Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 103

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
17-07-2017 : FRIENDS OF ALICE IVY
FRIENDS OF ALICE IVY
A poco meno di tre anni dal primo full-length "The Golden Cage And Its Mirrored Maze" il duo di Melbourne torna con "The Last Days Of Fenwyck", terzo EP firmato Friends Of Alice Ivy dopo "Hereafter Moth" del 2008 ed "In The Gloaming" del 2011. Per l'occasione Kylie ed Amps tornano a lavorare col produttore Adam Calaitzis - già al loro fianco nelle ultime uscite - nei sei brani che compongono la nuova fatica, racchiusa in un elegante digifile e commercializzata dal neonato marchio Meadowlands. Forti della loro lunga esperienza (ricordiamo la loro militanza nella cult band australiana Ostia) e....
 
Recensione
10-07-2017 : FALLING YOU
FALLING YOU
Benché ci siano voluti 17 anni e sei album, quello del progetto di John Michael Zorko alla corte della Projekt era un approdo destinato a compiersi, sia per le affinità di Falling You con le sonorità proposte dalla label americana, sia perché negli anni l'act californiano si è avvalso di diverse voci prese a prestito proprio dal roster dell'etichetta di Sam Rosenthal. "Shine", settimo album della carriera di Zorko (edito in confezione digipack a sei pannelli), giunge a circa tre anni e mezzo dal precedente "Blush", introdotto dalla stessa Projekt poco tempo prima col best of digitale....
 
Recensione
15-06-2017 : M.W. WILD
M.W. WILD
Debutto solista per l'artista tedesco M.W. Wild, ex membro fondatore della storica gothic rock band The Cascades, che 11 anni dopo aver lasciato la formazione torna con un album puramente nelle sue corde sotto l'egida della veterana Echozone. "The Third Decade" si compone di 13 traccie di rock gotico ben inoculate nei classici stilemi del genere: chitarre cadenzate, melodie di piano che colorano il tutto e vocals profonde impegnate in testi a tratti evocativi e a tratti struggenti. Nessun episodio degno di nota che spunta dall'insieme di brani (se si escludono variazioni sul tema come la melodrammatica ballad di piano e voce....
 
Recensione
05-06-2017 : IKON
IKON
Tempi di revival questi: dopo l'uscita di Gitane Demone tocca ai veterani Ikon rimettersi in pista. In realtà questo "Everyone Everything Everywhere Ends" è la ristampa per il mercato europeo della versione uscita in Australia nel 2014, arricchita di alcune bonus-track. Inutile stare a ripetere chi siano gli Ikon, act ormai storico che forse ha pagato il fatto di aver esordito a metà anni '90, quando il mercato musicale aveva ormai sdoganato metal e indie, tenendo però la scena gotica in un nicchia per pochi. Gli Ikon tuttavia hanno sempre tenuto la barra dritta, con il loro mix di gothic rock, darkwave e....
 
Recensione
19-05-2017 : KEY
KEY
La finlandese Anima Arctica ristampa nello scorso dicembre la raccolta dei demo d'esordio della peculiare band conterranea Key, con all'attivo soltanto due uscite sulla lunga distanza ("Crown Of Winter" del 2010 e "Silver Moon Slumber" del 2011) ed ufficialmente terminata nel 2014 prima dell'uscita del suo terzo lavoro. Fautori di un folk sporco e dai tratti lo-fi, con inclusi elementi ulteriori che pescano dalla new wave al sad core passando anche per momenti più dilatatamente shoegaze, vengono qui riproposti agli appassionati e curiosi in formato digipak limitato a 200 copie, dopo la stampa originaria su tripla....
 
Recensione
11-05-2017 : GITANE DEMONE QUARTET
GITANE DEMONE QUARTET
Al netto dei gusti e delle considerazioni personali, c'è un dato oggettivo che riguarda il personaggio Gitane Demone, e cioè la sua longevità all'interno della scena gotica. Classe 1958, quindi in procinto di compiere 59 anni, Gitane Demone (al secolo Mary Kaend) si presenta in grande forma all'interno di un nuovo progetto condiviso con alcuni amici di vecchia data (Rick Agnew su tutti), per proseguire sulla strada del frazionamento della propria creatività in diversi act iniziata dopo la separazione con i Christian Death nel 1989. Rispetto agli altri ex membri del gruppo di Rozz Williams, Gitane è riuscita....
 
Recensione
29-04-2017 : ÉLAN VITAL
ÉLAN VITAL
La Fishrider, intraprendente etichetta neozelandese entrata nel suo undicesimo anno di vita, si è rivelata un autentico faro per la scena della propria città, Dunedin, producendo le band locali più interessanti col giusto spirito divulgativo, benché negli ultimi anni la collaborazione con l'inglese Occultation Recordings l'abbia portata a coprodurre anche qualche act britannico. Gli Élan Vital, trio formatosi nel 2015 proprio a Dunedin presso la None's Gallery (sorta di comunità creativa con sede in una vecchia industria farmaceutica dismessa), hanno quindi subito trovato nella Fishrider il giusto....
 
Recensione
21-04-2017 : VLIMMER
VLIMMER
Alexander Leonard Donat, titolare unico del progetto Vlimmer, è quel tipo - raro - di musicista con tutte le carte in regola per elaborare una visione artistica in grado di prescindere da schemi e stilemi: nel suo inesauribile calderone possono infatti convivere influenze darkwave, krautrock, coldwave, post-punk, shoegaze, ambient, noise e quant'altro, tutte elaborate con gusto e personalità senza che mai venga smarrito il filo conduttore di una creatività potente, 'dark' e carica di significati. In questo settimo di diciotto EP, realizzato nella consueta confezione in bustina cartonata con le due fatidiche polaroid e i....
 
Recensione
18-03-2017 : VLIMMER
VLIMMER
La serie di diciotto EP inaugurata a fine 2015 dall'interessante act tedesco Vlimmer giunge al suo sesto atto, disponibile singolarmente o in un'edizione box-set di soli 25 esemplari - progettata per contenere gli EP che vanno dal 6 al 10 - assieme al settimo capitolo (pubblicato simultaneamente a quello in esame). Racchiuso nella consueta confezione in bustina cartonata handmade con le fatidiche due polaroid incluse (ma disponibile anche nella versione in audiocassetta nera in soli 15 esemplari, oltre che in digitale), il nuovo EP amplia ulteriormente quel discorso a cavallo fra darkwave, shoegaze, post-punk, krautrock e drone abilmente....
 
Recensione
08-03-2017 : THE MEMBRANES
THE MEMBRANES
Circa un anno fa ci siamo occupati di "Dark Matter/Dark Energy", ultima fatica discografica dei The Membranes, seminale post-punk band inglese nata agli inizi degli '80 e con all'attivo una manciata di album. La loro parsimonia nel pubblicare nuove release, dovuta anche ad un lungo periodo di interruzione dell'attività, sembra essersi arrestata proprio con l'arrivo di "Dark Matter/Dark Energy". Dopo appena un anno i nostri danno alle stampe "Inner Space/Outer Space", album di remix dei pezzi del precedente lavoro, operazione non originale ma che in qualche modo consolida la sensazione di un ritorno in....
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>