Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 102

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
11-01-2014 : LARVA
LARVA
Uscito la scorsa estate, ad un anno dal precedente "Broken Hopes Of A Wasted Youth", "Where The Butteflies..." è il settimo album in studio dell'attivo duo spagnolo composto da InqUesT (voce, testi, sequenze) ed Anoxia (sequenze, live synth), ancora una volta rilasciato dall'ungherese Advoxya. La carriera dei Larva è simile a quella di molti altri act a cavallo fra harsh-EBM e dark-electro: esordi incerti, cui seguono fisiologici miglioramenti a piccoli passi, senza mai strabiliare o sconvolgere gli equilibri della scena, aspettando la svolta decisiva che non è detto arrivi... Tuttavia i Larva hanno....
 
Recensione
11-01-2014 : HYDRA DIVISION V
HYDRA DIVISION V
Dopo un primo EP autoprodotto nel 2010 ("Legion"), il solo-project del greco Vincent Andelmoth (dei rodati iNsCissorS) giunge all'esordio sulla lunga distanza grazie all'interessamento della russa Artificial Sun. In questa sua avventura solista il musicista ateniese sposta il tiro verso sonorità harsh-EBM indirizzate al dancefloor, dure e muscolari, affidandosi per mixaggio e mastering alle esperte mani di Jan/X-Fusion (senza dubbio uno fra i nomi che hanno ispirato Hydra Division V). Il risultato è un disco d'impatto, dove il groove sprigionato dalle possenti ed agili bassline domina da cima a fondo, anche nei momenti....
 
Recensione
16-12-2013 : STEREOMOTION
STEREOMOTION
L'anno della svolta per l'act tedesco è stato senza dubbio il 2009: l'ingresso del tastierista Christian Coburger al fianco del frontman - e sino ad allora unico membro - Florian Jäger, il passaggio dalla E-noxe alla più titolata Danse Macabre e, soprattutto, un terzo album del calibro di "Sehn:Sucht", disco che ha segnato una svolta significativa nella carriera di un progetto ancora acerbo nei primi due lavori sulla lunga distanza. Quattro anni di attesa, intervallati dal remix-album "Stolz Und Demut" nel 2010, sono serviti a rafforzare l'intesa fra i due e a consolidare le buone basi gettate con....
 
Recensione
16-12-2013 : CHAMAELEON
CHAMAELEON
Lavoro d'esordio per questo giovane e indiavolato duo greco/russo con sede operativa a Cipro, nato nel 2009 per mano di Alex (voce) e completato nell'assetto da Azie (tastiere) nel 2011. "Sick / Perverted" viene presentato come album, anche se in realtà sia la sua limitata lunghezza che il modo in cui è strutturato (sette brani più due remix) lo rendono più simile ad un corposo EP, per un sound che lo stesso duo ama definire aggrotech. I riferimenti primari sono Hocico, Alien Vampires e, in generale, tutto il filone harsh più ballabile e feroce: la musica dei Chamaeleon è un furibondo e....
 
Recensione
06-12-2013 : MONOLOG
MONOLOG
Seconda uscita annuale sulla lunga distanza per il progetto del danese Mads Lindgren dopo la release in CD e in digitale dello scorso marzo "Lift And Hold For Stolen", nonché primo passo del musicista scandinavo sotto l'egida dell'eccelsa Ad Noiseam. Non un caso che questo quarto full-length del Nostro esca per l'etichetta berlinese, poiché proprio Berlino è la città in cui Mads ha spostato la sua base operativa, onde proseguire nel migliore dei modi in un percorso artistico ormai più che decennale. In questa nuova fatica - edita in una essenziale confezione digipack - il producer danese conferma....
 
Recensione
06-12-2013 : ELECTRIC RESISTANCE
ELECTRIC RESISTANCE
EP di debutto per questo giovane progetto di Kaliningrad facente capo al solo Alexander Dmitriev, che nella connazionale Artificial Sun trova il giusto supporto per fare il proprio ingresso nella scena. Limitato a sole 300 copie, l'EP ci presenta due tracce, la title-track ed "H+", assieme a rielaborazioni e remix delle medesime, come da copione per uscite di questo tipo. Apre la title-track, summa dell'eclettismo di Alexander, che nel suo concitato calderone sonoro butta dentro sia trame che arrangiamenti vocali che spaziano fra EBM, nu-metal, techno, accelerazioni metalliche e finanche rallentamenti dal taglio gotico: tanta voglia....
 
Recensione
24-11-2013 : DISTORTED WORLD
DISTORTED WORLD
Maxi-singolo che apre la strada all'imminente secondo album dell'act moscovita, nato nel 2010 e passato da solo-project di Ivan M. (tastierista degli Anthracitic Moths, autori di due full-length) a duo con l'ingresso in pianta stabile di Angelina L., che già collaborò al debut di fine 2012 "Between The Strophes". Un solo brano, "Personal Necropolis", proposto nella versione album ed in cinque remix: sicuramente poco per valutare come si conviene lo stato di forma e l'amalgama del duo russo, ma il pezzo, nelle sue strutture spigolose, mostra maggiore eleganza e ricchezza di soluzioni rispetto alle rudi....
 
Recensione
05-11-2013 : SYNTHETICA
SYNTHETICA
Nati solamente sul finire del 2010, gli olandesi Synthetica hanno già esordito per la Danse Macabre a fine novembre 2012 con l'album "The End Of It All", ed è la stessa label tedesca a rilasciare il follow-up a meno di un anno di distanza. Il sound, a cavallo fra harsh-EBM, dark-electro ed electro-industrial, mostra un miglior bilanciamento a livello ritmico/melodico rispetto al debut e guarda spesso e volentieri al dancefloor con buona fisicità, ma permane il problema di fondo che già minava l'operato del combo, ossia una voce troppo cruda e impietosamente memore di certo (brutto) metal estremo per....
 
Recensione
22-10-2013 : RUBY MY DEAR
RUBY MY DEAR
Sedici mesi dopo il fortunato debutto targato Ad Noiseam "Remains Of Shapes To Come", il francese Julien Chastagnol torna col suo progetto Ruby My Dear per l'atteso follow-up, sempre sotto l'egida dell'ottima etichetta berlinese. Se ai tempi dell'esordio avevamo ammirato le qualità del producer transalpino nel produrre una miscela esplosiva di fresca breakcore plasmata con estro e sagacia, questo seguito è il più logico approdo al livello successivo, conseguito attraverso una mentalità aperta e l'esperienza maturata sul campo. Il sound della nuova fatica mostra un rinnovato dinamismo che rinvigorisce....
 
Recensione
22-10-2013 : [DE:AD:CIBEL]
[DE:AD:CIBEL]
A tre anni dal valido esordio sulla lunga distanza "Klondike", i due veterani della scena tedesca Daniel Galda (Das Ich, kAlte fArben, Skorbut) ed Armin Küster (Skorbut, Carlos Perón, The 3rd Culture) tornano per l'atteso seguito - dopo un paio di singoli introduttivi - del progetto [de:ad:cibel], nato sulle ceneri di quegli Skorbut in cui i due avevano già collaborato attivamente. "Klondike" ci aveva colpiti per la sua solidità e per la credibilità con cui i Nostri avevano saputo far rivivere i suoni della dark-electro e dell'EBM di fine anni'80/inizio anni '90, segnando una netta linea di....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>