Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 106

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
30-07-2020 : CYNICAL EXISTENCE
CYNICAL EXISTENCE
Uscito negli ultimi giorni del 2019, il quinto full-length firmato Cynical Existence fa segnare un punto di svolta nella carriera degli svedesi, che abbandonano ogni velleità in ambito harsh-electro per divenire a tutti gli effetti una industrial metal band. Il combo, capitanato dal singer Fredrik Croona, sposta infatti il baricentro verso un sound decisamente guitar-driven (laddove in passato la chitarra era decisamente meno sfruttata), ed anche il drumming di Anders Ström applica dinamiche tipicamente metal con tanto di doppia cassa che ben si sposano ad un cantato scream che non disdegna momenti di puro growl. Circa tre anni....
 
Recensione
29-03-2020 : PORN
PORN
Una sedia elettrica d'altri tempi campeggia sulla copertina del nuovo album dei francesi Porn: è quella che aspetta Mr. Strangler, protagonista di una trilogia iniziata con "The Ogre Inside" nel 2017, proseguita con "The Darkest Of Human Desires" tredici mesi fa e giunta ora al suo capitolo finale. Se nel primo atto la liberazione dei desideri più oscuri aveva dato vita al cosiddetto "orco" Mr. Strangler, nel secondo costui aveva pienamente assecondato tali volontà, divenendo di fatto un assassino; ora, nel terzo ed ultimo atto, egli si trova in carcere in attesa dell'esecuzione, riflettendo....
 
Recensione
14-06-2019 : NACHTFALTER
NACHTFALTER
Dopo vent'anni di avventure musicali in numerose band, i tedeschi Tobias Serfling (voce, tastiera, basso, batteria) e Tom Grünzig (chitarre) decidono di formare un progetto musicale che possa dare vita alle loro principali influenze stilistiche: il risultato si tramuta nei Nachtfalter (falena, in lingua italiana), duo fondato nel 2017 che con "Was Bleibt" arriva finalmente al debutto. Musicalmente parlando, il disco presenta componimenti cantati in lingua madre e strutturati mediante un riuscito compendio di goth metal, tappeti tastieristici dal retrogusto classico, echi dark e, naturalmente, apprezzabili incursioni....
 
Recensione
25-05-2019 : SOULIMAGE
SOULIMAGE
Tre anni dopo l'esordio sulla lunga distanza "The Whole Universe", la band tedesca guidata dal singer Rob E. Soul (al secolo Robert Eberl) torna con l'atteso secondo album, anche stavolta sotto l'egida dell'attivissima Echozone. Se già col debut non era pienamente plausibile parlare di synth-rock, con la nuova fatica la componente elettronica si affievolisce ulteriormente in favore di un suono solido e orecchiabile che danza sul confine tra rock e metal, senza abbracciare pienamente né l'uno né l'altro. Quella dei Soulimage è una formula di ampio respiro che denota carisma, come subito mette in chiaro....
 
Recensione
13-04-2019 : NERVENBEISSER
NERVENBEISSER
A poco meno di un anno e mezzo di distanza dall'album di rientro "Zeitenwandel", il duo tedesco torna sulle scene con questo nuovo EP a sei tracce, realizzato giusto in tempo per il tour assieme a quegli Oomph! che sono fra i nomi ai quali i Nervenbeisser sono devoti. Il terzo album di Walter Stobbe ed Olaf Seider è previsto per l'autunno, ed è quindi probabile che i quattro inediti proposti in questo EP - cui si affiancano due remix - siano frutto di idee non prese in considerazione per il nuovo full-length, oppure scarti del precedente. L'act teutonico prosegue nella scia della NDH tipica delle proprie lande,....
 
Recensione
05-01-2019 : PORN
PORN
Dopo le ottime premesse gettate col terzo album "The Ogre Inside" di fine 2017, il combo guidato dal frontman Philippe Deschemin torna col secondo atto della trilogia basata sul personaggio di Mr. Strangler. Se il precedente capitolo aveva rappresentato un significativo e decisivo giro di boa per la band francese, che aveva infuso massicce dosi di possanza metallica all'impianto industrial-rock dei primi tempi, con questa quarta fatica sulla lunga distanza i Porn rinsaldano la propria posizione, confermando di aver imboccato la strada giusta nel migliore dei modi. Laddove il primo atto narrava di una battaglia interna volta a....
 
Recensione
22-10-2018 : MYSTIGMA
MYSTIGMA
Attivi dal 2005, i Mystigma dei fratelli Bäumer e soci hanno perpetrato negli anni una formula vincente che non è mai fortunatamente cambiata, vale a dire una commistione ben equilibrata di carica gothic metal, melanconia gothic rock e qualche synth per rimpolpare il comparto melodico con nostalgie 80's, riuscendo sino ad ora a proporre lavori ben scorrevoli ed anche piuttosto piacevoli e ricercati nel loro dipanarsi, complice un leader dal peculiare timbro che sa bene come prendere il comando di una varietà di pezzi dai dettami simili, eppure sempre efficaci ed in qualche modo difficilmente dimenticabili. Dopo un album di....
 
Recensione
22-10-2018 : PORN
PORN
Giusto un anno fa la band francese - ormai divenuta un quintetto a tutti gli effetti - rilasciava il terzo album "The Ogre Inside", andando a rinvigorire con massicce dosi di possanza metallica una formula industrial-rock che aveva già dato buoni frutti in precedenza. Tale fatica in studio - primo atto di una trilogia - si è rivelata un vero e proprio punto di svolta per il combo guidato dal frontman Philippe Deschemin, che ha saputo riversare nei vari brani un'intensità espressiva sino ad allora mai raggiunta, toccando nuove vette ad ogni livello. In attesa del secondo atto della trilogia, già ultimato e....
 
Recensione
04-04-2018 : INNER CORE
INNER CORE
Fra i molti esordi tenuti a battesimo dalla sempre attivissima Echozone c'è quello dei tedeschi Inner Core, quintetto formatosi nel 2013 e dedito a sonorità che mescolano metal sinfonico e rock. Parliamo di musicisti preparati, dalla potente singer Anna Rogg al bravo axeman Massimo Giardiello (apprezzabile soprattutto nella fase solista), passando per il melodioso apporto delle tastiere di Artur Schall sino alla buona sezione ritmica composta dal bassista Ricardo Echeverria e dal drummer Stefan Zimmerling. L'intreccio è senza dubbio sbilanciato verso il metal sinfonico (l'unico brano veramente rockeggiante è la....
 
Recensione
19-12-2017 : JOTUNSPOR
JOTUNSPOR
La blasonata Cold Spring ristampa quello che a tutt'oggi è l'unico album pubblicato dal progetto norvegese Jotunspor, in origine rilasciato nel 2006 da quella Satanas Rex che è una divisione della stessa label britannica. Della partita erano King (God Seed, ex Gorgoroth etc.) e Kvitrafn (Wardruna, Skuggsjá, ex Gorgoroth etc.), coalizzatisi con l'intento di mescolare il proprio retaggio black metal ad elementi noise e dark ambient, usufruendo del norvegese e dell'antico norreno per le liriche (inerenti, appunto, a culti e credenze norrene). L'album, che in questa ristampa mantiene l'essenziale confezione digipack....
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>