Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 107

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
28-11-2021 : PACIFIC 231 - RAPOON
PACIFIC 231 - RAPOON
Ristampa di uno storico album datato 2007 e uscito al tempo per i tipi della nostra Old Europa Cafe, "Palestine" viene riproposto sia in vinile che in CD con copertina variata. Anche il contenuto ha subito modifiche: l'LP mantiene le due lunghe tracce dell'originaria versione standard in CD, mentre la ristampa in digitale vede l'aggiunta della traccia "Al Misr", inclusa solo nel mini allegato alla versione limitata del 2007 e messa a punto a quattro mani dai due autori, oltre ad altri due pezzi che risalgono al mini "El-Arish" del 2009 firmato dal solo Pacific 231. Passando al contenuto del disco,....
 
Recensione
16-10-2021 : IAN WILLIAMS
IAN WILLIAMS
Dopo due lavori di lunga durata usciti nel 2020, il compositore britannico Ian Williams torna con la sua etichetta Slaughterback per rilasciare il settimo album "All Becomes Desert", pubblicato in una bustina trasparente con artwork a parte, costituito da una cartolina raffigurante una foto scattata dal musicista stesso con la storica pellicola infrarossa a colori falsi Kodak Aerochrome. Le cinque tracce del dischetto sono per lo più improvvisazioni analogiche registrate direttamente su DAT, poi trasferite su di un setup moderno per processarle e mixarle, in cui il Nostro abbandona sia l'utilizzo del piano, sia quell'impiego....
 
Recensione
26-09-2021 : ARCHAIC SILENCE
ARCHAIC SILENCE
Esiste veramente un gruppo russo dedito a una sorta di rock sinfonico decadente e compassato volto ad omaggiare la mitologia nordica? Ebbene sì, e si chiamano Archaic Silence. Uscito lo scorso novembre in 500 copie, "The Land Of No Regrets" è un disco voluto fortemente dal cantate d'opera Evgeny Nikitin, baritono dalla voce profondissima che avvolge praticamente ogni singola nota del prodotto. L'album appare fondamentalmente come una sorta di concept non dichiarato sul folklore vichingo, quasi una sorta di viaggio epico e oscuro verso le terre innevate dei mitici Aesir, il tutto caratterizzato da brani piuttosto lunghi....
 
Recensione
31-08-2021 : MARK SEELIG
MARK SEELIG
In un arco temporale lungo sedici anni, a partire da quel "Disciple" autoprodotto nel 2005 (poi ristampato nel 2010 dalla Projekt), il musicista americano Mark Seelig giunge al terzo capitolo della sua "The Disciple Series", un anno dopo il ben accolto "The Disciple's Path". Si tratta anche del terzo lavoro che il Nostro firma da solo, in una discografia che, nell'arco di una ventina di uscite, lo ha visto per lo più condividere le sue opere con nomi del calibro di Byron Metcalf, Loren Nerell e Steve Roach. Realizzato in un essenziale digipack, questo nuovo capitolo vede Mark nuovamente alle prese coi....
 
Recensione
27-06-2021 : ERIK WØLLO
ERIK WLLO
Ormai da tempo parte integrante del roster della blasonata Projekt, il compositore norvegese ne è in breve tempo diventato uno dei nomi di punta, forte di un'esperienza maturata in quarant'anni di dedizione alla ricerca sonora sia come musicista che nelle vesti di produttore. Ennesimo tassello in una discografia che supera i quaranta album pubblicati, "North Star" vede il veterano scandinavo alle prese con le fidate chitarre elettriche/synth, con le percussioni e col programming per creare gli otto episodi di un lavoro fra i più intimi dell'attuale fase della sua carriera, come l'iniziale "Arkipel" mette....
 
Recensione
05-06-2021 : CUCURBITOPHOBIA
CUCURBITOPHOBIA
L'ottava uscita messa a punto dal progetto dello statunitense Rob Benny spiazza col suo incipit, incarnato dalla lunga title-track che, coi suoi 17 minuti, occupa da sola più della metà del minutaggio complessivo: una suite dalle nervose, grezze ed ossessive meccaniche di derivazione metal, fra porzioni al limite del prog e l'apporto delle tastiere quale punto di contatto con l'immaginario horror che da sempre guida la scrittura di Cucurbitophobia. Un inizio inatteso, ma subito la seguente "The Reckoning" riporta in auge il respiro lugubre e cinematico della musica di Rob, lasciando che il piano si alterni con passaggi....
 
Recensione
05-06-2021 : LES PARADISIERS
LES PARADISIERS
Dopo sette anni di silenzio torna a farsi sentire il duo composto da Thomas Nöla, americano con influenze musicali esotiche e mediterranee, e lo chansonnier catalano Demian di Ô Paradis. "Indian Summer" è il quinto album del duo e il primo lontano dai tipi della Disques De Lapin di Nöla, sostituita dalla polacca Wrotycz. Come ben si evince dal titolo e dall'artwork, il lavoro è collegato ad ambienti orientali e indiani, nonché all'esperienza del viaggio rivissuta in chiave sonora ma anche visiva, grazie agli spunti immaginifici dei suoni. Come prevedibile, lo stile unisce toni esotici che....
 
Recensione
14-05-2021 : ORIOM
ORIOM
Le prerogative della tedesca Klangwirkstoff, fra ambient e downbeat alla ricerca di frequenze particolari, con la "ottava cosmica" quale stella polare, vengono pienamente rispettate anche nell'esordio di Oriom, solo-project di quel Rainer Hartmann attivo lungo tutti gli anni 2000 - e tuttora - con band quali Rainer Von Vielen ed Orange. Avendo scoperto ed appreso i segreti del throat singing, il musicista tedesco ha potuto sviluppare con ottimi risultati una vocalità che suona come un ulteriore strumento, e che ben si integra in un lavoro dove ogni brano - come specificano le note ufficiali - è stato composto in una....
 
Recensione
14-05-2021 : VV.AA.
VV.AA.
Compilation sul tema del contrasto tra tutto e nulla, yin e yang e via dicendo, l'eloquente "0/1" raccoglie brani di autori più o meno noti con risultati mai prevedibili o scontati. Gli stili che si succedono rientrano in generale sotto l'aura della sperimentazione più estrema, con passaggi degni di nota e con autori di spessore internazionale. Tra i momenti maggiormente interessanti spicca l'avvio di Shedir, con una semi-sinfonica traccia ambientale forse tra le più accessibili del disco. Decisamente appetibile il minimalismo postmoderno del canadese France Jobin e la silente linea rumorosa dello statunitense....
 
Recensione
14-05-2021 : EMILE BOJESEN
EMILE BOJESEN
Prolifico autore attivo da neanche due anni, Emile Bojesen licenzia questo mini composto da cinque tracce di elettronica minimale e retrò. Ogni pezzo prende vita da uno spunto tonale elettronico ben definito che viene lavorato ed elaborato in un'evoluzione perpetua dotata di ampliamenti, riduzioni, moti ondulatori ed ulteriori strategie audio. Alla base c'è una semplicità compositiva che guarda in parte alla ambient del passato, rivisitata con tecniche moderne ma in cui permane il medesimo spirito essenziale e misterioso. Sicuramente il più rappresentativo tra i pezzi è "Surface 2", la cui lunga....
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>