Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 108

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
25-09-2017 : AFRICAN GHOST VALLEY
AFRICAN GHOST VALLEY
Duo euro-canadese immerso in un'affascinante mistero che trapela sia dal nome curioso che dai vari nastri editi nel corso di tre anni di attività, African Ghost Valley mescola il piacere per l'improvvisazione a quello per il rumorismo minimale, senza cedere a echi stilistici troppo definiti e puntando sempre a mantenere uno spunto personale bizzarro. "Royers Talaha" è un EP di cinque tracce (ripetute - alla vecchia maniera - anche nella B-side, ma in ordine inverso) che non sembrano seguire un preciso filo logico né tematico, prediligendo una verve che guarda soprattutto alla grande e variegata scena....
 
Recensione
11-09-2017 : VV.AA.
VV.AA.
La label SPQR presenta il proprio roster - come già avvenuto in passato - con un'interessante compilation che uscirà in settembre e che sarà data gratuitamente a chi acquisterà direttamente tramite il sito spqrlabel.com. Nove brani inediti o 'perduti' per nove progetti con il comune denominatore dell'alta qualità realizzativa e artistica. L'avvio è affidato a L'Effet C'Est Moi che ci riporta alla maestosità sinfonica e filmica del miglior periodo marziale, tinta di pathos e splendore marmoreo. A seguire i blasonati Death In Rome che, evitando le ben note rielaborazioni pop, rivedono l'essenza....
 
Recensione
11-09-2017 : GERSTEIN
GERSTEIN
Grande compilation che celebra l'opera di Gerstein - progetto dell'italiano Maurizio Pustianaz - percorrendone la discografia con venti brani, sistemati in ordine cronologico ed estratti per la quasi totalità da album diversi attraverso un percorso che copre una carriera di ben 32 (piovose) primavere. La prima parte del disco è occupata da tracce create per lo più a partire da giri di piano mediamente uggiosi, mesti o malinconici, dove spicca un atteggiamento in parte lugubre ma velato sempre da una sana ironia. Più fuori dagli schemi alcune puntate verso jingle anomali, che segnano la fine di un periodo creativo e....
 
Recensione
11-09-2017 : EMPTY CHALICE
EMPTY CHALICE
Secondo lavoro da studio per il giovane act Empty Chalice guidato da Antonine A., già attivo nel duo Gopota. "Emerging Is..." propone cinque brani di ambient-industriale dalle venature cupe e astrali, basati su temi prolungati e reiterati nel tempo arricchiti da riferimenti tematici che sembra vogliano alludere ad un eterno ritorno in chiave nichilista. Drones massicci, sfondo metallico e rintocchi inquietanti sono alla base del brano di partenza "Look Into My Eyes", dotato di interessanti echi ritualistico-orientaleggianti e di un'alternanza di esplosioni e tranquillità tonali. Altrettanto nero è il....
 
Recensione
01-09-2017 : CALIGULA031
CALIGULA031
La Filth And Violence recupera i primi due lavori dell'acclamato progetto di Marco Deplano, editi in origine nel 2010 ("Albanian Meat Market") e nel 2012 ("Domino") esclusivamente in cassetta, arricchiti da un paio di inediti registrati nel 2015. Lo stile di Caligula031 è piuttosto singolare, improntato su un'estremizzazione delle peculiarità tipiche di altri monicker di Marco, e calca la mano sul tema circoscritto della prostituzione legalizzata delle ragazze dell'est europeo 'fotografata' nell'area italo-svizzera. Si tratta di una sorta di docu-noise (rumorismo documentario) teso a piegare soluzioni e....
 
Recensione
01-09-2017 : ZOLOFT EVRA
ZOLOFT EVRA
Gustoso EP per l'act italiano Zoloft Evra, che accorpa un inedito risalente alle sessioni di registrazione del secondo album "Murder Chamber" ai due pezzi apparsi nelle compilation edite per il festival Destination Morgue, edizioni VIII e IX. Le tracce hanno in comune l'approccio death-industriale torbido fortemente legato al connubio sesso-morte, qui nelle forme inquietanti dell' "Hypoxyphilia" del titolo, ovvero asfissia con finalità orgasmiche. Sebbene il tema non sia nuovo è fuor di dubbio che il nostro trittico ne sappia evocare gli aspetti psico-fisici più taglienti, giocando su sensazioni audio....
 
Recensione
01-09-2017 : GIANLUCA FAVARON
GIANLUCA FAVARON
La sperimentazione estrema di Gianluca Favaron si confronta con due personaggi letterari chiave del secondo Novecento: Roquentin e Meursault, segnatamente protagonisti de "La Nausea" di Sartre e di "Lo Straniero" di Camus, nonché titoli delle due tracce di questo nastro. Attraverso una decostruzione, frammentazione e concretizzazione tonale, l'autore scava dentro menti avvolte da mistero e morte rivivendone le vicende, filtrate da uno stile unidirezionale in cui il rumore diventa mezzo per interpretare situazioni evitando qualsiasi facile intrattenimento di stampo post-industriale. Favaron guarda tecnicamente ad una....
 
Recensione
04-08-2017 : FIRST BLACK POPE
FIRST BLACK POPE
Nonostante i buoni riscontri di critica non siano certo mancati, ai veneti FBP piace fare le cose nei tempi che più ritengono congeniali, il che ha portato ad un'attesa di circa tre anni e mezzo prima di poter ascoltare l'atteso terzo album "Post Mortem". Un nuovo step che porta in sé una significativa ridefinizione del suono dei Nostri: entra infatti di prepotenza la chitarra, dura e distorta, che va ad amalgamarsi alla spietata harsh-EBM tipica della band irrobustendo l'intero sound, al punto che gli stessi protagonisti parlano senza mezzi termini di 'industrial metal'. Un'ibridazione non certo rivoluzionaria, ma....
 
Recensione
04-08-2017 : DUBIT
DUBIT
Fra i tanti gioielli nascosti del fitto sottobosco musicale italico c'è sicuramente Dubit, progetto del musicista pugliese Pier Alfeo fondato sulla "ricerca spirituale e la costante necessità di trasformazione interiore" - come sottolineano le note ufficiali - e giunto con "Vitriol" al secondo full-length, cui si sommano anche svariati EP in vinile e/o in digitale, spesso in compagnia di altri monicker. Con trascorsi in quel di Berlino, dove fra l'altro ha dato vita alla label Several Reasons Recordings, il Nostro si è distinto negli ultimi anni grazie ad un sound che è anch'esso frutto di una....
 
Recensione
04-08-2017 : SOTTOFASCIASEMPLICE
SOTTOFASCIASEMPLICE
Evidentemente è destino che noi si arrivi sempre in ritardo sulle uscite firmate SFS: così fu per "Filospinato", edito nel 2007 e da noi trattato solo verso fine 2008, e così è per "Colonna Sonora", pubblicato nel febbraio 2016 e di cui ci occupiamo solo ora. Ma l'importante è arrivare, specie se si tratta di un progetto 'scomodo' come quello dell'ex console in terra giapponese Mario Vattani, attivo sin dagli anni '90 (precedentemente c'erano state altre incarnazioni musicali per il poliedrico frontman, in primis gli Intolleranza) ma 'scoperto' solo nella corrente decade da certi sinistri....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>