Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 109

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
07-02-2017 : MY MANNEQUIN
MY MANNEQUIN
I My Mannequin sono un progetto attivo da circa 5 anni proveniente da Trieste, splendida città di confine che, a dispetto del suo isolamento, riesce ad esser terra di contaminazioni. Il fervore del sottobosco culturale triestino ha partorito questa nuova formazione che si compone di musicisti proveniente da altri progetti. I My Mannequin non propongono formule innovative o sperimentali, ma tengono ben saldi i piedi nella storia migliore della new wave. La ricetta è semplice: pochi ma buoni punti di riferimento (Sisters su tutti, ma anche tanto gothic rock anni '90), capacità innata di saper scrivere canzoni, senso....
 
Recensione
20-12-2016 : ALESSANDRO BUCCI
ALESSANDRO BUCCI
Sono passati tre anni dall'ultimo capitolo della creatura Maka Isna, progetto del compositore romagnolo Alessandro Bucci che già aveva trovato riscontro su queste pagine sia in veste solista che nella sua collaborazione con Francesco Lenzi nei Donnie's Leach 88. Artista prolifico e particolare, Bucci porta avanti l'evoluzione di Maka Isna (sorta di alter-ego artistico la cui anima viene spezzettata in differenti capitoli) sin dal 2007, partendo da esordi cinematici e orrifici di ambientronica oscura nei primi due capitoli ed arrivando ad un approccio elettronico più vivido e contaminato da sperimentazioni varie nel terzo.....
 
Recensione
08-10-2016 : DI*OVE
DI*OVE
Tre anni dopo il buon esordio sulla lunga distanza "DI*ode" il belga Manchiniste torna in pista col suo progetto, forte dell'apporto del singer Sacha Delone (chiamato a sostituire Lukk, che fu dietro al microfono nel suddetto debut). Scelta la via dell'autoproduzione (in confezione digipack con libretto annesso), l'act prosegue nel proprio discorso sempre aderente all'EBM old school, ma anche stavolta più libero di spaziare rispetto agli schemi rigidi tanto cari a troppi progetti impegnati a riproporre pedissequamente lezioni altrui. Si avverte subito come il songwriting si sia fatto più efficace e carismatico, anche....
 
Recensione
23-07-2016 : SYNAXARIA
SYNAXARIA
Avevamo lasciato i bielorussi Synaxaria circa un anno fa alle prese con il loro primo mini-CD "Vojna", ancora incerti su quale strada perseguire, divisi fra una sincera ammirazione per l'industrial sound dei Rammstein e una naturale inclinazione verso il metallo gotico dei Lacrimosa. Si attendeva con curiosità quindi il full-lenght, che si è infine materializzato sotto forma di questo "Sadness Of Memories". La prima cosa che balza all'occhio è la scelta dell'inglese come lingua ufficiale dei testi e dell'artwork, cosa che non era avvenuta con il precedente lavoro, che evidenzia una voglia di emergere....
 
Recensione
23-06-2016 : HERCYNIA SILVA
HERCYNIA SILVA
Avevamo lasciato questo duo loreno con un ottimo esordio omonimo datato 2014 e trattato a suo tempo su queste pagine, interessante sia per la sua variegata e particolare proposta musicale che nella cura del packaging. Nel marzo dell'anno corrente il progetto di Alban Blaising e Fabrice Bernardin torna ad autoprodurre il secondo lavoro a nome Hercynia Silva, "Dyeus Pater", con artwork curato dallo stesso Blaising, il quale stavolta prende una strada molto più semplice - ma pur sempre molto personale - rispetto al limitatissimo debut (pubblicato in 50 copie realizzate a mano con la tecnica della linografia su cartone ondulato).....
 
Recensione
15-06-2016 : JAGGERY
JAGGERY
Avevamo lasciato la sensazionale band di Boston con lo splendido EP "Private Violence" di fine 2012, e dopo un live ("For The Record" del 2014, nato anche per finanziare i futuri progetti, visto che i Jaggery si autoproducono) ed un singolo digitale, ritroviamo Mali Sastri e soci con l'atteso terzo full-length - confezionato in un bel digipack a sei pannelli - di una storia ormai ultradecennale. Per descrivere il personalissimo sound del combo americano sono state scomodate le definizioni più fantasiose e trasversali ("inquieto pop da camera", "avant rock", darkwave jazz" etc.), ma il....
 
Recensione
15-06-2016 : CAPRICORN 12
CAPRICORN 12
Dopo l'esordio avvenuto nel 2014 il progetto di Andrea Gilardelli torna con un nuovo lavoro autoprodotto, nato ancora una volta sotto l'egida di una dark ambient personale di alto livello in cui viene messo in mostra un background da grande appassionato del settore, cosa che pone il monicker italiano un passo avanti rispetto ad altri nomi più navigati e blasonati, ma probabilmente meno esperti per ciò che concerne i meccanismi compositivi di un certo genere musicale. L'avvio di "It Seems The Pain Is Not Enough" si attesta su frequenze basse pulsanti, inscenando un insistente senso di oppressione e oscurità....
 
Recensione
15-06-2016 : SYMBIOSIS
SYMBIOSIS
Infaticabile realizzatore, Valerio Orlandini ha avviato, tra i suoi vari progetti, anche Symbiosis, nome che prende forma da retaggi black ambientali ma che in corso d'evoluzione ha saputo variare in chiave più isolazionista e riflessiva gli spunti di partenza. Giunto dopo varie produzioni che includono sia full-length che collaborazioni (l'act è attivo da circa dieci anni), "Mikrokosmos" è strutturato in otto tracce senza titolo, generalmente costruite con un tappeto dronico lineare su cui si stende una melodia di natura sintetica o strumentale. Ne risulta un sound gelido e malinconico che guarda a panorami....
 
Recensione
15-05-2016 : DJINN
DJINN
Autoprodotto in una tiratura di sole 66 copie nel 2003, a cavallo tra la pubblicazione degli album "Katharos" e "Technological Death", "Multiple Personality Distorted" è un mini-CDr di tre tracce che Djinn ristampa adesso in un'analoga autoproduzione ristretta ulteriormente ad appena 25 copie. Il tema portante sono le deviazioni della mente umana, da sempre questione centrale nei concept dell'autore italiano, con focalizzazione sulla patologia della personalità dissociata affrontata con i canoni audio del death-industrial. Nel primo pezzo, "Dissociative Identity", synth neri e percussioni....
 
Recensione
15-05-2016 : DEATH ELECTRONICS
DEATH ELECTRONICS
Esordio ricco di spunti quello dei sardi Death Electronics, trio composto da Andrea Congia (chitarra classica/synth), Walter Demuru (live electronics) e Francesco Medas (chitarra elettroacustica/live electronics), tutti musicisti e sperimentatori sonori d'esperienza che nel 2012 hanno deciso di unire le forze in questo progetto comune. Avvalendosi del prezioso aiuto di Stefania Sistu (voce), Giorgia Mascia (flauto traverso/live electronics) e Teresa Virginia Salis (flauto traverso), il combo ha dato vita ai tredici frangenti di "Götzen-Dämmerung", sorta di concept ritagliato sul modello del celebre "Crepuscolo Degli....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>