Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 108

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
08-02-2018 : WUORNOSAILEEN BANDE
WUORNOSAILEEN BANDE
Nuova opera per questo progetto italiano allargato alla forma "Bande" dal 2015, anno in cui furono messe a punto anche delle modifiche stilistiche che limano il classico approccio post-industriale furente in chiave più minimalista e pura. Di base si procede con sfondi rugginosi, abrasivi o gelidi che hanno il comune denominatore in un'essenzialità mortuaria di matrice elettronica, fredda e ossessiva. In sovrimpressione agiscono pulsazioni elettrificate, toni sibillini, litanie scarne sempre tese a doppiare il senso di insistente gelo da obitorio (eloquente il testo declamato da Mademoiselle Bistouri in....
 
Recensione
19-12-2017 : GIOVANNI LEONARDI
GIOVANNI LEONARDI
Non pago dei positivi riscontri ottenuti con progetti di alto livello come Carnera e Divisione Sehnsucht, oltre all'ampiamente celebrata band-madre Siegfried, il sassolese Giovanni Leonardi ha trovato un'ulteriore valvola di sfogo creativo nel solo-project che porta il suo stesso nome, con cui ha positivamente esordito lo scorso marzo. Solo con le sue amate macchine analogiche e libero di lasciare spazio all'improvvisazione, col debut "The Alchemist Organizer" Giovanni ha reso omaggio alla miglior 'kosmische musik' settantiana, in un album poliedrico quanto egli stesso. Ed è facile desumere che ci abbia preso gusto, dal....
 
Recensione
19-12-2017 : BAD SECTOR
BAD SECTOR
Già uscito nel 2015 esclusivamente in formato download, "Absolute" è un mix di materiale che Massimo Magrini, alias Bad Sector, ha recuperato dal passato: si tratta di una parte di stralci audio d'archivio relativi a colonne sonore di vario genere a cui l'autore ha lavorato nel corso della sua carriera. Le dodici tracce hanno stranamente una profonda omogeneità: basate su drones o tappeti audio dilatati di norma armonici e cupi, vengono costantemente battute da rumori secchi, probabilmente ricavati dalla realtà o dalla quotidianità e non di rado trasformati in linee semi-ritmiche fredde e astratte.....
 
Recensione
19-12-2017 : ANGELO BIGNAMINI
ANGELO BIGNAMINI
In un catalogo ormai decisamente ampio, la label italiana Luce Sia mantiene sempre uno spazio riservato alle giovani leve: tra queste compare anche Angelo Bignamini, autore attivo in svariati progetti non di rado aderenti alle sperimentazioni post-industriali e alla manipolazione del rumore. "Decay" è un EP che si snoda lungo un'unica traccia (di fatto divisa nei due lati del nastro), alternando una serie di soluzioni che assumono le sembianze di idee o excerpts frutto di un flusso sonoro che diventa specchio di un flusso mentale, probabile eco di un passato fotografato attraverso il recupero di materiale audio. Angelo lavora....
 
Recensione
01-12-2017 : ABRAMO
ABRAMO
Il progetto Abramo nasce nel 2013 a Comacchio per volontà di Francesco Stoned (chitarra e voce), il quale, attraverso la costruzione di un sound horror-ambient-drone, intende evocare esperienze primordiali di concerto con la profondità spirituale, talvolta marchiata dallo sconforto. Negli anni seguenti si sono uniti a Francesco la vocalist Laura Desideri, il drummer Gabriele Zannini e l'addetto alla parte elettronica (synth, trattamenti e field recordings) Emanuele Magni, e se dalle poche informazioni ricavate in rete non ci siamo persi qualcosa, la tape in esame (realizzata in un package artigianale con grafica spartana,....
 
Recensione
01-12-2017 : A SPHERE OF SIMPLE GREEN
A SPHERE OF SIMPLE GREEN
Secondo lavoro, giunto a distanza di ben sei anni dal debut "Untitled Soundscapes", per il trio composto da Adriano Orrù, Silvia Corda e dal decano Simon Balestrazzi. "With An Oblique Glance" nasce dall'interazione di spunti stilistici opposti e contrastanti, in una ricerca che probabilmente esula dalla musica puntando ad un'interazione mentale foriera di improvvisazioni costruite, dove suoni e rumori si annodano in architetture surreali e post-moderne. Se da un lato, in rare occasioni, si riesce a seguire una vena compositiva quasi lineare grazie all'introduzione di partiture droniche o percussive che fanno da....
 
Recensione
01-12-2017 : MAURIZIO BIANCHI + ODRZ
MAURIZIO BIANCHI + ODRZ
Collaborazione tra il decano della scena industrial Maurizio Bianchi e il collettivo ODRZ, "MAUBIA55+ODRZ55" consta di tre tracce di rumorismo duro e puro, con un occhio diretto agli anni '80 ed alla old-school del settore e con l'altro (in maniera forse anche indiretta) con uno sguardo al nonsense di marca giapponese. Il primo pezzo è il più articolato dei tre, con una base circolare simil-dub insistente su cui vengono posti a contrasto rumorismi evocativi dal sapore metallico e stridente, creando l'opposizione tra uno scorrimento lineare e uno spezzato e quasi improvvisato, cui si va ad aggiungere una base ritmica....
 
Recensione
17-11-2017 : MASSIMO OLLA
MASSIMO OLLA
Primo album solista firmato col proprio nome per l'italiano Massimo Olla, già noto nelle vesti di Noisedelik, nonché per la sua attività di creatore di strumenti preparati. "Structures" è una sperimentazione che riesce a non perdersi in meandri puramente cerebrali, mantenendosi in bilico tra la necessità di cercare nuove soluzioni e quella di voler comunicare con l'ascoltatore evocando ambientazioni e citando soluzioni stilistiche varie. Leit-motif del disco è un'atmosfera tetra e ombrosa che sfiora la dark ambient per approdare a strutture ondulatorie droniche e oscillanti ("Structure....
 
Recensione
30-10-2017 : PHYSIS
PHYSIS
Nuovo progetto tutto italiano composto da Stefano De Ponti, Emanuele Magni ed Eleonora Pellegrini, Physis prende vita attorno al tema dell'origine della vita stessa, percorrendo coi suoni immagini che rimandano a situazioni primordiali in cui tutto era scandito da bioritmi e regole prettamente naturali, in un ordine ormai scomparso e sostituito attualmente da meccanismi distruttivi e apocalittici. Definito come una performance per corpo e suono, l'album di debutto è il capitolo iniziale di un progetto più ampio che osserva da un lato l'alba del mondo, e dall'altro ragiona sul futuro dell'umanità. Se di fatto i suoni....
 
Recensione
21-10-2017 : SECRET SIGHT
SECRET SIGHT
Consumato il proprio brevissimo ciclo vitale nell'arco di un solo EP nel 2013, gli ex Coldwave sono 'rinati' l'anno seguente sotto il monicker Secret Sight, col quale circa tre anni fa hanno rilasciato il valido debut album "Day.Night.Life". A seguito del tour promozionale il quartetto si è ristretto a trio per la fuoriuscita del singer Matteo Schipsi, con le vocals prese in carica dal chitarrista Cristiano Poli e dal bassista Lucio Cristino, e "Shared Loneliness" è il primo parto col nuovo assetto. Dopo un EP ed un full-length entrambi quanto mai devoti al verbo post-punk più tradizionale, il trio....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>