Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 108

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
01-12-2017 : ABRAMO
ABRAMO
Il progetto Abramo nasce nel 2013 a Comacchio per volontà di Francesco Stoned (chitarra e voce), il quale, attraverso la costruzione di un sound horror-ambient-drone, intende evocare esperienze primordiali di concerto con la profondità spirituale, talvolta marchiata dallo sconforto. Negli anni seguenti si sono uniti a Francesco la vocalist Laura Desideri, il drummer Gabriele Zannini e l'addetto alla parte elettronica (synth, trattamenti e field recordings) Emanuele Magni, e se dalle poche informazioni ricavate in rete non ci siamo persi qualcosa, la tape in esame (realizzata in un package artigianale con grafica spartana,....
 
Recensione
01-12-2017 : A SPHERE OF SIMPLE GREEN
A SPHERE OF SIMPLE GREEN
Secondo lavoro, giunto a distanza di ben sei anni dal debut "Untitled Soundscapes", per il trio composto da Adriano Orrù, Silvia Corda e dal decano Simon Balestrazzi. "With An Oblique Glance" nasce dall'interazione di spunti stilistici opposti e contrastanti, in una ricerca che probabilmente esula dalla musica puntando ad un'interazione mentale foriera di improvvisazioni costruite, dove suoni e rumori si annodano in architetture surreali e post-moderne. Se da un lato, in rare occasioni, si riesce a seguire una vena compositiva quasi lineare grazie all'introduzione di partiture droniche o percussive che fanno da....
 
Recensione
01-12-2017 : MAURIZIO BIANCHI + ODRZ
MAURIZIO BIANCHI + ODRZ
Collaborazione tra il decano della scena industrial Maurizio Bianchi e il collettivo ODRZ, "MAUBIA55+ODRZ55" consta di tre tracce di rumorismo duro e puro, con un occhio diretto agli anni '80 ed alla old-school del settore e con l'altro (in maniera forse anche indiretta) con uno sguardo al nonsense di marca giapponese. Il primo pezzo è il più articolato dei tre, con una base circolare simil-dub insistente su cui vengono posti a contrasto rumorismi evocativi dal sapore metallico e stridente, creando l'opposizione tra uno scorrimento lineare e uno spezzato e quasi improvvisato, cui si va ad aggiungere una base ritmica....
 
Recensione
17-11-2017 : MASSIMO OLLA
MASSIMO OLLA
Primo album solista firmato col proprio nome per l'italiano Massimo Olla, già noto nelle vesti di Noisedelik, nonché per la sua attività di creatore di strumenti preparati. "Structures" è una sperimentazione che riesce a non perdersi in meandri puramente cerebrali, mantenendosi in bilico tra la necessità di cercare nuove soluzioni e quella di voler comunicare con l'ascoltatore evocando ambientazioni e citando soluzioni stilistiche varie. Leit-motif del disco è un'atmosfera tetra e ombrosa che sfiora la dark ambient per approdare a strutture ondulatorie droniche e oscillanti ("Structure....
 
Recensione
30-10-2017 : PHYSIS
PHYSIS
Nuovo progetto tutto italiano composto da Stefano De Ponti, Emanuele Magni ed Eleonora Pellegrini, Physis prende vita attorno al tema dell'origine della vita stessa, percorrendo coi suoni immagini che rimandano a situazioni primordiali in cui tutto era scandito da bioritmi e regole prettamente naturali, in un ordine ormai scomparso e sostituito attualmente da meccanismi distruttivi e apocalittici. Definito come una performance per corpo e suono, l'album di debutto è il capitolo iniziale di un progetto più ampio che osserva da un lato l'alba del mondo, e dall'altro ragiona sul futuro dell'umanità. Se di fatto i suoni....
 
Recensione
21-10-2017 : SECRET SIGHT
SECRET SIGHT
Consumato il proprio brevissimo ciclo vitale nell'arco di un solo EP nel 2013, gli ex Coldwave sono 'rinati' l'anno seguente sotto il monicker Secret Sight, col quale circa tre anni fa hanno rilasciato il valido debut album "Day.Night.Life". A seguito del tour promozionale il quartetto si è ristretto a trio per la fuoriuscita del singer Matteo Schipsi, con le vocals prese in carica dal chitarrista Cristiano Poli e dal bassista Lucio Cristino, e "Shared Loneliness" è il primo parto col nuovo assetto. Dopo un EP ed un full-length entrambi quanto mai devoti al verbo post-punk più tradizionale, il trio....
 
Recensione
21-10-2017 : NOISE CLUSTER
NOISE CLUSTER
Lavoro di debutto per Noise Cluster, progetto tutto italiano nato dalle ceneri delle collaborazioni tra Flavio "Der Bekannte" Rivabella e Xxxena. L'opera è di fatto un concept che narra, attraverso otto tappe sonore, la storia di una donna portata dal suo uomo in un pianeta remoto, e qui deceduta lasciando parte del suo spirito in una bambola. Il soggetto, ricavato con ampia fantasia da un fatto di cronaca, fornisce lo spunto per una colonna sonora che se da un lato si riallaccia ad alcuni schemi ambient e post-industriali, dall'altro non nega una certa familiarità con la space music degli anni '70 e con evidenti echi....
 
Recensione
21-10-2017 : CORDIS CINCTI SERPENTE
CORDIS CINCTI SERPENTE
Il progetto di vecchia scuola Cordis Cincti Serpente dà un seguito al rientro sulle scene datato ad appena un anno fa col doppio nastro "Noo Yuggoth". Questo "Cenobitorium" consta di tre lunghe tracce che si riagganciano sia alla tradizione ambient più cupa, sia a certi suoni filmici destinati a pellicole orrorifiche. Il tema trattato ci rimanda ad un isolazionismo riflessivo tipico del cenobitismo, ma anche a certa letteratura di genere con particolare riferimento all'autore anglosassone Clive Barker. Sta di fatto che Adrian Marcado (titolare del progetto) riprende schemi noti per dare forma ad atmosfere....
 
Recensione
13-10-2017 : THE FROZEN AUTUMN
THE FROZEN AUTUMN
Ci sono artisti che sentono la necessità di rimettersi sempre in gioco e di provare nuove strade ed altri che invece preferiscono restare fedeli ad uno stile, perfezionandolo sino a fare di esso il proprio marchio di fabbrica più prominente. Di certo i torinesi Frozen Autumn appartengono alla seconda categoria, avendo sempre tenuto fede a quella darkwave elettronica sviluppata con grande passione da oltre vent'anni, rifinendola ed arricchendola nel tempo in uno stile ormai inconfondibile. Una strada meno facile di quanto si pensi, perché per restare con successo nel solco tracciato occorre saper fornire la giusta....
 
Recensione
25-09-2017 : SKAG ARCADE
SKAG ARCADE
EP risalente al maggio del 2016 per il giovane progetto di Paolo Colavita, che intreccia reminiscenze dark ambient di prima generazione con riferimenti tematici e tributi stilistici ben circoscritti. "Pentagram" consta di due tracce di circa dieci minuti ciascuna, basate su un intreccio sonoro rude e metallico arricchito da samples vocali ed inserimenti rumoristici e percussivi congeniali ad un ritualismo rude e selvaggio. Il primo pezzo è una sorta di cupa litania in cui una massa di stridori si muove fino a sfociare in una mole informe e contorta di distorsioni compresse e nere, il tutto senza cadere nella facile trappola....
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>