Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 109

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
13-08-2019 : STUPOR MENTIS
STUPOR MENTIS
Dopo l'ottimo "Ad Extirpanda", primo album ufficiale pubblicato nel maggio 2018 dal tandem di etichette Gradual Hate/Twilight Records a seguito di un paio di demo datati 2016 e 2017, il duo francese composto da Erszebeth (voce) e da Nicolas Fulcannelli (musiche) opta per la via dell'autoproduzione. Che si tratti di una scelta deliberata o meno, ciò che conta è che la nuova fatica discografica - realizzata in un essenziale digipack - sia realtà, poiché l'act transalpino è degno rappresentante di quella scuola che intreccia sapientemente dark ambient, gothic e musica sinfonica per trarne autentica....
 
Recensione
13-08-2019 : ANALFABETISM
ANALFABETISM
Dopo essere tornato ad autoprodursi a seguito di due full-length pubblicati dalla blasonata Malignant Records, il solo-project dark ambient/death-industrial del navigato Fredrik Djurfeldt (Severe Illusion, Instans, Boar Alarm) ha continuato ad accrescere la propria fama e credibilità, come ampiamente dimostrato col precedente ed ottimo "Kniven Sitter Kvar I Bonden" solamente dieci mesi or sono. Supportato per questo suo quinto full-length dal medesimo personale della precedente fatica (il veterano Eric Van Wonterghem per il mastering e Noculture per l'artwork che adorna il pregevole digipack a sei pannelli), lo svedese porta....
 
Recensione
23-07-2019 : IRINA NËSTOR
IRINA N╦STOR
Nati circa due anni fa, i romani Irina Nëstor si formano dall'unione di musicisti provenienti da gruppi diversi ma accomunati dalle stesse idee; questa sinergia porterà la band a raggiungere in poco tempo le finali di diversi contest nazionali, tra cui il "Rock On Parade". Traendo ispirazione da artisti del calibro di Depeche Mode, Cure, Massive Attack ed Aphex Twin, il quintetto dà finalmente alla luce "One Day You'll Miss Today", lavoro di debutto nel quale, più che le influenze di cui sopra, si possono scorgere decisi richiami al post-rock, all'ambient e, naturalmente, all'elettronica.....
 
Recensione
04-07-2019 : SATARAY
SATARAY
Da quella Seattle salita agli onori della cronaca per il celeberrimo grunge dei 90s arriva Katrina Ellison, nota in passato per aver collaborato attivamente col progetto Celadon in lavori quali "Mata Utara" (2010) e "Songs To The Bornless One" (2014). È dal settembre del 2015, segnatamente col demo "The Black Door", che Katrina ha deciso di sviluppare in solitaria - dietro al monicker Sataray - la propria musica, giungendo con "Nocturnum" al suo primo album ufficiale, realizzato sia in digitale che nel formato audiocassetta con spartana j-card. Già col suddetto demo avevamo potuto....
 
Recensione
31-01-2019 : VENICE MAY
VENICE MAY
Gestire una rivista online come Darkroom ci ha riservato il privilegio di scoprire molti esordienti straordinari, capaci già al primissimo colpo di emozionarci profondamente e di tracciare una rotta di eccellenza sulla quale proseguire. Tra questi vanno senza dubbio annoverati anche i parigini Venice May, duo composto dalla cantante/chitarrista/pianista di origini ucraine Natalia Samofalova e dal chitarrista Vincent Bedfert, che fanno coppia anche nella vita e che, dal 2013, hanno lavorato in maniera certosina per giungere all'album d'esordio. Scelta la via dell'autoproduzione, peraltro con ottimi risultati anche a livello di resa....
 
Recensione
07-12-2018 : JO QUAIL
JO QUAIL
Sono trascorsi poco più di due anni e mezzo dal precedente opus "Five Incantations", e per la talentuosa violoncellista inglese Jo Quail, nel frattempo, c'è stato modo di impiegare le proprie doti artistiche in un progetto a sei mani ("Rosebud" il titolo dell'opera) assieme a nomi del calibro di Eraldo Bernocchi ed F.M. Einheit. Sempre attiva con collaborazioni di prestigio, anche in sede live, la Nostra ha infine ultimato il lavoro sul suo quarto album, nuovamente realizzato in proprio, mirabilmente prodotto e come di consueto racchiuso in una confezione di gran pregio (un digipack a sei pannelli con rilievi....
 
Recensione
22-10-2018 : ANALFABETISM
ANALFABETISM
Il solo-project dello svedese Fredrik Djurfeldt (Severe Illusion, Instans, Boar Alarm etc.) torna ad optare per la via della produzione in proprio per questo suo quarto album, dopo la netta crescita evidenziata coi due precedenti full-length rilasciati dalla blasonata Malignant Records. Dopo il poco pubblicizzato split di un anno fa assieme al redivivo act Radiumhospitalet (condotto in solitaria da Ulf Lundblad, che con Fredrik, oltre alla band-madre Severe Illusion ed al side-project Instans, condivideva quei Knös dalle cui ceneri è poi sorto proprio Analfabetism), e più o meno alla stessa distanza di tempo dal precedente....
 
Recensione
27-09-2018 : STÉPHANE BOULIN
ST╔PHANE BOULIN
Pochissime erano le informazioni disponibili sui Neurotoxik, da noi trattati verso fine maggio, e ancor meno sono quelle reperibili riguardo al solo-project del francese Stéphane Boulin, che nel succitato duo è responsabile delle macchine. Scelta la via dell'autoproduzione e l'impiego della lingua madre per i testi (tutti inclusi nel booklet del jewel-case che racchiude l'opera), il Nostro, coadiuvato da un piccolo gruppo di collaboratori (fra cui Audrey Rabat per la voce femminile), mette in campo un'elettronica ad ampio raggio dal taglio vintage e dalle tinte scure che ingloba anche passaggi di chitarra, nonché synth....
 
Recensione
27-09-2018 : OZZO
OZZO
Dietro al curioso monicker oZZo si cela Ivano Tomba, musicista e dj milanese con alle spalle altre esperienze musicali, qui al debutto assoluto col suo nuovo progetto. Affiancato da Alessio Corrado, anch'egli non nuovo nell'ambiente musicale e qui chiamato ad occuparsi delle parti vocali, Ivano dà vita ad un EP (confezionato in un'essenziale cardboard) nel quale la sua passione per l'elettronica convive con l'impatto del rock, per un impianto ascrivibile all'ampia categoria del synth-rock. Di certo il musicista lombardo nutre una certa passione per la dubstep, stilema di cui si trovano chiari riferimenti sia nell'iniziale "As Fast....
 
Recensione
21-06-2018 : SEVERE ILLUSION
SEVERE ILLUSION
Nei loro 18 anni di onesta ed onorata carriera, gli svedesi Severe Illusion hanno sempre tenuto in grande considerazione la produzione di EP, che a conti fatti si sono sempre rivelati utili per ingannare l'attesa fra un album e l'altro. Negli ultimi anni, anche per via dei molti side-project che ne hanno coinvolto i membri, la band ha un po' rallentato l'attività (l'ultimo full-length "Deliberate Prefrontal Leucotomy" è del 2013), ed è quindi con piacere che accogliamo questo nuovo EP a cinque tracce, confezionato in un essenziale digipack e forte del mastering di un esperto come Eric Van Wonterghem (Klinik),....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>