Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 109

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Intervista
08-08-2013 : KENTIN JIVEK
KENTIN JIVEK
Il suo ultimo lavoro "Six Diamonds" ha suggellato la consacrazione del suo stile unico, eterogeneo e ispirato, nonostante le difficoltà dell'autoproduzione. Anima di una rinascita nel neofolk partita da oltralpe, in grado di influenzare la scena a venire. Kentin Jivek è la rappresentazione del musicista indipendente, in grado di creare attorno a sé un seguito appassionato, dopo anni di intenso lavoro discografico e prestigiosi live al seguito di act storici. La conferma di una realtà musicale che non si arrende alle leggi del mercato, e neanche a quelle dell'algida vita moderna. Darkroom è stata....
 
Recensione
08-08-2013 : JOY SHANNON AND THE BEAUTY MARKS
JOY SHANNON AND THE BEAUTY MARKS
Chi nel vivere da ascoltatore la propria passione per la musica ha scelto di cercare sempre e comunque, con uno spirito critico che non si preclude nulla a priori, al di là di cosa abbia visibilità o meno anche nei canali cosiddetti 'alternativi', sa bene come potenzialmente la cosa migliore sia sempre dietro l'angolo ed è conscio di come, in questo mondo sballato, sia impossibile non venire a contatto con la spazzatura spacciata oggi per pop quanto possibilissimo perdersi autentiche chicche, nascoste chissà dove nella speranza di un incontro fortuito... Dopo l'ascolto di un disco come "The Oracle", ci....
 
Recensione
01-08-2013 : VV.AA.
VV.AA.
Già creatore di vari progetti di ambito industriale (tra i più noti vanno annoverati almeno Ouroboros e Permafrost), scopritore, con le sue label Invisible Eye Productions e Inchiostrum Records, di nuove band e artefice di linee produttive ambiziose come la serie Tarot, l'aretino Marco Grosso lancia adesso la nuova release Mysterya, un periodico a cadenza mensile incentrato sulla cultura esoterica e accompagnato da una mini-compilation di cinque brani. Il libretto di sedici pagine e formato A5 ha carattere divulgativo ed affronta con competenza ed obbiettività alcune tematiche legate alla filosofia, alla magia, ai simboli....
 
Recensione
19-06-2013 : KENTIN JIVEK
KENTIN JIVEK
Il ritorno sulle scene di Kentin Jivek, cantautore ambient/folk francese di cui abbiamo potuto già cantare le lodi lo scorso anno con l'ottimo album "Third Eye", non poteva essere più sorprendente. Rilasciato sulla piattaforma iTunes lo scorso marzo, ma ora disponibile anche in formato CDr, "Six Diamonds" suggella la grandezza poetica di un artista che, assieme alle ultime prove di The Enchanted Wood e Opium Dream Estate, nomina la Francia nuova sede ufficiale per il neofolk più innovativo. Un artista prolifico, che dal 2009 ha contato un LP ogni anno, incluse svariate partecipazioni a side-projects,....
 
Recensione
30-05-2013 : VALERIO ORLANDINI
VALERIO ORLANDINI
Dopo alcune uscite disponibili solo in download, Valerio Orlandini appronta un demo-CD di sei tracce per presentare su supporto fisico quanto di buono ha firmato col suo nome in questi ultimi anni. Già noto nella scena con l'act Symbiosis, l'autore toscano passa da suoni eterei e sottili ad una dark ambient torbida, che unisce le atmosfere metalliche di alcuni nomi della prima Cold Meat Industry con percussioni martellanti e nitide che ricordano il :Wumpscut: degli albori o i Kirlian Camera più monumentali. Sul versante ambientale si passa da brani dronici e rarefatti come "Le Carceri" ai classici rumori ad effetto di....
 
Recensione
01-05-2013 : EVESTUS
EVESTUS
Uscito negli ultimi giorni del 2012, questo breve e conciso EP segna un nuovo traguardo nella carriera dell'act estone, dopo il notevole terzo album "This Is Dramacore" del 2010. Il chiaro intento dei cinque nuovi brani proposti dal four-piece guidato dal carismatico frontman Ott Evestus è quello di rendere le intuizioni dell'eclettico album di cui sopra ancor più dirette e facilmente fruibili, soprattutto nel contesto live, avvicinando il suono ad un electro-industrial-rock che va dritto al punto, astutamente spogliato di tutti gli orpelli che lo appesantivano. Ne è la più chiara dimostrazione l'iniziale....
 
Recensione
06-03-2013 : NIGHTMARE OF CAIN
NIGHTMARE OF CAIN
Il giovane solo-project fondato nel 2010 dal tedesco Gary Meyer torna a farsi sentire dopo il singolo autoprodotto di fine 2011 "Schwarze Witwe" e l'album "Tanz In Den Untergang" dello scorso aprile, quest'ultimo rilasciato dalla discontinua Whiterock Records. Scelta ancora una volta la via della produzione in proprio, il Nostro ci propone quattro nuovi brani in linea con l'incendiaria e moderna (inteso come ricca di riferimenti melodici alla techno) harsh-EBM saggiata in precedenza, mentre due sono i remix che completano la tracklist. Forte dell'apporto per mixaggio e mastering dell'attivissimo X-Fusion, e quindi di un....
 
Recensione
13-01-2013 : JAGGERY
JAGGERY
Due anni fa scoprivamo con voi lettori una misconosciuta ma grande realtà musicale d'oltreoceano, segnatamente da Boston: un quintetto di nome Jaggery dalla curiosa formazione (piano/voce, arpa, viola, contrabbasso e batteria), all'epoca già autore di un album e di un EP, guidato dalla figura carismatica della cantante e pianista Mali Sastri. "Upon A Penumbra", secondo album del combo, ci aveva sorpreso e colpito profondamente per la magnificenza delle sue canzoni così profonde e passionali, capaci di andare oltre gli schemi del jazz, della darkwave, della musica classica, delle derive avanguardistiche e di....
 
Recensione
04-12-2012 : BONA HEAD
BONA HEAD
Roberto Bonazzoli alias Bona Head torna in gran forma con un nuovo lavoro del suo progetto solista a tutti gli effetti, lontano dalle pennate elettriche e britpop dei suoi SHW, solo ad un anno di distanza dal già molto valido "Colours Doors Planet", debutto marchiato a fuoco da tematiche introspettive e ricercatezza concettuale. Il prolifico e modesto Roberto prosegue l'avventura iniziata un anno fa con un nuovo album che sarebbe improprio definire comunemente come un concept. "The Path" è un'avventura ricollegata al lavoro precedente, un'esperienza criptica, fiabesca e ascetica. Non catartica viste le....
 
Recensione
04-12-2012 : PSYCHO KINDER
PSYCHO KINDER
Dopo un singolo che abbiamo avuto la fortuna di recensire sulle nostre pagine, gli Psycho Kinder tornano sul mercato con un lavoro più esaustivo. Un EP anche questa volta autoprodotto, con una tiratura di sole 100 copie. La tracklist contiene i due brani già recensiti per l'omonimo singolo di debutto, vale a dire la 'futurista' "2009" e "Un Uomo", intrisa di superomismo nietzschiano. La band del vocalist e ispirato paroliere Alessandro Camilletti, completata dal chitarrista Giorgio Mozzicafreddo e dal bassista Riccardo Camilletti, ripropone le sue influenze post-punk che inneggiano all'esistenzialismo dei Joy....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>