Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 108

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
12-09-2021 : SORRY, HEELS
SORRY, HEELS
Ci sono voluti oltre sei anni affinché i Sorry, Heels potessero finalmente tornare col successore del debut album "The Accuracy Of Silence", e nel frattempo il progetto fondato dagli ex Chants Of Maldoror Fabiano Gagliano e Davide M. è passato attraverso un dimezzamento dell'organico, con quest'ultimo rimasto solo al comando assieme alla frontwoman Simona. Forti dell'accordo con la brasiliana Wave Records (che pubblica l'album nelle 200 copie dell'elegante ecopack a sei pannelli), i due hanno operato un chiaro cambio di rotta che li vede "sedare" le vibranti derive post-punk e gothic rock dell'esordio,....
 
Recensione
12-09-2021 : BEAT NOIR DELUXE
BEAT NOIR DELUXE
A poco più di un anno dal debut album "Crash", il progetto del sudtirolese Sascha Giacomuzzi torna col follow-up, anche stavolta patrocinato dalla tedesca Echozone in confezione digifile a sei pannelli. Qualche spunto apprezzabile suggeriva come BND potesse fare di meglio col tempo e l'esperienza, ma forse la voglia di rimettersi presto in gioco è stata cattiva consigliera, perché "Werk Zwei" non rappresenta affatto quel salto di qualità che ci aspettavamo. Auspicavamo più spazio per la voce femminile, ed invece è ancora Sascha, coi suoi evidenti limiti, a dominare dietro al....
 
Recensione
31-08-2021 : I GIARDINI DI BOSCH
I GIARDINI DI BOSCH
Il roster della nostrana Industrial Ölocaust è sempre stato costellato di autentici sperimentatori sonori, in un senso o nell'altro, e non è un caso vedere due di essi, nella fattispecie il genovese Stefano Bertoli ed il milanese Luca Ferro, unire le proprie forze in uno sforzo artistico comune, per l'occasione assieme al sassofonista milanese Alberto Macciola. Con un monicker ispirato all'opera del grande pittore olandese Hieronymus Bosch ed un artwork sobrio ma intrigante che va oltre la mera riproposizione di qualche sua opera, i tre danno vita ad una lunga e multiforme traccia della durata di quasi un'ora, "tra new....
 
Recensione
29-07-2021 : AUGUSTINE
AUGUSTINE
Chiunque abbia prestato la giusta attenzione ed i dovuti ascolti a "Grief And Desire", primo album firmato dalla cantante e polistrumentista Sara Baggini col nome d'arte Augustine nel 2018, si sarà di certo accorto delle evidenti potenzialità dell'artista e compositrice nostrana, espletate in un lavoro dal taglio etereo, intimo e dream-pop. Era chiaro che, con simili capacità compositive e vocali, il fatidico cambio di passo avrebbe potuto significare per Sara uno scatto decisivo verso l'eccellenza, e senza dubbio l'apporto di un vero e proprio studio, di abili musicisti e di un adeguato team tecnico - laddove....
 
Recensione
29-07-2021 : EDNA FRAU
EDNA FRAU
Nato per volere di membri dei The Doormen e dei Postvorta, il progetto ravennate a nome Edna Frau si colloca a metà strada tra il post-punk di derivazione moderna ed il rock alternativo animato da diversi accenni di natura onirica e sognante: da questo nasce quindi il loro debutto discografico, "My Ego Is Bigger Than Yours". L' album, caratterizzato da nove canzoni, offre un sound fatto su misura per coloro che amano le sonorità di cui sopra, con conseguente ausilio di filtri vocali riverberati come appoggio sul cantato principale, ravvisabile ad esempio nell'eterea e sospesa "Day One", o accordi di chitarra....
 
Intervista
27-06-2021 : CORAZZATA VALDEMONE
CORAZZATA VALDEMONE
Se avessimo voluto aderire alle sterili e puerili dispute "ideologiche" dei nostri tempi, basate su termini e definizioni che non hanno praticamente più alcuna ragion d'essere, non ci saremmo certo occupati di fare divulgazione musicale in ambito "dark". Già, perché sebbene un certo ex-fenomeno della scena nazionale (le cui sparate non mancano a nessuno) sia riuscito ad appiopparci l'etichetta di "sito d'area" per il solo fatto di aver recensito, nel 2008, un album di SottoFasciaSemplice, nei fatti non abbiamo mai operato alcuna selezione che andasse oltre l'attinenza del genere musicale....
 
Recensione
27-06-2021 : ATARAXIA
ATARAXIA
Lo scorso ottobre, nel trentesimo anno di attività discografica, la band emiliana ha dato alle stampe "Quasar", successore di quel "Synchronicity Embraced" che due anni prima aveva incantato per la sua audacia, ridefinendo i confini stessi del suono dello storico quartetto. Passati sotto l'egida della fiorentina AnnapurnA, che pubblica la nuova fatica in CD digipack (completo di booklet), in formato digibook e nelle 277 copie del vinile, i Cavalieri Erranti dell'Emilia proseguono nel viaggio artistico e sonoro della vita, soffermandosi su sette archetipi arcangelici in sintonia vibrazionale con lo spazio-tempo. Non....
 
Recensione
27-06-2021 : A DISTANT SHORE
A DISTANT SHORE
Chi segue un canale di divulgazione musicale come il nostro conoscerà Riccardo Spaggiari principalmente in qualità di percussionista degli Ataraxia, ma egli ha militato anche nel quartetto indie/post-rock strumentale Amp Rive, assieme fra gli altri al chitarrista Gualtiero Venturelli, che lo affianca anche nella nuova avventura A Distant Shore assieme alla cantante Giovanna Dazzi. Tre artisti di comprovata esperienza (anche in formazioni quali Lampo, John De Farga, Cosmos In Collision e Mojo Workin' Band) che riuniscono forze ed abilità in un nuovo progetto definito electronic dream-gaze, patrocinato dall'americana....
 
Recensione
27-06-2021 : ALAN+
ALAN+
Dall'unione tra Tony Vivona ed Alessandro Casini, entrambi già precedentemente impegnati con progetti indie, sono nati gli Alan+, duo musicale dedito ad un particolare connubio tra post-rock e poesia in cui le parole recitate (i versetti di ogni singolo brano non presentano parti cantate in maniera tradizionale), ispirate ai reading della beat generation, si uniscono a momenti dal vago sapore sperimentale ed elettronico. In "Anamorfosi", secondo lavoro sulla lunga distanza dopo "Suono Di Soho" del 2010, queste due anime contrapposte danno come risultato dieci brani di dignitosa varietà compositiva, in cui gli....
 
Recensione
05-06-2021 : CORAZZATA VALDEMONE
CORAZZATA VALDEMONE
Avevamo lasciato la Corazzata Valdemone tre anni fa, allorquando, con l'ottavo album "Canzoniere Strafottente", il progetto di Gabriele Fagnani passava tra le fila della nostrana SPQR, lasciandosi in buona parte alle spalle i trascorsi industrial (confluiti nell'altro valido progetto Solco Chiuso) per sviluppare - parallelamente ai brani autografi - un percorso di recupero dei canti di guerra relativi alle due Guerre Mondiali. Una scelta coincisa con una nuova e definitiva maturità per un act cresciuto di album in album, ed infine giunto ad una formula in grado di coniugare grande efficacia, impatto, personalità, forza....
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>