolo moscovita nel 2013, l'album (ottava uscita del combo in questo 2017 ancora non concluso) prosegue nel discorso artistico/spirituale già ben avviato da Alexei e soci, basando sempre la propria intelaiatura sul ben noto 'overtone singing'....
 
Recensione
13-10-2017 : UTON
UTON
Una delle tante uscite firmate dal progetto finnico Uton, avvezzo ad un'ambient sibillina che guarda alla tradizione anni '70 così come alla scena scandinava emersa negli ultimi decenni. "Eternal Flow" consta di un'unica traccia della durata di un'ora, concepita appositamente per non avere né inizio né fine seguendo, appunto, il flusso eterno del titolo. Il sound è strutturato su pochi drones in sovrapposizione che variano in modo impercettibile col passare dei minuti. Si passa da fluttuazioni astrali immerse nell'enigma cosmico a toni radianti, quindi a induzioni ipnotiche su moti ondulatori, fino ad un....
 
Recensione
13-10-2017 : SUDARIA
SUDARIA
"Lucid Nightmare" è uno dei due lavori che segnano, nel 2017, l'avvio del progetto spagnolo Sudaria, gestito da Miguel Souto, musicista che presenta chiare ascendenze black metal. Gli otto brani del disco godono di una certa varietà di soluzioni, sempre percorse da un approccio compositivo minimale e da un audio rozzo e lo-fi, come da protocollo black. La matrice ambientale e cupa si fa sentire in generale con drones e synth torbidi, oltre a una serie di rumori e clangori di chiara marca dark ambient collocati sempre su strutture lineari e fortemente ossessive. La cappa asfissiante ha sussulti inaspettati....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>