Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 102

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
19-06-2020 : MINUSHEART.
MINUSHEART.
In giro ormai dal 2007 e giunti al quinto album in studio, i tedeschi minusheart. sono riusciti a costruirsi passo dopo passo un proprio stile che coniuga elettronica, rock ed industrial in maniera schietta e pungente. Due anni dopo "Traps And Treasures", il quartetto guidato da Diver e Benden pare essere finalmente giunto alla sintesi ideale del proprio sound, oggi ancor più asciutto ed attento ad aspetti fondamentali come incisività, groove e qualità dei ritornelli, ma anche più aspro nelle movenze, come tutti e dieci i brani inclusi dimostrano ognuno a modo suo. La voce scostante di Diver, debitrice....
 
Recensione
29-03-2020 : WOLFCHILD
WOLFCHILD
Il primo album del duo tedesco/olandese "Sunt Mala Quae Libas", datato gennaio 2017, sarebbe dovuto già uscire per la Advoxya, ed invece, dopo due lavori per l'americana DSBP, Wolfchild approda alla corte della label ungherese solo nel 2019 in occasione del suo terzo full-length, che segue "Fear No Evil" di fine 2018. Lo scorso ottobre è infatti uscito - nel consueto digifile apribile di casa Advoxya - "Evil Calls Home", album col quale Jan Ricker (voce) e Robert Van Kooij (musiche) mettono a fuoco in maniera più compiuta e funzionale la loro proposta harsh-EBM, sia sul piano della scrittura....
 
Recensione
01-02-2020 : LAST INFLUENCE OF BRAIN
LAST INFLUENCE OF BRAIN
Il successore dell'altalenante "Two Faces" (terzo album del trio slovacco) si è fatto attendere per oltre dieci anni e mezzo, anche perché Blazena, Bob e Solo sono stati impegnati con altri progetti quali l'ancora in divenire Loct In ed il più attivo Samhain, ma alla fine è valsa la pena attendere così a lungo. Il quarto full-length firmato LIOB, realizzato nelle 200 copie dell'essenziale digipack, ci consegna infatti un act molto più centrato, sicuro di sé e con le idee chiare su quale debba essere il percorso da seguire, coadiuvato a dovere in questo suo importante giro di boa dal....
 
Recensione
26-12-2019 : SPARK!
SPARK!
Il precedente album "Maskiner" (2016) aveva segnato un punto di svolta per l'act EBM svedese, con l'ingresso in pianta stabile di Christer Hermodsson degli eccelsi Biomekkanik dietro al microfono ed al fianco del membro fondatore Mattias Ziessow. Un buon album che aveva ampliato il raggio d'azione del progetto proprio in virtù delle abilità vocali di Christer, il quale aveva dato il suo importante contributo anche per la crescita musicale di Spark!, sfruttando le sue grandi capacità compositive. Tre anni e mezzo dopo e con tanti concerti ed esperienze comuni alle spalle, il duo rinsalda ulteriormente il proprio....
 
Recensione
09-12-2019 : STAIRWAY MAZE
STAIRWAY MAZE
Nato solamente nel 2017, Stairway Maze è il progetto con cui il russo Denis Tverdokhleb ha rapidamente conquistato la fiducia di un marchio di qualità come la slovacca Aliens Production, che dapprima ha rilasciato l'EP digitale "Aries" nel maggio dello stesso anno, per poi pubblicare nel mese di ottobre il full-length in CDr "Hollow Spaces" (edito in sole 66 copie e contenente anche i brani del suddetto EP d'esordio). Due uscite degne di nota che avevano dato chiare indicazioni circa le abilità del musicista di Petrozavodsk nel modellare una materia sonora a cavallo fra downtempo, ambient ed IDM,....
 
Recensione
09-12-2019 : LUCIFER'S AID
LUCIFERíS AID
Giunto al suo terzo album in poco più di tre anni di attività discografica, il progetto di Carl Nilsson è ormai divenuto una certezza per chiunque si diletti con l'EBM più dura. "Panic", edito da quella Progress Productions che ha supportato ogni passo della carriera dell'act svedese, prosegue nel solco tracciato dalle precedenti uscite, rinsaldando la posizione di Lucifer's Aid nella scena in virtù di una compattezza sempre più invidiabile. Più che ai fatidici "muscoli e sudore", Carl guarda con favore ad una tensione particolarmente ansiogena che delinea abilmente scenari....
 
Recensione
05-11-2019 : PRO PATRIA
PRO PATRIA
Tornato in pista con la sua storica creatura Pro Patria a fine 2017, segnatamente con l'album "Back To Basics", il belga Peter Vercauteren sembra non voler perdere ulteriore tempo, dopo i vent'anni di iato che hanno preceduto il suo inaspettato quanto gradito ritorno sulle scene. Forte delle buone impressioni destate dal suddetto album di rientro, il Nostro - ormai stabilmente residente in Italia - replica con "Executioner", lavoro ancor più intenso, tagliente ed efficace del suo predecessore in ogni aspetto, produzione inclusa. Più che legittimato a sfoderare un approccio alla materia EBM in linea con gli....
 
Recensione
14-10-2019 : A.I. ZERO
A.I. ZERO
Anticipato lo scorso gennaio dall'EP "No Pain Forever", esce finalmente il secondo album del duo tedesco composto da Maikko (Human Decay, mind.area) e da Flesh Wire, per il quale l'attesa si è protratta per oltre quattro anni e mezzo. Il debut "Reality Design" del 2014 aveva lasciato il segno in virtù di quel grande eclettismo di matrice elettronica che il progetto stesso aveva definito come "cyberpop", e c'era grande curiosità per vedere quale strada avrebbero imboccato i Nostri con la nuova fatica, anche stavolta patrocinata dalla russa ScentAir Records. "There Will Be Solutions"....
 
Recensione
23-09-2019 : MY LOVE KILLS
MY LOVE KILLS
Al pari dei loro ottimi compagni d'etichetta Thewalkingicon, i My Love Kills sono tutt'altro che degli esordienti, benché "Glitch" sia il loro primo album ufficiale. Nati nel 2014 per mano del francese V.V. Arkames (voce, Ad Inferna) e dello svedese Fredrik Sigeback (musiche, Erotic Elk), i due coniugano le proprie precedenti esperienze in questa nuova avventura, sintetizzando una formula che va dal synthpop all'EBM più tagliente (anche a livello vocale, con cantati ora clean, ora più propriamente harsh) e mantenendo come comune denominatore una gradita aura oscura, ben sorretta da una produzione degna di nota.....
 
Recensione
23-09-2019 : HUMAN VAULT
HUMAN VAULT
Dopo esserci occupati di End-Tek, parliamo ora di un altro dei molti progetti dell'ungherese George Turoczy, ossia Human Vault, col quale il musicista residente a New York è attivo sin dal lontano 1997. Dopo una manciata di release autoprodotte, la Exabyss Records e la sua divisione No Labels Interested - gestite entrambe dallo stesso George - hanno iniziato dal 2008 a pubblicare non soltanto le nuove uscite a firma Human Vault, ma ne hanno anche ristampato i primi lavori sotto forma di raccolte riassuntive, per una discografia che ha superato quota venti titoli. "Primordial", edito in digitale ed in audiocassetta (in soli 66....
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>