Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 106

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
30-05-2013 : AKTIV[E|H]ATE
AKTIV[E|H]ATE
Dopo aver trattato la scorsa settimana "Resynthesized", nuovo album dai tratti più tipicamente electro per l'act portoghese, ci occupiamo ora del suo 'gemello cattivo' "Desynthesized", basato su chitarre e soluzioni più vicine a quel metal che ISK pare proprio non disdegnare affatto. Un lavoro dalle intenzioni chiarissime sulla carta, ma a sua volta vittima di un ulteriore dualismo: se è infatti vero che la chitarra granitica e tagliente di scuola metal accompagna ogni singolo brano, è doveroso sottolineare come da un lato vi siano song che sfruttano le strutture harsh-EBM tipiche del progetto....
 
Recensione
17-04-2013 : MYSTIGMA
MYSTIGMA
Sono trascorsi diciotto anni dalla pubblicazione del demotape dei Mystigma, ai tempi Tears Of Mystigma, fino all'alleggerimento del monicker dal terz'ultimo album in poi. Almeno per quel che concerne la scena tedesca, di cui i quattro fanno parte, si può parlare dei Mystigma come di una band storica, leggermente inferiori ai protagonisti di quella scuola goth-rock ben rappresentata da Love Like Blood o Dreadful Shadows. Un full-lenght ("Reflect Project: Colder Side") e due EP ("The Vanishing Sun" e "Higher Circumstance") col vecchio nome, dopodiché i Mystigma dell'eclettico frontman Torsten....
 
Recensione
30-03-2013 : DYNAMIC SYNDICATE
DYNAMIC SYNDICATE
Formatosi nel 2009, questo duo residente nella bella Colonia giunge alle stampe per la sempre più attiva Echozone, che diverse volte ha centrato il bersaglio svelando ottime realtà esordienti. Sasha Schneider (tastiere, drumming e voce) e Alex Riedl (chitarre) fondano la loro esperienza musicale su di un riuscito crossover tra industrial rock, electro-punk e breakbeat, anche stando a quanto la loro biografia ci presenta. Militando già negli anni '90 tra diverse band elettroniche, ci si aspetta in teoria che i Dynamic Syndicate suonino piuttosto danceable, a cavallo tra le sfuriate sintetiche e ritmate di Crystal Method o....
 
Recensione
17-03-2013 : MORLOCKS
MORLOCKS
Da non confondere con un'omonima garage band americana attiva negli anni '80, questo quartetto svedese (ma pare che il numero dei componenti cambi costantemente) capitanato dal cantante e compositore Johann Strauss è all'attivo sulle scene già dall'ormai lontano 2001, quando pubblicò per la conterranea Nangijala Records il debutto "...For Your Pleasure?". La blasonata Echozone sembra aver messo gli occhi su questa bolsa band dal monicker fantascientifico (i 'morlocchi' sono una delle due razze in cui si è divisa l'umanità ne "La Macchina Del Tempo" di H.G. Wells) e, a un anno di distanza....
 
Recensione
17-02-2013 : GATES OF DAWN
GATES OF DAWN
Terza uscita per i Gates Of Dawn, che combacia con la nostra terza recensione pubblicata sul settetto tedesco. La band originaria di Hanau nasce un lustro fa e debutta nel 2009 con "Parasite", in parte autoprodotto, per poi approdare alla blasonata Echozone col seguente "Lucid Dreaming". "Sepia" rappresenta la seconda collaborazione con l'etichetta tedesca, nonché forse l'ultimo transito verso la forma definitiva che il gruppo capitanato da Matthias Abel ha voluto forgiare fin dal disco di debutto. Fin dall'album "Parasite" abbiamo riconosciuto in loro una modesta band influenzata dal....
 
Recensione
13-01-2013 : VOODOMA
VOODOMA
Il top da raggiungere in ambito musicale è probabilmente quello di abbinare una immediata capacità di comunicazione ad una vena originale ed innovativa. Obiettivo arduo che solo pochi eletti riescono a raggiungere. Chi non possiede questa specie di dono, spesso si trova a scrivere dischi sperimentali e d'avanguardia ma che non riescono a raggiungere in maniera appropriata i sensi dell'ascoltatore. Ci sono poi band che, pur non presentando nulla di originale, sanno scrivere canzoni che entrano subito nell'orecchio. È un dono pure questo, dono che sta diventando sempre più raro, per cui quando si presenta qualcuno....
 
Recensione
13-01-2013 : FEUERSEELE
FEUERSEELE
Brutto debutto per questo quintetto tedesco che gode della promozione della conterranea Echozone. La proposta musicale non va oltre il classico e scontato crossover tra il folk-metal e il medieval rock, impostato su strumenti a fiati, chitarre ruvide e ritmica metallara. La scena di appartenenza è quella forgiata da In Extremo e colleghi più o meno illustri, molto apprezzata in Germania, dove queste sonorità hanno raggiunto un clamoroso successo commerciale, persino esagerato. Qui da noi il genere non ha mai attecchito, forse a causa di quel campanilismo di cui soffre, legato al cantato tedesco, all'oltranzismo estetico e....
 
Recensione
20-12-2012 : ACIDCELL
ACIDCELL
Questo quartetto di base a Zurigo giunge al debutto - dopo un anno di lavoro in studio - sotto la sempre prolifica Echozone, sfoggiando un look moderno e una non più tanto originale fusione tra il goth-rock tedesco e l'industrial-metal d'oltreoceano, ma i risultati sono piuttosto inferiori alle aspettative. Il combo capitanato dal vocalist Anthony De Angelis (anche autore dell'artwork) non riesce proprio a distaccarsi dai cliché dei vari Rob Zombie e Marilyn Manson, con un impatto ruggente, ma dalle poche idee concrete. Tutto suona già sentito in questo "Feelin' The Doom", anche se non si fa così....
 
Recensione
22-11-2012 : EHNAHRE
EHNAHRE
Terzo album (cui si sommano un vinile 12" e una cassetta) per questa giovane band americana, formata da musicisti dell'avangurdia rock; due di essi - Ryan McGuire e John Carchia - hanno fatto parte anche degli sperimentali Kayo-Dot, gruppo estremamente poliedrico e multistilistico, non esente da qualche affinità con gli stessi Ehnahre. "Old Earth" è un album decisamente breve rispetto alla media e composto da soli quattro brani, fatto che ne favorisce l'assimilazione e ne incentiva un ascolto nencessariamente attento. In poco più di mezz'ora vengono incrociati generi diversi, viene mescolata elettronica e....
 
Recensione
13-08-2012 : PORN
PORN
Meglio non farsi troppo influenzare dal monicker esplicito di questo quintetto d'oltralpe, cosa che potrebbe fuorviare riguardo al concept culturale e intellettuale tutt'altro che superficiale. E mentre sfiderei chiunque a trovarli al primo colpo su qualsiasi motore di ricerca mondiale, meglio addentrarsi nell'ascolto di questo grandioso nuovo lavoro uscito a fine dello scorso anno per la Freaksound. Al loro terzo album (dopo due full-length fra il 2004 e il 2005 ed il 'best of' del rientro "A Decade In Glitter And Ranger" datato 2010), i Porn di Philip Deschemin, frontman polistrumentista, compositore ed ex-studente di filosofia,....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>