Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 101

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
20-12-2015 : NIHILTRONIX
NIHILTRONIX
Torna in grande spolvero Soldat Arnaud, dopo un lungo periodo di silenzio artistico. L'autore francese, noto soprattutto per il progetto I-C-K che aveva goduto di un discreto consenso ai tempi d'oro della Hua Ruck! di Albin Julius, è stato in realtà attivo anche con altri monicker meno noti tra cui va ricordato almeno Blasterkorps, duo messo a punto insieme al connazionale Geoffroy D. a.k.a. Dernière Volonté. NihilTronix (NT) ha alle spalle solo un 10" split datato 2009, sebbene il nome veniva già chiamato in causa nel titolo del vecchio singolo degli I-C-K "This Is Nihil Tronix". Non a caso....
 
Recensione
23-10-2015 : IN GOOD FAITH
IN GOOD FAITH
Sono parecchi i progetti d'area electro ad avere storie comprensive di lunghi periodi di pausa e di inattesi ritorni, ed i tedeschi In Good Faith non fanno eccezione, essendo nati nel '98 per poi sparire nel nulla e, dopo un lungo silenzio, ritornare solo nel 2009. Chi è rimasto in formazione sin dagli inizi è il cantante/bassista Kai Nemeth, che negli anni ha visto avvicendarsi al suo fianco diversi musicisti, e che di recente ha trovato in Jörg Allenbach il suo alleato ideale nel nuovo assetto a due. Dopo aver dato alle stampe l'EP "It's Tearing Me Apart" la band appronta anche questo doppio CD a titolo....
 
Recensione
23-10-2015 : IT'S A SYNTH
IT’S A SYNTH
Questo duo danese dal monicker esaustivo affonda le sue radici in una lunga amicizia: quella tra il cantante Casper Clemmensen e il tastierista e produttore Andreas Fog-Petersen, cominciata alla fine degli anni '90 alla Royal Danish School of Pharmacy. La musica è la passione che ha legato i due fin dall'inizio, ma abbiamo dovuto aspettare solo quest'anno per vedere il debutto di questa affiatata e appassionata collaborazione. I due compagni però vantano già un curriculum di tutto rispetto nella scena danese: i loro nomi riecheggiano infatti tra le line-up di act quali Leisure Alaska e 180 Virvar, ma è un bene che....
 
Recensione
06-10-2015 : THE NEW DIVISION
THE NEW DIVISION
La svedese Progress prosegue nella sua tradizione di stampare per il mercato europeo gli album del progetto dell'americano John Glenn Kunkel (che negli States li realizza attraverso la sua Division 87), come già avvenuto col debut "Shadows" del 2011 e col follow-up dello scorso anno "Together We Shine", lavori che avevano imposto l'act di Riverside all'attenzione del pubblico grazie alla sapiente miscela di new/dark-wave e synthpop propugnata. Dischi a cui mancava solo quel 'quid' in più che troviamo in questa terza fatica, nella quale Kunkel - coadiuvato in sede di produzione da F.J. DeSanto degli Hypefactor....
 
Recensione
10-09-2015 : DEKAD
DEKAD
Forse Jb Lacassagne, rimasto solo al commando dopo che per due album Dekad era stato un trio, aveva bisogno di almeno un disco 'di assestamento', ed è probabilmente per questo che, ormai più di quattro anni fa, "Monophonic" non lasciò un marchio indelebile fra le uscite dell'epoca. Ma il lungo lasso di tempo che separa il nuovo e quarto full-length dal suo predecessore è stato ben sfruttato dall'artista francese, che ha saputo non soltanto rifinire a dovere il proprio electropop, ma che è anche riuscito ad arricchirlo, allestendo una scaletta piacevolmente più variegata. Uno dei limiti del....
 
Recensione
10-09-2015 : DESASTROES
DESASTROES
Nato nel 2010, il solo-project del tedesco Jan C Hoffmann ha trovato nell'agguerrita Future Fame l'etichetta giusta con cui compiere il proprio cammino, e dopo il debutto su CD "In Ewigkeit" del 2013 (preceduto da una manciata di release in download tutte datate 2011) replica ora col secondo album. Abbandonate le tentazioni harsh-EBM/dark-electro delle prime uscite, Jan ha ulteriormente limato e rifinito un sound che già col precedente capitolo aveva spostato il proprio baricentro verso un electropop/goth più melodico ed accessibile, specie a livello vocale. Si prosegue quindi nel solco tracciato con "In....
 
Recensione
31-08-2015 : SEELENNACHT
SEELENNACHT
Nato nel 2008 col monicker Darkgrim Insitute (poi variato in Seelennacht a partire dal secondo album), il solo-project del tedesco Marc Ziegler è giunto con "Gaslichtromantik" - uscito sul finire del 2014 - al quarto full-length. Se il precedente "Zeitenwende" era stato il disco della maturazione, "Gaslichtromantik" ne è la logica prosecuzione, con Marc sempre più sicuro dei propri mezzi ed abile nel modulare quella voce che è la vera protagonista in Seelennacht. Lo stile, a ragion veduta descritto dallo stesso Ziegler come romantic future pop/dark electropop, viene ulteriormente....
 
Recensione
31-07-2015 : JOHAN BAECKSTRÖM
JOHAN BAECKSTRÖM
Solo l'anno scorso, dopo una 'pausa' durata qualcosa come 18 anni (!), il duo svedese Daily Planet ha fatto ritorno sulle scene col secondo album "Two", pubblicato da quell'ottima Progress che ha prontamente offerto asilo anche ad una metà del progetto per la sua nuova avventura solista. Senza al suo fianco il singer Jarmo Ollila, Johan Baeckström si occupa anche delle vocals per questo suo esordio in solitaria, peraltro con notevoli risultati, mentre la parte strumentale resta sì ancorata a quell'electropop tanto caro ai Daily Planet, ma spinge senza mezzi termini verso suoni e strutture tipicamente anni '80. La....
 
Recensione
31-07-2015 : NO:CARRIER
NO:CARRIER
Un anno dopo i positivi riscontri ottenuti col terzo album "Wisdom & Failure", il duo tedesco si cimenta con un EP di sole cover che, oltre ad affiancare alla singer Cynthia Wechselberger altre voci ospiti (tutte provenienti dalla West Coast, non a caso), poggia sulla volontà del mastermind Chris Wirsig di onorare il 'lato oscuro' di quella California in cui risiede ormai da anni. Lo stile 'electro noir pop' del duo rimodula con un velo di oscurità tre brani pop americani d'altre decadi rimasti negli annali, i cui testi non si allineano a quella frivolezza spesso attribuita alla musica di massa: si apre con....
 
Recensione
31-07-2015 : PARANOID ANDROID
PARANOID ANDROID
Ancora una uscita per la Echozone, che sta ormai diventando punto di riferimento anche per la scena electro, ebm e synthpop. La nuova pubblicazione riguarda i tedeschi Paranoid Android, i quali rappresentano un caso abbastanza singolare per la scena elettronica, almeno da come viene raccontato nelle note che accompagnano l'uscita del loro terzo album "Humanoid". Si narra infatti che, dopo la fuoriuscita del tastierista Mark Carter, l'altro componente Guido Vortex abbia preferito rimpiazzare l'ex compagno con un androide, o quantomeno con un software che si interfaccia direttamente con le apparecchiature elettroniche, eseguendo in....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>