Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 108

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
07-12-2018 : ATARAXIA
ATARAXIA
Due anni dopo l'eccelso "Deep Blue Firmament", i Cavalieri Erranti dell'Emilia rinsaldano il loro legame con la Sleaszy Rider rilasciando - in un bellissimo digipack completo di ampio booklet - "Synchronicity Embraced", secondo album per l'etichetta greca ed ennesima fatica di una carriera ultratrentennale che li ha visti superare ampiamente i venti lavori in studio. Numeri importanti che, nel caso dello storico act italiano, hanno coinciso con un tasso qualitativo sempre altissimo, senza mai alcun reale passaggio a vuoto. Ed è proprio pensando a tali numeri che si rimane colpiti nel profondo da un lavoro come....
 
Recensione
07-12-2018 : ZOLOFT EVRA
ZOLOFT EVRA
Un emblematico tavolo per autopsie campeggia sulla copertina dell'elegante digipack a sei pannelli che racchiude il terzo album di Zoloft Evra, act internazionale nato nel 2014 per volontà di Adriano Vincenti (Macelleria Mobile Di Mezzanotte, Senketsu No Night Club, Cronaca Nera) e composto da gente d'esperienza proveniente da progetti come Der Noir, Apolokia etc., allargatosi a quartetto sul finire del 2016 con l'ingresso in formazione dell'americano Cory Rowell (Demonologists). Nel loro primo lavoro come quartetto, a poco meno di un anno e mezzo dal più dronico EP su cassetta "Hypoxyphilia", i Nostri recuperano ed....
 
Recensione
07-12-2018 : GINEVRA
GINEVRA
Dopo una manciata di tracce digitali rilasciate tra il 2014 ed il 2016 e più in linea con sonorità darkwave e post-punk, il duo torinese composto da Loris Brunello e Lorenzo Albera è infine giunto lo scorso maggio al debutto sulla lunga distanza, patrocinato dalla giovanissima etichetta Triple Void (anch'essa con base a Torino). Confezionato in un elegante ed essenziale digipack in edizione limitata a 300 esemplari, l'album amplia in maniera rimarchevole il discorso iniziato con le suddette tracce, mantenendo sì il focus puntato su di una darkwave a tinte elettroniche e 'cold', ma facendo anche tesoro sia di certe....
 
Recensione
07-12-2018 : SENKETSU NO NIGHT CLUB
SENKETSU NO NIGHT CLUB
Sono bastati poco più di sei mesi al progetto nato dalla comunione d'intenti fra Adriano Vincenti (Macelleria Mobile Di Mezzanotte, Cronaca Nera) e Giovanni Leonardi (Siegfried, Carnera, Divisione Sehnsucht) per replicare al debut eponimo, stavolta nel formato CD in un'edizione di 300 copie digipack a cura del tandem italo-russo fra la Toten Schwan e la Dark Jazz Records (divisione della Aquarellist). Come recitano le note ufficiali, se il debut era "stordente e sensuale come nelle migliori rappresentazioni del binomio sesso-morte", per contro il nuovo capitolo "rappresenta lo spleen notturno e malinconico, l'erotismo....
 
Recensione
14-11-2018 : SHE SPREAD SORROW
SHE SPREAD SORROW
Dopo una prima edizione in vinile limitata a 300 esemplari e datata maggio 2017, da tempo ormai sold out, finalmente la Cold Spring appronta la stampa nel formato CD - nella mirabile confezione digipack a sei pannelli - del secondo album di She Spread Sorrow, solo-project di quell'Alice Kundalini già nota alle cronache industrial e noise per la sua militanza in act quali Deviated Sister TV e Dead Perfection. Sebbene il terzo full-length "Midori" sia già fuori da un po' (e ci auguriamo di recuperarlo presto in sede di recensione), è con piacere che torniamo su di un'opera che, per tiratura e formato, ha....
 
Recensione
14-11-2018 : ALBERTO NEMO
ALBERTO NEMO
Trascorsi circa sette mesi dal precedente "6x0", l'artista veneziano torna anche stavolta con un EP a sei tracce (il terzo in totale), nella fattispecie confezionato in un bel digipack di formato A5. Coi precedenti lavori abbiamo imparato a conoscere e ad apprezzare l'indole poetica che anima il suono neoclassico/ambientale di Alberto, il quale con la nuova fatica spinge verso l'Assoluto la propria emozionante scrittura, sulle ali di un minimalismo che enfatizza al meglio il profondo intimismo di suoni e voci. È "Ancora", brano vincitore dell'edizione 2018 di "Musicultura", ad aprire l'opera col suo....
 
Recensione
27-09-2018 : ALBIREON
ALBIREON
L'oramai veterano trio emiliano, che proprio quest'anno celebra il ventennale di attività, torna finalmente con un nuovo full - uscito a Maggio in 100 copie oramai esaurite, ma ancora disponibile in formato digitale - dopo l'ottimo split con Omne Datum Optimum di due anni fa. Stavolta sono le forze congiunte di Torredei Records e Toten Schwan a portare alla luce "A Mirror For Ashen Ghosts Part One". A sorprendere è soprattutto questo secondo nome, che con Albireon ha sempre viaggiato su binari paralleli, mai incrociandosi. Solo ascoltando l'album si capisce invece come questo nuovo tassello della loro produzione ben si....
 
Recensione
27-09-2018 : ASHRAM
ASHRAM
La tedesca Dark Vinyl sembra aver puntato il proprio radar verso le migliori eccellenze campane, tant'è che, dopo aver rilasciato un intrigante live in studio dei Corde Oblique, ristampa ora il terzo album degli Ashram, originariamente pubblicato in proprio dalla band stessa nel 2017. Non un caso, probabilmente, visto che gli Ashram condividono due dei tre membri della formazione con gli stessi Corde Oblique, ossia il violinista Edo Notarloberti ed il pianista Luigi Rubino, cui da sempre si affianca il frontman Sergio Panarella. Come detto, "Human And Divine" usciva lo scorso anno a circa undici anni di distanza dal....
 
Recensione
27-09-2018 : MARTYR LUCIFER
MARTYR LUCIFER
Cinque anni dopo "Shards", uscita che raccoglieva tre EP in un'unica soluzione, il progetto del singer e strumentista italiano Martyr Lucifer (noto per la sua militanza in formazioni più metal-oriented come Hortus Animae e Space Mirrors) torna con l'atteso secondo album dopo il debut del 2011 "Farewell To Graveland". Un percorso che ha visto inizi più vicini a certo gothic metal, per poi virare verso il goth-rock dapprima con la suddetta trilogia di EP, e poi in maniera più evidente con la nuova fatica, realizzata coinvolgendo il chitarrista ungherese Nagaarum e, soprattutto, il drummer svedese Adrian....
 
Recensione
30-07-2018 : CANAAN
CANAAN
Ad un anno e mezzo dal precedente ed apprezzato "Il Giorno Dei Campanelli", il combo lombardo guidato dal mastermind Mauro Berchi torna con la nona fatica in 22 anni di attività discografica. La formazione (stavolta a quattro) prosegue nel solco del precedente album, tornando però all'impiego della lingua inglese per i testi, tutti racchiusi nel booklet incluso nella confezione - come al solito di alto livello grafico - in cartonato apribile a sei pannelli. Il suono si mantiene quindi aderente ad un'elettronica filmica ed industriale ascrivibile all'ampio filone della cosiddetta 'ambientronica', come sin dal principio....
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>