Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 101

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
05-11-2013 : THE FLOOD.
THE FLOOD.
La tedesca Danse Macabre tiene a battesimo l'esordio sulla lunga distanza per il solo-project di Markus Hof, che arriva dopo un EP ("Something In The Way" del 2012, i cui cinque brani vengono tutti ripresi in questa sede) che aveva evidenziato le buone qualità del musicista di Ratisbona. Nonostante le note biografiche tirino in ballo influenze quali shoegaze, prog rock (quello che l'act voleva fare quando, a metà anni '90, muoveva i primissimi passi), IDM e quant'altro, l'impianto sonoro - che gode del prezioso supporto dell'esperto Manuel Richter per la produzione - si mantiene aderente ad un synthpop che Markus....
 
Recensione
22-10-2013 : MIRRORMAN & INDIA CZAJKOWSKA
MIRRORMAN & INDIA CZAJKOWSKA
La polacca Zoharum è sempre più un'autentica fucina di talenti, nuovi o consolidati, negli ambiti più ricercati ed a volte anche ostici della musica sperimentale, come da parecchio tempo a questa parte abbiamo potuto toccare con mano. Fra qualche uscita oggettivamente difficile da fruire e molte altre per le quali abbiamo speso parole d'elogio, l'ottima label (sempre molto attenta a ciò che si muove nel sottobosco nazionale) rilascia ora "Secretia", lavoro a quattro mani per due artisti già noti nel panorama underground polacco: Mirrorman (musiche, in passato nei Black Glass ed anche fotografo) ed....
 
Recensione
15-10-2013 : MIKTEK
MIKTEK
Il nuovo nome approdato alla corte dell'ottima etichetta transalpina Ultimae Records è Miktek, progetto guidato dal greco Mihalis Aikaterinis che ha già rilasciato fra il 2009 e il 2011 ben otto uscite fra EP ed album, tutte nel formato digitale ad offerta libera. L'act ellenico giunge dunque alla sua prima uscita in CD (nel consueto e lussuoso digipack a tre pannelli completo di splendido booklet, come da copione per le curatissime e pregiate release dell'etichetta di Lione) dopo aver smosso a dovere le acque con l'album "Anisotropy", rilasciato per l'interessante netlabel Abstrakt Reflections nel 2011. Quello di....
 
Recensione
08-10-2013 : AES DANA
AES DANA
La francese Ultimae è - perdonate il gioco di parole - fra le ultime etichette ad essersi unite ai nostri media-partners, ed è con piacere che recuperiamo un titolo ancora 'fresco' ma non propriamente nuovo (fine 2012), anche perché Aes Dana è il progetto di Vincent Villuis, artista attivissimo e co-proprietario della stessa etichetta produttrice. Nell'arco di undici anni, ed a quasi due dal precedente "Perimeters", il mastermind transalpino approda al sesto full-length, proseguendo un discorso che già dai fasti del primo album "Season 5" (del 2002) era apparso fra i più capaci e....
 
Recensione
28-09-2013 : VV.AA.
VV.AA.
Giunge al suo terzo capitolo la serie di compilation assemblate dalla DJ e arrangiatrice francese Mahiane, al secolo Sandrine Gryson, label manager dell'ottima Ultimae Records, etichetta attiva sin dal 2001 con una nutrita serie di produzioni di assoluta qualità in ambiti electro ricercati e raffinati quali ambient, downtempo ed IDM. La splendida confezione digipack a tre pannelli con booklet (marchio di fabbrica di una label che cura a fondo anche la confezione) ci svela che il titolo "Oxycanta" deriva dal termine scientifico Crataegus Oxyacantha, ovvero il biancospino, arbusto caro agli antichi erboristi per le sue....
 
Recensione
28-09-2013 : NO:CARRIER
NO:CARRIER
A due anni dal secondo album "Between The Chairs", il duo tedesco (che lavora a distanza, dal momento che l'artefice delle musiche e produttore, Christian Wirsig, vive a San Francisco) ci presenta il primo assaggio di quello che sarà "Wisdom & Failure", terzo album in uscita entro la fine dell'anno. Certo un solo brano è poco per saggiare il grado di maturazione dell'electropop ad ampio raggio che i due hanno già presentato nel corso di due album, ma "Last Scene" è uno di quei pezzi che cattura all'istante, che entra in testa ed impone al corpo quelle sue carismatiche e sensuali....
 
Recensione
22-09-2013 : HENRIC DE LA COUR
HENRIC DE LA COUR
Due anni or sono il frontman svedese, reduce dalle lunghe esperienze con Yvonne e Strip Music, ci aveva positivamente colpiti col suo buon debutto solista eponimo, ed in questo 2013 lo ritroviamo alle prese con l'atteso follow-up, degna celebrazione di un'attività artistica complessivamente ormai ventennale. Il coraggioso artista scandinavo (che, per chi non lo sapesse, soffre di quell'incurabile male chiamato fibrosi cistica), nuovamente coadiuvato - fra gli altri - dall'ex compagno d'avventure e produttore Rikard Lindh, torna sulle scene col suo sound che guarda in maniera intelligente e personale alla grande eredità lasciata....
 
Recensione
31-08-2013 : COVENANT
COVENANT
Dopo il gradito antipasto rappresentato dall'EP "Last Dance", arriva la fatidica 'prova del nove' per i rinnovati Covenant, orfani di una presenza di assoluto prestigio e spessore come il mastermind degli Haujobb Daniel Myer (vero valore aggiunto nel precedente album "Modern Ruin"). Riuniti attorno ad Eskil e a Joakim i due nuovi innesti Daniel Jonasson (ben noto per il suo lavoro coi Dupont, alle tastiere e campionatori) ed Andreas Catjar (dai trascorsi neofolk, alle tastiere e chitarra), la longeva Stella Polare del firmamento dell'elettronica 'made in Sweden' torna con l'atteso nuovo album, che già dall'artwork....
 
Recensione
16-08-2013 : [HAVEN]
[HAVEN]
Con un percorso artistico in continuo divenire, partito da lidi industrial ed ambient nel 2005 grazie al supporto della War Office Propaganda/Rage In Eden e approdato nel 2009 con "[Plastic]" alla corte della statunitense Tympanik Audio (massima istituzione in ambito IDM e affini), il progetto del polacco Marcin Jarmulski si è infine accasato presso l'attiva e vitale Zoharum, per la quale ha realizzato nel 2010 il quinto full-length "Amity", ancora orientato verso l'elettronica più spigolosa, arzigogolata ed intelligente che aveva fruttato il deal con la prestigiosa label americana. In questo suo secondo....
 
Recensione
08-08-2013 : POSITION PARALLÈLE
POSITION PARALLÈLE
Cinque anni dopo l'album d'esordio eponimo, il progetto parallelo di Geoffroy D. (mastermind di Dernière Volonté) e del suo fidato compare Pierre Pi torna con una nuova fatica in studio, sempre sotto l'egida della Hau Ruck!, rilasciata sia in CD (con minimale confezione cartonata) che nel formato vinilico. Quello che all'epoca ci era parso nulla più che un nostalgico divertissement per chi, come Geoffroy, in gioventù è cresciuto al suono del pop elettronico minimale dei primi 80s, mantiene anche in questo follow-up le proprie disimpegnate prerogative. Per quanto lo stesso Dernière Volonté si....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>