Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 103

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
23-08-2014 : LIQUID GREY
LIQUID GREY
Che la Scandinavia sia terra fertile per il gothic sound è cosa ormai nota e risaputa. Che da essa escano progetti innovativi del suddetto sound è invece cosa più difficile da trovare. Ecco, i Liquid Grey del chitarrista Robert Steen-Antonsen rientrano in coloro che non brillano per originalità. Questo personaggio conosciuto come Mr. Grey (ma che in questa sede chiameremo con il proprio nome originale, visto che il nomignolo ricorda molto una nota marca di cera per pavimenti) ha deciso, dopo varie esperienze, di dar vita ad un progetto tutto suo, giunto già al secondo album dopo l'esordio del 2011 intitolato....
 
Recensione
26-07-2014 : OPIOIDS
OPIOIDS
Semplice e diretta la proposta musicale di questi quattro ragazzi provenienti da Tel Aviv, che come la più classica delle compagnie accomunate dalla passione per la musica, ama radunarsi in sala prove per far scaturire dai loro strumenti quelle sonorità che tanto hanno amato nel corso della propria esistenza. Gli Opioids sono, anche per loro stessa ammissione, proprio questo: una band che porta alto il vessillo del deathrock in primis, ma che d'altro canto non disdegna influenze più moderne (penso a band appartenenti alla nuova scena indie-wave come Interpol o White Lies) riscontrabili qua e là, soprattutto nei....
 
Recensione
12-06-2014 : MERCURY'S ANTENNAE
MERCURY'S ANTENNAE
È dall'incontro fra la cantante Dru Allen (Mirabilis, This Ascension) ed il polistrumentista Erick R. Scheid (Translucia) ad un concerto dei Lovespirals nel 2010 che sono state gettate le basi per il progetto Mercury's Antennae, giunto finalmente al suo debutto ufficiale con l'album in esame (racchiuso in un gradevole eco-wallet completo di booklet in stile mini-poster e limitato a soli 300 esemplari). Non poteva essere che la Projekt l'etichetta più adatta ad offrire asilo al duo di San Francisco, giustamente accostato dalle note ufficiali a nomi che hanno contribuito alla grandezza della label americana come Lycia e Love....
 
Recensione
22-05-2014 : ALL HALLOWS EVE
ALL HALLOWS EVE
Riunita attorno alla figura del fondatore, compositore e produttore Tom O'Connell (Traumtaenzer, House Of Usher, Dracul ed ex-Garden Of Delight), del bassista Lars Kappeler e del drummer Mike Shaw troviamo non una band, bensì una congrega di esperti e rinomati protagonisti della scena dark/goth europea che sono quegli artisti con cui lo stesso Tom sognava di collaborare. Un progetto con base in Germania ma di respiro europeo che forse non approderà alla dimensione live, ma che in studio ha profuso uno sforzo di livello superiore per dare forma compiuta al songwriting di Tom, lavorando come un collettivo aperto ai migliori....
 
Recensione
21-04-2014 : MODEL KAOS
MODEL KAOS
Formatisi nel 2011, i tedeschi Model Kaos hanno già debuttato sotto l'egida della Danse Macabre nel maggio del 2012 con l'album "Ghost Market", anticipato da un paio di singoli ed esplicativo della volontà del trio di muoversi fra elettronica e sonorità più prettamente gotiche, grazie anche ad un assetto che prevede la batteria, oltre alla chitarra. A seguito del debut sono stati operati importanti cambiamenti di line-up, non solo col nuovo chitarrista K.A. (che rimpiazza S.E. Rotwang), ma anche e soprattutto col decisivo avvicendamento dietro al microfono, con Kris chiamato a sostituire il dimissionario....
 
Recensione
11-03-2014 : ALIEN HAND SYNDROME
ALIEN HAND SYNDROME
Sono passati un paio di anni dall'uscita dell'ottimo debutto "The Sincere And The Cryptic" per la tedesca Echozone, ed ecco che torna sulle scene con un ancora più straordinario follow-up uno dei migliori artisti austriaci degli ultimi anni, vale a dire Clemens Engert, alias Alien Hand Syndrome. Cantante, paroliere, compositore e polistrumentista: Clemens è un musicista di alta classe, che non può fare altro che stupire. "Slumber" non è solo un seguito nettamente superiore al precedente, ma anche un passo evolutivo notevole, che porta e consacra AHS nell'olimpo dei gruppi goth-rock d'eccellenza,....
 
Recensione
27-02-2014 : AVE DEMENTIA
AVE DEMENTIA
Formatisi nel '96 a Montblac (Tarragona, Catalogna) e scioltisi nel 2000 dopo un solo demo e qualche concerto, gli Ave Dementia si sono infine riuniti nel 2010 e, dopo aver riassestato temi e nuove influenze, sono approdati al debutto ufficiale con l'album "Sadhus", edito in una notevole confezione con custodia cartonata, booklet e pergamena, col CD a riproporre nella serigrafia le fattezze di un vinile. Nonostante sia partito da lontano, il duo iberico mostra diversi limiti propri di un act inesperto: dalla scarsa qualità grafica del booklet ad una produzione lacunosa, ed anche il songwriting non si rivela esente dalla....
 
Recensione
29-12-2013 : MONICA RICHARDS
MONICA RICHARDS
Gli statunitensi Faith And The Muse mancano ormai all'appuntamento con un nuovo studio-album dal 2009 (e chissà se mai ne arriverà uno, visto che l'altro membro fondatore William Faith ha messo in piedi il nuovo progetto The Bellwether Syndicate...), e la loro celebrata e stimata singer ne approfitta per portare avanti la propria carriera solista, giunta con "Kindred" - che arriva a poco meno di due anni dal precedente "Naiades" - alla terza prova sulla lunga distanza. Non sbaglia la tedesca Danse Macabre a definire "Kindred" l'opera più personale della Richards, non solo perché - come....
 
Recensione
08-10-2013 : VASELYNE
VASELYNE
Fra gli ennesimi debuttanti in casa Echozone, ma non certo degli esordienti gli olandesi Vaselyne, in quanto composti dal mastermind dei Born For Bliss, Frank Weyzig, e dalla singer dei Sea Of Souls, Yvette Winkler. Guidato tanto dalla grande capacità compositiva e strumentale di Frank (che si occupa di tutta la parte strumentale, coadiuvato solo da qualche ospite) quanto dalla magnifica voce ombrosa - e tutt'altro che 'heavenly' - di Yvette, il progetto Vaselyne poggia inevitabilmente su quella grande capacità dei Born For Bliss di variare soluzioni ed atmosfere con estrema sapienza e senza perdere mai il filo logico,....
 
Recensione
14-09-2013 : THE CAPSULES
THE CAPSULES
Uscito ad inizio anno, "Northern Lights..." è il quarto album del trio americano, ormai forte di un'esperienza ultradecennale e consolidato nei propri assetti. Rispetto al precedente "Long Distance Dedication" di fine 2008, questa nuova fatica della band vede la cantante/chitarrista Julie Shields, il bassista Jason Shields ed il drummer Kevin Trevino cambiare registro, passando dal suono più organico e vicino al dream-pop a tinte malinconiche sfoggiato in precedenza alle strutture più accattivanti di oggi, figlie di un indie-electro-pop più al passo coi tempi, a partire dalla calzante....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>