Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 108

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
10-05-2018 : BONA HEAD
BONA HEAD
Due anni dopo "Keys For Healing", Roberto Bonazzoli - unico responsabile del progetto Bona Head - torna con un quarto full-length apertamente ispirato al celebre film del cineasta danese Lars Von Trier "Melancholia", omaggiando un'opera che senza dubbio lo ha colpito positivamente. Il polistrumentista e compositore cremonese continua a giostrare le proprie creazioni fra una vena pop/rock alternativa di derivazione 90s ed impianti di scuola synthpop debitori del retaggio 80s, cesellando il tutto con la sua efficace vocalità e dando spazio anche ad un apporto sinfonico che permea non soltanto quella....
 
Recensione
10-05-2018 : DEISON, DEVIS
DEISON, DEVIS
Collaborazione a quattro mani tra i due navigati sperimentatori Cristiano Deison e Devis Granziera (quest'ultimo già noto come artefice di progetti quali Lunus e Teatro Satanico). Il loro è un suono che guarda con esperienza al panorama noise-ambient e post-industriale, puntando a strutture meccanizzate in cui sono ben visibili echi cibernetici, field recordings, toni aspri e derive d'atmosfera. Su tutto impera un'aura di tranquillo e indefinito mistero, spesso mescolato a rimandi quotidiani espletati con rumori che creano sfondi umidi e caliginosi. Si passa da situazioni descrittive dotate di una certa circolarità tonale....
 
Recensione
19-04-2018 : SATANISMO CALIBRO 9
SATANISMO CALIBRO 9
Cambio di rotta per il monicker milanese SC9, che con questo "Ov Death" tende a fare tabula rasa di ogni sonorità in favore di toni essenziali e lugubri, tesi a riportarci indietro verso situazioni ancestrali e sinistre tipiche di civiltà lontane. Rispetto alla trilogia "Rising" si ha un distacco dai classici canoni death-industriali: gli escamotages tipici del genere vengono ridotti al minimo, mentre i toni si smorzano optando per silenzi da cui scaturiscono rintocchi, tribalismi accennati, gorgheggi inquietanti e piccoli sprazzi rumoristici. Una sorta di ritualismo minimale che si riallaccia ad un effetto....
 
Recensione
19-04-2018 : PUBLIC DOMAIN RESOURCE
PUBLIC DOMAIN RESOURCE
A poco meno di tre anni dall'apprezzato "SixYears", il duo bergamasco composto da Ugo Crescini (voce) e Pietro Oliveri (macchine) torna col terzo lavoro sulla lunga distanza, pubblicato in un essenziale digipack da quella Space Race Records che ha accompagnato l'act sin dall'esordio. I due navigati protagonisti compiono con "AntiGravity" un ulteriore passo in avanti, galleggiando sempre più sagacemente fra le correnti elettroniche senza abbracciare mai completamente né l'EBM, né il synthpop o la dark-electro, preferendo sintetizzare con lucidità quegli elementi dei vari filoni - a partire dal....
 
Recensione
19-04-2018 : ALBERTO NEMO
ALBERTO NEMO
Al debutto lo scorso settembre con l'EP "6x0 Live (Vol. I)", il veneziano Alberto Nemo torna dopo una manciata di mesi con altri sei brani, fissati su CD con custodia in formato DVD per un'edizione di soli 50 esemplari numerati a mano (che si affianca a quella in digitale). Come nel primo EP, la musica di Alberto si dipana attraverso un taglio neoclassico in cui la sua struggente voce enfatizza con fare drammaticamente poetico il respiro intimista, sacrale ed elegiaco dei brani, che stavolta assumono tratti più sperimentali non soltanto in virtù di un maggior impiego dell'elettronica e delle sonorità ambientali,....
 
Recensione
19-04-2018 : SENKETSU NO NIGHT CLUB
SENKETSU NO NIGHT CLUB
Adriano Vincenti, ampiamente noto nella scena per aver fondato il progetto Macelleria Mobile Di Mezzanotte, trova nel sempre più poliedrico Giovanni Leonardi (Siegfried, Carnera, Divisione Sehnsucht e da qualche tempo attivo anche in veste solista) il giusto sodale con cui dar vita al nuovo act in esame, le cui mire artistiche puntano a far convivere la scuola noise giapponese (ispirandosi anche al cinema estremo nipponico) con quel suono jazz-noir dai tratti doom che ha come massimo punto di riferimento i blasonati Bohren & Der Club Of Gore, e che proprio la Macelleria ha abbracciato con successo nella sua parabola evolutiva.....
 
Recensione
19-04-2018 : SKAG ARCADE & MEANWHILE.IN.TEXAS
SKAG ARCADE & MEANWHILE.IN.TEXAS
Secondo capitolo di una presunta trilogia incentrata sui suoni e gli unput del deserto, "Twentynine Palms" arriva a distanza di circa un anno dalla precedente collaborazione intitolata "Fernweh". I due autori italiani coinvolti, Paolo Colavita e Angelo Guido, assemblano field recordings dal gusto prettamente isolazionista dove il deserto spadroneggia sia dal punto di vista immaginifico e iconografico sia da quello più strettamente mentale, introducendo l'ascoltatore in un vortice denso e lisergico, memore forse anche delle immagini e dei suoni di vecchi lavori come "Zabriskie Point" filtrati da un'aura....
 
Recensione
04-04-2018 : TOURDEFORCE
TOURDEFORCE
Tre anni e mezzo dopo l'ultima fatica in studio "Jedem Das Seine" ed a circa un paio dalla riuscita collaborazione con Sköll per "Antologia Elettronica", l'act guidato da Christian Ryder torna col sesto lavoro sulla lunga distanza in 14 anni di attività. Ormai stabilmente solo al comando e sempre più a suo agio anche nelle vesti di cantante, nuovamente circondato da preziose ospiti per completare le parti vocali (non soltanto quella Lisa Duse con cui il Nostro condivide il progetto Porta Vittoria, ma anche l'americana Jenna Christensen e Kyt Walken), il mastermind bergamasco mette anche stavolta....
 
Recensione
04-04-2018 : LE COSE BIANCHE
LE COSE BIANCHE
Dopo aver reso tributo per anni alla classica scena power-electro unendo reminiscenze a spunti personali, Giovanni Mori riprende le fila di un discorso abbandonato ai tempi del suo primo monicker Malameccanica, incentrato su un'affabulazione densa e corrosiva da cui trapelavano sprazzi di vita personale, ricordi e posizioni nichiliste. Le 13 tracce di "Tutti Quanti Sognano Porno" recuperano e continuano il tema della pornografia, classica ossessione di Giò rivissuta con occhio decadente e tetro, e vedono la partecipazione di grandi nomi della scena industriale italiana (soprattutto milanese), già collaboratori in altri....
 
Recensione
04-04-2018 : PMS
PMS
Dopo il buon esordio per la Ark Records nel febbraio 2016 rappresentato dal miniCD "Premenstrual Syndrome", il duo partenopeo composto da Martina Mollo (piano, voce, synth) e Caterina Bianco (violino, voce, synth) si accasa presso la Arealive per il suo primo lavoro sulla lunga distanza. Uscito lo scorso dicembre, "Di Giallo E Grigio" - racchiuso in un bel digipack completo di libretto - prosegue nel discorso iniziato col suddetto mini, ampliando la visione artistica delle due abili e preparate musiciste (entrambe provenienti dagli studi in conservatorio) fra sonorità neoclassiche e minimalismi elettronici, in una....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>