Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 104

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
25-03-2019 : VIVIANKRIST
VIVIANKRIST
Dopo essersi fatta le ossa in ambito industrial con una nutrita serie di uscite negli ultimi due anni (per lo più in digitale), Vivian Slaughter - al secolo Eri Isaka - delle black/doom/crust-metallers nipponiche Gallhammer approda col suo personale progetto Vivankrist alla prima vera uscita ufficiale di alto profilo, patrocinata dalla blasonata Cold Spring in un essenziale digipack. Vivian, che risiede in Norvegia col fidanzato Maniac (ex voce dei Mayhem) e con lui è parte attiva anche nel nuovo progetto Sehnsucht, abbandona il basso per avventurarsi in solitaria nelle lande oscure del suono industriale, abbracciando un piglio....
 
Recensione
09-03-2019 : MZ.412
MZ.412
Dopo il gustoso antipasto vinilico dello scorso giugno "Ulvens Broder", ecco infine giungere l'annunciato "Svartmyrkr", sesto studio-album firmato Mz.412 che arriva a quasi 13 anni di distanza dall'ultimo full-length "Infernal Affairs" del 2006. Confezionato in un lussuoso digipack a sei pannelli, il nuovo full-length degli originatori del black industrial è senza dubbio una delle uscite più attese del settore, e lo sa bene l'inglese Cold Spring, che dopo aver ristampato anni addietro tutti e cinque gli album precedenti, appronta stavolta anche due edizioni nel formato LP: una nel classico colore....
 
Recensione
09-03-2019 : BOW GAMELAN ENSEMBLE
BOW GAMELAN ENSEMBLE
Ristampa su CD per Cold Spring del rarissimo LP datato 1988 di questo trio inglese pioniere della sperimentazione sonora, che lo ha visto utilizzare nelle sue performance uditivo-visive strumentazioni alquanto singolari e decisamente inusuali, sicura ispirazione per molti collettivi di musica industriale che seguirono nel vero senso del termine. Si riconosce un approccio percussivo tipico della musica Gamelan (la tradizionale formazione indonesiana composta da persone che suonano prevalentemente strumenti metallici), eseguito però su materiale tutt'altro che comune come rottami metallici, cerchioni di automobili, campane di varia....
 
Recensione
09-03-2019 : HOLOTROP & VRNA
HOLOTROP & VRNA
Nuova release collaborativa per il longevo progetto Urna (o Vrna) di Gianluca Martucci, che stavolta divide gli sforzi col quotato act tedesco Holotrop, condotto da quel Tino Seibt che gestisce anche l'etichetta produttrice Qualia. Racchiuso in una pregiata confezione A5 in cartoncino, completa di inserto grafico/informativo con lo splendido artwork firmato da Gianluca e limitata a 200 esemplari (cui si aggiungono i 25 della limitatissima edizione in cassetta), "Enkoimesis", nei suoi quattro atti denominati "Onirokon" con a fianco il numero progressivo romano, unisce le abilità di due nomi di alto livello....
 
Recensione
09-03-2019 : ZENI GEVA & STEVE ALBINI
ZENI GEVA & STEVE ALBINI
Doppio CD in confezione digipak a sei pannelli che propone tutti i pezzi collaborativi tra Zeni Geva (KK. Null) e Steve Albini (Shellac, Big Black), incluse anche rare tracce bonus provenienti dal 12" ultra-limitato "Superunit" con mastering a nome Denis Blackham, leggenda inglese nel suo campo. Gli amanti delle sonorità noise e sludge troveranno sicuramente pane per i loro denti tra le tracce del primo CD "Nai Ha" - si ascoltino pezzi come "Shirushi", la title-track, "Terminal Hz", "Painwise" - assieme a proposte più strenuamente punk ("Intercourse") o altre....
 
Recensione
21-02-2019 : MAYUKO HINO
MAYUKO HINO
Salto di qualità per la noisier giapponese Mayuko Hino (già in C.C.C.C., Transparentz, Mne-Mic e DFH-M3), passata sotto l'egida della veterana Cold Spring per questo nuovo lavoro che segue di quattro anni l'esordio per la conterranea Shrine.jp. "Lunisolar" si compone di due lunghe suite rumoristico-ambientali: la prima, "Faintainhead", dilaga su stratificazioni di rumore ondulate ed inesorabili, come un vento via via sempre più prorompente ed impetuoso tra il quale si insinuano in contrasto lucide e gentili campane tibetane e fluttuazioni space ambient. La seconda, "Astral Travelling",....
 
Recensione
31-01-2019 : TESTPHASEN NEGATIV
TESTPHASEN NEGATIV
Benché attivo dal 2006 e con alle spalle già sei uscite, l'act tedesco guidato dall'esperto Ralf Rabendorn non ha mai fatto parlare di sé nella misura che avrebbe meritato, e senza dubbio gli ultimi cinque anni di silenzio non hanno giovato in tal senso. Eppure la formula di TN, giocata su derive dark ambient e ritual/industriali particolarmente oscure, spettrali ed orrorifiche prossime a certe soundtrack, aveva mostrato tutto il suo fascino oscuro in ognuna delle precedenti release, ed a conti fatti è mancato soltanto il supporto di qualche label di grosso calibro. Ralf, assieme ai fidati Jarosch ed R.J. Schrey,....
 
Recensione
18-01-2019 : VROMB
VROMB
Lo storico progetto del quebecchese Hugo Girard torna al suo proposito di rimpolpare l'esiguo numero di uscite fisiche - ovviamente in proporzione ai suoi anni di attività - con questo bel digipak argentato con artwork minimal-meccanico, in sposalizio perfetto con le sonorità del nostro scultore dell'analogico. Concepito come un lavoro nel quale sono i macchinari di Girard a parlare liberamente, "Noize Mélodia" denota sin dal titolo una sorta di 'Ordo Ab Chao' nella sua resa generale fatta di soundscapes a tratti concreti e piuttosto incisivi (la intro "Réglages Et Radiations"), in altri....
 
Recensione
18-01-2019 : COIL + ZOS KIA + MARC ALMOND
COIL + ZOS KIA + MARC ALMOND
Succulenta release per gli amanti della sperimentazione seminale in cerca di pezzi dal calibro piuttosto alto da annoverare nella propria collezione, trattandosi infatti di tre tracce contenenti rispettivamente la versione inedita, esclusiva e rimasterizzata in toto dalle cassette originali dell'intera performance di 23 minuti dal titolo "A Slowly Fade To Total Transparency" - con sottotitolo "How To Destroy Angels" - eseguita live alla Air Gallery di Londra il 24 Agosto 1983 da John Balance (Coil), John Gosling (Zos Kia) e Marc Almond (Soft Cell) alla voce, con un live mix a cura di Peter Christopherson (Coil, Throbbing....
 
Recensione
05-01-2019 : PHRAGMENTS
PHRAGMENTS
In attesa del successore dell'eccellente album del 2016 "All Towers Must Fall", l'act slovacco rinnova il sodalizio con l'americana Malignant (in collaborazione col marchio Construct.Destroy.Collective facente capo a Phragments stesso) per realizzare il CD in esame, "Fratres", che raggruppa quelle tracce realizzate in combutta con altri nomi del settore dark ambient/drone/industrial fra il 2011 ed il 2017 e sinora apparse solo su talune compilation - targate Kalpamantra e Malignant Records - ormai difficili da reperire. Realizzato in 300 esemplari e racchiuso in un mirabile digisleeve a sei pannelli, il dischetto si apre....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>