Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 109

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
05-06-2017 : FORGOTTEN SUNRISE
FORGOTTEN SUNRISE
Formatisi nel lontano 1992 ed inizialmente alfieri del verbo doom/death metal, gli estoni Forgotten Sunrise si sono evoluti sino a divenire progressivamente qualcosa di ben più estroso e stimolante, abbandonando completamente i fasti del passato verso il volgere del millennio per abbracciare un'elettronica a dir poco eclettica e libera tanto dagli schemi quanto dalle facili catalogazioni. Dei primordi metal è rimasta giusto qualche sporadica e ben contestualizzata parte vocale 'harsh', mentre la line-up si è stabilizzata in forma di duo con Anders Melts e Kadri Sammel, entrambi alle prese con macchine, bassi e voci.....
 
Recensione
19-05-2017 : DJINN & SC9
DJINN & SC9
Split che vede accostati due tra i massimi progetti dark ambient e death-industrial del momento, entrambi italiani ma ai vertici del genere a livello internazionale. Da una parte Djinn, che continua con un approccio personale - sia riguardo i temi che i suoni - la lezione svedese e quella del compianto Marco Corbelli, e dall'altra Satanismo Calibro 9, che lascia gli argomenti ritualistici per addentrarsi nei meandri più oscuri della mente umana. La paura autogenerata dall'uomo è infatti al centro di un lavoro che scavalca le facili derivazioni per far approdare i suoni ad una mimesi totale con le manifestazioni più....
 
Recensione
29-04-2017 : MOONCCAT
MOONCCAT
Gradito ritorno quello dell'artista francese MoonCCat, che già ci aveva regalato un ottimo esordio nel 2015 con un lavoro ispirato dai poètes maudits del XIXesimo secolo imbastito su sonorità darkwave davvero particolari ed interessanti. Nel dicembre del 2016 questo artista che sembra aver viaggiato nel tempo sino a noi produce un secondo concept album, questa volta ispirato ad un'altra sua grande passione, vale a dire l'assenzio. In meno di 30 minuti, MoonCCat costruisce un album lineare e suadente, cupo a tratti ma per la maggior parte lisergico e obnubilante, un'ottima resa sonora di quelli che devono essere gli....
 
Recensione
05-04-2017 : DJINN
DJINN
Mantenendo sempre uno standard qualitativo elevatissimo che lo erge attualmente ai massimi livelli del death-industrial made in Italy, Djinn torna con l'ennesimo EP a tiratura limitata e tema (lugubre) circoscritto, stavolta incentrato sull'avvento della Morte tra il genere umano, questione che sarà al centro di una trilogia di cui il presente dischetto è il primo capitolo. Diviso in due lunghe tracce, "The Cycle Of Death 1" vede una prima fase più filmica e studiata rispetto ad altre crudezze che hanno segnato il passato di Djinn. In particolare, l'oscurità sonora diventa veicolo di una morte stilizzata....
 
Recensione
18-03-2017 : DANIELE BRUSASCHETTO
DANIELE BRUSASCHETTO
Torna il talento puro e cristallino di Daniele Brusaschetto con un EP autoprodotto e acquistabile solo in digitale, formato da 4 tracce composte tra la fine degli anni '80 e l'inizio dei '90. Come spiegato nel flyer promozionale, si tratta di pezzi che riportano Brusaschetto alle proprie origini di metallaro: d'altra parte quelli erano gli anni d'oro del thrash e della Bay Area, nonché del power metal proveniente da oltremanica. Generazioni di musicisti e semplici ascoltatori si sono musicalmente formati attraverso l'ascolto di gruppi come Slayer, Metallica, Megadeth che, criticabili quanto si vuole, a distanza di quasi tre decenni....
 
Recensione
08-03-2017 : ORCHESTRA ESTEH
ORCHESTRA ESTEH
Dopo "Dreamworking", primo lavoro ufficiale di Orchestra Esteh rilasciato nel 2012 a seguito di quattro uscite circolate solo privatamente, l'act condotto dal musicista campano Vincenzo Notaro si era riaffacciato sul mercato discografico ad inizio 2015, pubblicando la tripla raccolta di inediti "The Other Side B" in edizione ultra-limitata. In tempi più recenti è infine giunto il nuovo album vero e proprio per il progetto, pubblicato in soli 121 esemplari numerati a mano nella suggestiva ed elegante confezione in cartone rigido a sei pannelli. Sempre legato ad una concezione rituale del suono, rigorosamente a....
 
Recensione
07-02-2017 : MY MANNEQUIN
MY MANNEQUIN
I My Mannequin sono un progetto attivo da circa 5 anni proveniente da Trieste, splendida città di confine che, a dispetto del suo isolamento, riesce ad esser terra di contaminazioni. Il fervore del sottobosco culturale triestino ha partorito questa nuova formazione che si compone di musicisti proveniente da altri progetti. I My Mannequin non propongono formule innovative o sperimentali, ma tengono ben saldi i piedi nella storia migliore della new wave. La ricetta è semplice: pochi ma buoni punti di riferimento (Sisters su tutti, ma anche tanto gothic rock anni '90), capacità innata di saper scrivere canzoni, senso....
 
Recensione
20-12-2016 : ALESSANDRO BUCCI
ALESSANDRO BUCCI
Sono passati tre anni dall'ultimo capitolo della creatura Maka Isna, progetto del compositore romagnolo Alessandro Bucci che già aveva trovato riscontro su queste pagine sia in veste solista che nella sua collaborazione con Francesco Lenzi nei Donnie's Leach 88. Artista prolifico e particolare, Bucci porta avanti l'evoluzione di Maka Isna (sorta di alter-ego artistico la cui anima viene spezzettata in differenti capitoli) sin dal 2007, partendo da esordi cinematici e orrifici di ambientronica oscura nei primi due capitoli ed arrivando ad un approccio elettronico più vivido e contaminato da sperimentazioni varie nel terzo.....
 
Recensione
08-10-2016 : DI*OVE
DI*OVE
Tre anni dopo il buon esordio sulla lunga distanza "DI*ode" il belga Manchiniste torna in pista col suo progetto, forte dell'apporto del singer Sacha Delone (chiamato a sostituire Lukk, che fu dietro al microfono nel suddetto debut). Scelta la via dell'autoproduzione (in confezione digipack con libretto annesso), l'act prosegue nel proprio discorso sempre aderente all'EBM old school, ma anche stavolta più libero di spaziare rispetto agli schemi rigidi tanto cari a troppi progetti impegnati a riproporre pedissequamente lezioni altrui. Si avverte subito come il songwriting si sia fatto più efficace e carismatico, anche....
 
Recensione
23-07-2016 : SYNAXARIA
SYNAXARIA
Avevamo lasciato i bielorussi Synaxaria circa un anno fa alle prese con il loro primo mini-CD "Vojna", ancora incerti su quale strada perseguire, divisi fra una sincera ammirazione per l'industrial sound dei Rammstein e una naturale inclinazione verso il metallo gotico dei Lacrimosa. Si attendeva con curiosità quindi il full-lenght, che si è infine materializzato sotto forma di questo "Sadness Of Memories". La prima cosa che balza all'occhio è la scelta dell'inglese come lingua ufficiale dei testi e dell'artwork, cosa che non era avvenuta con il precedente lavoro, che evidenzia una voglia di emergere....
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>