Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 102

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Intervista
04-09-2019 : FRONTIER GUARDS
FRONTIER GUARDS
Su queste pagine abbiamo avuto l'onore e il privilegio di seguire ogni singolo passo della carriera di Frontier Guards, act ceco guidato da Martin Pavlik che esordì nel 2008 con l'album "Predestination", e che col recente "You" è giunto al suo quinto full-length in studio. Se in principio le sonorità erano riconducibili alla migliore IDM, col passare degli anni e delle uscite il progetto ha progressivamente virato con successo verso stilemi EBM/dark-electro, avvicinandosi al concetto di vera e propria band. Ha quindi sorpreso - almeno in parte - ritrovare Martin solo al comando in "You",....
 
Recensione
04-09-2019 : END-TEK
END-TEK
Fra i molti progetti dell'ungherese George Turoczy (Human Vault, Stone Wired, Voidmorf etc.) troviamo End-Tek, act col quale il musicista ora residente a New York - titolare della Exabyss Records - ha esplorato i meandri di un'electro-industrial d'impostazione old-school, sconfinando anche in territori EBM, IDM e breakbeat. I due lavori realizzati dal progetto in formato digitale, "De-Existence" del 2008 ed "Oblivion-Tek" del 2016, vengono ora riproposti entrambi per intero nell'audiocassetta in esame, realizzata professionalmente in sole 66 copie complete di cardboard esterno. Un'ampia mole di materiale in cui non....
 
Recensione
23-07-2019 : CONJECTURE
CONJECTURE
Del progetto di Vasilis Angelopoulos avevamo avuto il piacere di occuparci nel 2015 in occasione dell'uscita di "Nunavut", secondo album firmato dall'act greco che ci aveva positivamente colpiti per l'altissima qualità dei suoni e la grande cura dei dettagli, fra ambientazioni oscure, melodie cariche di pathos cinematico, ruvidità industriale/noise ed esaltanti dinamiche idm. Un intreccio di enorme raffinatezza e ricco di gustosissimi dettagli, riproposto con successo anche nel seguente album "Urbanitarianism" e nell'EP su cassetta "My Body, Your Temple", entrambi del 2017, ed ora approdato al suo....
 
Recensione
23-07-2019 : CENTHRON
CENTHRON
Trascorsi poco più di due anni dal precedente "Allvater", i tedeschi Centhron tornano con l'ottavo album, ancora una volta sotto l'egida di quella Scanner che aveva già rilasciato i precedenti cinque lavori, e che l'anno scorso ha ristampato anche i primi due. Un sodalizio duraturo che vede la label tedesca confermare la propria fiducia al trio, nonostante Centhron non abbia mai realmente fatto breccia nella scena con un album capace di lasciare il segno. Tuttavia la lunga esperienza di Elmar Schmidt e soci si fa sentire, sia in termini di qualità del suono che nell'agilità della scrittura, anche se....
 
Recensione
23-07-2019 : XTORT
XTORT
In principio furono gli HOER, band olandese di industrial metal già attiva nei primi 90s che pubblicò fra le altre cose un paio di album nel 1996 e nel 2000, dopodiché l'intera line-up confluì nel progetto Xtort, con l'intenzione di piegare verso un suono più affine alla new wave. Di quella formazione è rimasto un unico superstite, e ad oggi gli Xtort sono un duo tedesco/olandese che si avvale di collaborazioni esterne per basso, cori e chitarre, come avviene anche in questo "Nothing Is Real", secondo album - pubblicato sia nei 500 esemplari dell'edizione CD che in audiocassetta - cui si....
 
Recensione
04-07-2019 : STUPRE
STUPRE
Si erano perse le tracce del duo di Strasburgo, la cui ultima prova - l'album "God Is Addiction", edito esclusivamente in digitale - risale ormai al lontano novembre del 2013. Nel frattempo le strade del mastermind NarCis PrinCe e dell'addetta alle macchine Verge paiono essersi separate, giacché nella nuova fatica - edita dall'ungherese Advoxya nel consueto e spartano digifile - il Nostro, incaricato della strumentazione, delle vocals e della produzione, è fiancheggiato dal sodale Notre Guide, frontman dei Dolls Of Pain qui impiegato dietro al microfono in circa metà dei brani, nonché autore dei testi. Il....
 
Recensione
25-05-2019 : FRONTIER GUARDS
FRONTIER GUARDS
Martin Pavlik sorprende quel pubblico che attendeva con impazienza il quinto album firmato Frontier Guards, tornando ad occuparsi da solo di tutti gli aspetti della composizione e della messa in atto della propria musica nel nuovissimo "You", che giunge ad un anno e mezzo dal suo eccelso predecessore "Oblivion". L'act ceco spiazza appassionati ed addetti ai lavori tornando alle origini (oltre che alla casa-madre Aliens Production, che ne pubblicò i primi due album), abbandonando - almeno per il momento - quella maggior completezza sviluppata dal secondo full-length del 2013 "Interface" in poi con....
 
Recensione
06-05-2019 : EDEN SYNTHETIC CORPS
EDEN SYNTHETIC CORPS
È una carriera ben indirizzata e di tutto rispetto quella dei portoghesi ESC, formatisi nel 2005 e giunti ora al sesto atto di un cammino artistico percorso sin dal primo momento sotto l'egida della Scanner. Dopo inizi più marcatamente harsh-EBM e club-friendly interpretati con particolare durezza, con "Eight Thousand Square Feet" del 2010 il quartetto lusitano ha imboccato la via della maturità arricchendo la propria proposta con una maggior varietà di soluzioni, sia strumentali che vocali, ribadendo ed ampliando il concetto nelle due fatiche successive. "Gold" è la logica conseguenza....
 
Recensione
07-12-2018 : GRAUSAME TÖCHTER
GRAUSAME TÍCHTER
Il progetto dell'androgina mistress Aranea Peel giunge alla quinta fatica sulla lunga distanza a due anni e mezzo dal precedente "Vagina Dentata", sempre rigorosamente sotto l'egida della Scanner, che ne appronta anche una versione doppia comprendente un bonus-CD zeppo di remix. Nei sette anni e mezzo trascorsi dal debut "Mein Eigentliches Element" l'act creato dalla frontwoman tedesca, anche grazie ad un bagaglio artistico/culturale ampio e variegato, è riuscito nel non facile compito di costruirsi uno stile e di consolidarlo, soprattutto con i due lavori pubblicati prima di quello in esame, ponendosi in una 'terra....
 
Recensione
14-11-2018 : MIREXXX
MIREXXX
Nato nel 2007 per volontà di Stijn Szin (voce) e Posse (macchine), il duo belga ha esordito ufficialmente per la Echozone sul finire del 2017 con l'EP "Inside You", dopo un paio di demo-CDr datati rispettivamente 2008 e 2011. Sulle tracce dei colossi belgi del settore, con in mente i Front 242 ma col cuore più vicino ai Klinik, il duo si è costruito un sound debitore tanto della vecchia scuola EBM quanto in misura minore di quella dark-electro, unendo la muscolarità della prima alle atmosfere della seconda in un songwriting duro e spietato, oltremodo scarno nelle sue strutture. Non necessariamente un male....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>