Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 108

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
13-03-2018 : VIRIDANSE
VIRIDANSE
Quando parliamo dei Viridanse, parliamo di una delle realtà più importanti dell'underground italico. Questi signori, originari di Alessandria, nei primi anni '80 diedero alle stampe alcune fra le cose più significative della new wave italiana. Il loro album d'esordio "Mediterranea", non a caso uscito per la Contempo Records, pur essendo rimasto chiuso nel circuito underground non aveva nulla da invidiare ai lavori dei campioni new wave dei quel periodo, tipo Diaframma o Litfiba. La loro storia, però, si interruppe dopo appena cinque anni di attività, salvo poi riprendere ufficialmente nel 2014,....
 
Recensione
13-03-2018 : RICHARD VON SABETH
RICHARD VON SABETH
Dopo essersi costruito una solida reputazione attraverso i quattro album dei suoi ottimi Spiral69, il mastermind Riccardo Sabetti s'imbarca - attraverso la sua etichetta personale - in una nuova avventura solista che lo vede assoluto protagonista (assieme a pochi selezionati collaboratori) dietro lo pseudonimo di Richard Von Sabeth. Confezionato in un essenziale quanto gradevole digipack, "The King Of Nothing" consta di nove tracce in cui il Nostro mette a nudo la sua anima più rock, lasciando che sagaci orchestrazioni colorino di tinte scure dal retrogusto goticheggiante una scaletta concisa ma completa e di ampio respiro.....
 
Recensione
13-03-2018 : EGON
EGON
Ispirati nel nome dal pittore Egon Schiele, massimo impressionista del '900, gli Egon tornano alle scene dopo l'esordio "Il Cielo Rosso È Nostro" e lo fanno con un piglio ancora più aggressivo e oscuro. I quattro ragazzi sardi confezionano un album monolitico ma anche ricco di sfumature, nella migliore tradizione del post-punk. Si apre con l'assalto elettrico di "I'm Alive", una dichiarazione d'intenti costruita su un crescendo potente e coinvolgente e che viene riproposta in coda al lavoro in una bella versione acustica. La successiva "Invisibile" inaugura i brani in italiano: testo cupo,....
 
Recensione
08-02-2018 : CALIGULA031
CALIGULA031
Uscito in origine nel 2016 in un set che accorpava un 12" lathe-cut e un nastro per un'edizione di appena 23 copie, "Land Of Opportunity" viene ora ristampato nel più popolare formato CD ed arricchito di due tracce inedite messe a punto nel settembre 2017. Marco Deplano, titolare unico del progetto, non si discosta dagli schemi tematici e sonori da sempre alla base di questo monicker: la prostituzione dei nuovi immigrati e il relativo degrado sociale/psicologico diventano una succulenta fonte d'ispirazione per un autore che forse più di chiunque altro è riuscito ad analizzare coi suoni il disagio e la....
 
Recensione
08-02-2018 : GIANLUCA BECUZZI/MASSIMO OLLA
GIANLUCA BECUZZI/MASSIMO OLLA
Il duo inedito Becuzzi-Olla, l'uno grande interprete della scena wave-EBM italiana degli anni '80 e successivamente fine sperimentatore, l'altro autore recente che ha messo a punto anche una singolare strumentazione di proprio pugno, licenzia un lavoro che unisce esigenze sperimentali e di ricerca con un appeal seducente che non disdegna schemi sonori e compositivi affabili. L'input di partenza è fornito da una serie di 'murder ballads', tema già utilizzato in passato da altri nomi (Nick Cave tra gli altri) atto a ripercorrere alcuni omicidi inquietanti del passato. Alla base di tutto agisce un sound fatto di drones sinuosi e....
 
Recensione
08-02-2018 : WUORNOSAILEEN BANDE
WUORNOSAILEEN BANDE
Nuova opera per questo progetto italiano allargato alla forma "Bande" dal 2015, anno in cui furono messe a punto anche delle modifiche stilistiche che limano il classico approccio post-industriale furente in chiave più minimalista e pura. Di base si procede con sfondi rugginosi, abrasivi o gelidi che hanno il comune denominatore in un'essenzialità mortuaria di matrice elettronica, fredda e ossessiva. In sovrimpressione agiscono pulsazioni elettrificate, toni sibillini, litanie scarne sempre tese a doppiare il senso di insistente gelo da obitorio (eloquente il testo declamato da Mademoiselle Bistouri in....
 
Recensione
19-12-2017 : GIOVANNI LEONARDI
GIOVANNI LEONARDI
Non pago dei positivi riscontri ottenuti con progetti di alto livello come Carnera e Divisione Sehnsucht, oltre all'ampiamente celebrata band-madre Siegfried, il sassolese Giovanni Leonardi ha trovato un'ulteriore valvola di sfogo creativo nel solo-project che porta il suo stesso nome, con cui ha positivamente esordito lo scorso marzo. Solo con le sue amate macchine analogiche e libero di lasciare spazio all'improvvisazione, col debut "The Alchemist Organizer" Giovanni ha reso omaggio alla miglior 'kosmische musik' settantiana, in un album poliedrico quanto egli stesso. Ed è facile desumere che ci abbia preso gusto, dal....
 
Recensione
19-12-2017 : BAD SECTOR
BAD SECTOR
Già uscito nel 2015 esclusivamente in formato download, "Absolute" è un mix di materiale che Massimo Magrini, alias Bad Sector, ha recuperato dal passato: si tratta di una parte di stralci audio d'archivio relativi a colonne sonore di vario genere a cui l'autore ha lavorato nel corso della sua carriera. Le dodici tracce hanno stranamente una profonda omogeneità: basate su drones o tappeti audio dilatati di norma armonici e cupi, vengono costantemente battute da rumori secchi, probabilmente ricavati dalla realtà o dalla quotidianità e non di rado trasformati in linee semi-ritmiche fredde e astratte.....
 
Recensione
19-12-2017 : ANGELO BIGNAMINI
ANGELO BIGNAMINI
In un catalogo ormai decisamente ampio, la label italiana Luce Sia mantiene sempre uno spazio riservato alle giovani leve: tra queste compare anche Angelo Bignamini, autore attivo in svariati progetti non di rado aderenti alle sperimentazioni post-industriali e alla manipolazione del rumore. "Decay" è un EP che si snoda lungo un'unica traccia (di fatto divisa nei due lati del nastro), alternando una serie di soluzioni che assumono le sembianze di idee o excerpts frutto di un flusso sonoro che diventa specchio di un flusso mentale, probabile eco di un passato fotografato attraverso il recupero di materiale audio. Angelo lavora....
 
Recensione
01-12-2017 : ABRAMO
ABRAMO
Il progetto Abramo nasce nel 2013 a Comacchio per volontà di Francesco Stoned (chitarra e voce), il quale, attraverso la costruzione di un sound horror-ambient-drone, intende evocare esperienze primordiali di concerto con la profondità spirituale, talvolta marchiata dallo sconforto. Negli anni seguenti si sono uniti a Francesco la vocalist Laura Desideri, il drummer Gabriele Zannini e l'addetto alla parte elettronica (synth, trattamenti e field recordings) Emanuele Magni, e se dalle poche informazioni ricavate in rete non ci siamo persi qualcosa, la tape in esame (realizzata in un package artigianale con grafica spartana,....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>