Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 103

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
14-11-2021 : BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL
BLACK TAPE FOR A BLUE GIRL
Giunto al tredicesimo studio-album in 35 anni di onoratissima carriera, lo storico progetto di Sam Rosenthal si ripresenta al proprio affezionato pubblico (tre anni dopo "To Touch The Milky Way") con un rinnovato e più minimale assetto: al fianco del mastermind americano, troviamo stavolta il violoncellista e musicista sperimentale Henrik Meierkord ed il cantante Jon DeRosa, quest'ultimo noto per progetti quali Aarktica, Dead Leaves Rising, Pale Horse And Rider e Vlor. Con questa formazione a tre, la darkwave poetica ed intrisa di autentico pathos di BTFABG si riduce ai minimi termini, lasciando che sia il sottile e....
 
Recensione
14-11-2021 : VLIMMER
VLIMMER
Per noi di Darkroom, che abbiamo avuto l'onore e il privilegio di seguire per intero tutta la serie dei 18 EP realizzati da Vlimmer dal novembre del 2015 alla fine dello scorso anno, l'attesa per il primo album vero e proprio dell'act tedesco iniziava a farsi spasmodica, viste le più che legittime alte aspettative. Finalmente Alexander Leonard Donat, talentuoso mastermind del progetto, ha messo sul mercato il sospirato full-length - come sempre attraverso il proprio marchio Blackjack Illuminist - negli artigianali e caratteristici formati CD, download, vinile, cassetta e box-set in legno con bonus-CDr. Se con la sua grande....
 
Recensione
16-10-2021 : THE UNDERGROUND YOUTH
THE UNDERGROUND YOUTH
A più di dieci anni dagli esordi, gli inglesi The Underground Youth continuano la loro avventura discografica con "The Falling", disco per il quale il cantante e leader Craig Dyer, Olya Dyer (batterista e corista, nonché compagna di Craig) e i fidati Leo K. (chitarra) e Max James (basso) omaggiano in maniera più decisa tutta una serie di suoni decadenti e malinconici resi famosi da artisti del calibro di Nick Cave, Leonard Cohen e molti altri. Ascoltando quest'ultima fatica del quartetto di Manchester (ora riposizionato a Berlino), si ha come l'impressione che i singoli musicisti abbiano voluto marchiare a fuoco....
 
Recensione
29-07-2021 : VERNEBLUNG
VERNEBLUNG
La sempre stimolante Blackjack Illuminist tira fuori dal cilindro questo duo tedesco di Neuwied, composto dalla singer Nadine Klein assieme allo strumentista Adnan Abbas e con all'attivo un solo EP digitale uscito nel 2019. Pubblicato sia nel classico CDr con confezione apribile dal taglio artigianale che nelle 15 copie della limitatissima versione in cassetta, questo primo lavoro del duo si muove a cavallo fra coldwave, downtempo e dark-electro, svelando passo dopo passo tentazioni e retrogusti indie/pop (la lenta opener "Ich Sehe Nichts" e quella "Zeit Zu Staub" dal groove educato) come intriganti venature industriali....
 
Recensione
27-06-2021 : DISTANCE DEALER
DISTANCE DEALER
Nuovo progetto per il tedesco Alexander Leonard Donat, titolare della Blackjack Illuminist e poliedrico artista già apprezzato soprattutto per il suo solo-act Vlimmer (oltre che con monicker quali Fir Cone Children, Feverdreamt etc.), il quale, per dare vita ai Distance Dealer, trova nel brasiliano Thiago Desant (Phantoms vs Fire) il proprio partner ideale. Un incontro artistico basato su un concetto molto semplice: l'unione fra il tipico sound di Phantoms vs Fire e la vocalità "Smithiana" di scuola post-punk/darkwave/goth tipica di Vlimmer, senza inseguire chissà quali altri stilemi per il solo gusto di....
 
Recensione
05-06-2021 : SCHRÖTTERSBURG
SCHRÖTTERSBURG
Dalla Polonia ecco arrivare gli Schröttersburg, gruppo nato nel 2008 e giunto alla sesta release, dedito ad un post-punk dalle influenze sottilmente industrial ed elettroniche, dove il cantato in polacco contribuisce sicuramente a rendere il tutto più ruvido e alienante. In realtà, diversamente da quello che si potrebbe pensare, i musicisti riprendono sì alcuni stilemi tipici dettati dai generi musicali da cui sopra, ma senza che il tutto si risolva nel solito copia e incolla: i ragazzi, difatti, dimostrano una discreta personalità. Cadenze marziali e arpeggiatori di tastiera dirigono la scena nella....
 
Recensione
16-04-2021 : FEU FOLLET
FEU FOLLET
Sembra averci ascoltato il francese Albain Blaising, il quale, lasciati per il momento da parte i suoi impegni in ambiti marziali ed extreme metal per meglio focalizzarsi su FF, ha apertamente asserito di aver fatto tesoro dei consigli raccolti con le recensioni del precedente "La Forêt Oubliée", mettendoli poi in pratica tredici mesi dopo in questo suo terzo album, rilasciato come il precedente in più versioni: in CDr o cassetta con incluso il fumetto (creato dallo stesso Albain come prequel di quello legato al precedente lavoro) per 40 copie ciascuno, in CDr o nei 15 esemplari del formato in cassetta, oltre che....
 
Recensione
08-03-2021 : ROSI
ROSI
I tedeschi Rosi, duo musicale già fautore di svariate pubblicazioni, si rifanno vivi a due anni dal precedente "Hope" con il terzo album "Sad Dance Songs", lavoro dal contenuto non troppo dissimile dai precedenti che, se mai ce ne fosse bisogno, dimostra la più totale dedizione e fedeltà alla darkwave (con inflessioni post-punk) da loro tanto amata: e se questa eccessiva coerenza fosse in realtà un limite? Ascoltando il disco, in effetti, verrebbe da rispondere in maniera affermativa. Se si escludono alcuni brani dalle atmosfere sintetiche e particolarmente alienate, come ad esempio le curiose....
 
Recensione
01-01-2021 : VLIMMER
VLIMMER
Iniziato cinque anni fa, il progetto dei 18 EP dell'act tedesco giunge al suo capitolo finale in grande stile, non soltanto con le consuete edizioni in CDr, box e cassetta, ma offrendo anche la possibilità di acquistare assieme al supporto audio il libro "Jagmoor Cynewulf" (18 capitoli per 128 pagine), incentrato sul protagonista della storia narrata attraverso le varie uscite e pubblicato esclusivamente in lingua tedesca. Un gran finale ambizioso per un artista decisamente poliedrico come Alexander Leonard Donat, che in questo diciottesimo tassello prosegue nel suo personale discorso fra new/cold/dark-wave, post-punk, dream....
 
Recensione
01-01-2021 : ICY MEN
ICY MEN
Come se già non bastassero il gelo e la neve di Dicembre, ecco arrivare "Low Light", secondo album degli ucraini Icy Men, duo di elettro/darkwave capace di abbassare ulteriormente la fredda temperatura invernale. Prodotto dalla tedesca Cold Transmission, il disco presenta una dozzina di canzoni strutturate secondo lo stile tipico di molta musica dark elettronica, con conseguente uso di accordi su tonalità gravi dall'andamento minimale, linee di basso ossessive, suoni di tastiera dalle atmosfere sinistre e uno stile di canto sofferente, baritonale e opportunamente filtrato per non invadere troppo gli altri strumenti....
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>