Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 108

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
03-08-2016 : CAZZODIO
CAZZODIO
Progetto italiano estremamente di nicchia con all'attivo due soli album risalenti al 1998 e al 2000, Cazzodio si è saputo ritagliare lentamente un meritato status di culto, confermato in tempi recenti dai progetti paralleli Cazzokraft (in coppia col giapponese Linerkraft) e Naxal Protocol. Questo doppio CD scava negli albori dell'act, recuperando brani inediti della prima ora e un pugno di pezzi apparsi in compilation edite 15-20 anni fa. Nel primo dischetto trovano spazio quattro tracce risalenti a un nastro autoprodotto del primigenio monicker Rumore Insorto: si tratta di un noise minimale ruvido e abrasivo nato dalla sovrapposizione....
 
Recensione
03-08-2016 : TWIST OF FATE
TWIST OF FATE
Smessi i panni di Nimh, longevo act che negli ultimi anni ha catturato le attenzioni della quotata label polacca Rage In Eden, Giuseppe Verticchio torna a cimentarsi con Twist Of Fate, progetto che lo vede in compagnia della moglie Daniela Gherardi (violino, synth, effetti), già al debutto un paio d'anni or sono con l'album "Tales From A Parallel Universe" per la russa GS Productions. Stavolta è Oltrelanebbiailmare, divisione della più nota Silentes, ad occuparsi della realizzazione del disco (edito in confezione jewel-case), che sin dall'artwork indica chiaramente come la coppia abbia preso la via dei boschi....
 
Recensione
03-08-2016 : MY CAT IS AN ALIEN/GELBA
MY CAT IS AN ALIEN/GELBA
Volge al termine la serie "Tape Crash" della Old Bicycle Records, inaugurata nel 2011 e giunta al suo ultimo capitolo dopo 15 uscite caratterizzate da split-album editi esclusivamente su nastro con tirature ristrette e confezioni di pregio. A chiudere la collana troviamo un accostamento anomalo che vede i titanici My Cat Is An Alien, affermato duo italico di caratura internazionale, e i giovani connazionali Gelba, al secolo Matteo Poggi e Michele Mazzani, improvvisatori di marca noise-industriale attivi da pochi anni a questa parte. I primi propongono una lunga suite di circa venti minuti incentrata su uno stile trasversale che....
 
Recensione
23-07-2016 : ATARAXIA
ATARAXIA
È con notevole ritardo - sicuramente non voluto - che giungiamo a parlare dell'ultima fatica discografica degli Ataraxia, uscita ormai lo scorso settembre a poco più di un anno dal precedente "Wind At Mount Elo". Aspettando l'imminente nuovo album "Deep Blue Firmament", previsto in uscita a settembre, è per noi un piacere addentrarci in quest'ennesima fatica in studio della storica band emiliana, formatasi ormai trent'anni or sono e giunta ben oltre quota 20 per quanto concerne i lavori di lunga durata, in una impeccabile carriera costellata di uscite memorabili. "Ena", che ha visto i Nostri....
 
Recensione
23-07-2016 : SUCTION MELENA
SUCTION MELENA
Rifacendosi in maniera filologica alla power-electro degli albori, Giovanni Mori imbastisce un altro capitolo del suo nuovo act Suction Melena. Quattro brani di puro noise analogico in cui è possibile leggere la passione per un genere che in pochi hanno saputo rivivere e rivedere in modo così intenso, a distanza di tanti anni e senza aggiungere partiture digitali o armamentari moderni. Ma la genialità di questo manipolatore sonoro risiede anche e soprattutto nel riappropriarsi di uno stile nella sua forma 'fossile' per usarlo come vettore di un discorso personale, quello della pornografia vista con un occhio sottile e con....
 
Recensione
13-07-2016 : ANTIKATECHON
ANTIKATECHON
Quinto lavoro da studio, inclusa una collaborazione con Nimh, per l'act italiano gestito da Davide Del Col. Il sound dei cinque lunghi brani continua il discorso stilistico inaugurato nel debut, risalente a un lustro fa, proponendo una dark ambient che unisce sentori di provenienza mitteleuropea con alcuni spunti fortemente malinconici che sembrano voler guardare con mestizia ad un indefinito passato, in linea con alcune produzioni di progetti connazionali come Nimh e Selaxon Lutberg. Le tracce puntano ad una dilatazione estrema dei tempi di svolgimento, calcando la mano su esiti ipnotici che non disdegnano puntate altamente emozionali. Gli....
 
Recensione
13-07-2016 : LAXATIVE SOULS/EVITAXAL
LAXATIVE SOULS/EVITAXAL
La label nostrana Luce Sia dà alle stampe una summa dell'opera di Roberto Marinelli, in una doppia cassetta che mette in mostra le varie sfaccettature di un autore che ha precorso i tempi e che non ha ancora avuto le attenzioni che merita. Roberto esordisce nel ristretto panorama industrial nel 1982 col lavoro "Twist And Disease", edito a nome Laxative Souls, a cui seguirà un'ulteriore album ("Desinfektionsraum" del 1984) e poche altre cose: tanto basta per fornire un sound che, sebbene inserito nell'allora nascente grey area, mantiene delle peculiarità uniche che trovano solo un minimo contatto con....
 
Recensione
13-07-2016 : EDIBLE WOMAN/TANTE ANNA
EDIBLE WOMAN/TANTE ANNA
La maestosa serie di split editi dalla svizzera Old Bicycle Records sforna un buon EP a cui prendono parte due nomi di nicchia che forniscono sette brani in tutto. L'opera è incentrata su tonalità rock vissute in maniera assai diversa dalle due parti in causa. Nel primo lato i connazionali Edible Woman (quattro album all'attivo con sonorità che spaziano dal post-punk alla psichedelia) attaccano con "Turnpike Lane", pezzo aggressivo strutturato su una batteria triggerata e riff nervosi; la modernità 'heavy' si fa poi più tranquilla e affabile col pezzo "These Are Individual..." fino a....
 
Recensione
23-06-2016 : SIMON BALESTRAZZI
SIMON BALESTRAZZI
La nuova stagione artistica del decano Simon Balestrazzi continua con questo "Ghost Systems", album pronto da almeno un anno e pubblicato soltanto ora per la label personale dell'autore parmense. La composizione dell'opera iniziava nel 2013 incrociando il recupero e la rielaborazione di varie tranche sonore riferite al tema degli spettri (da cui il titolo), con la necessità di rendere tributo all'opera di Earle Brown, avanguardista statunitense relazionato, tra gli altri, a John Cage. Il punto d'incontro tra il suono prodotto e l'influenza di Brown risiede nell'applicazione delle registrazioni di Simon (field recordings,....
 
Recensione
23-06-2016 : THE TAPES
THE TAPES
Dopo il recupero del nastro "Treni Lirici" firmato da una metà del duo The Tapes, la label Luce Sia ripropone un album dell'ultimo periodo del combo italico: "Glasaugen" veniva dato alle stampe in cassetta nel 1988, e di lì a qualche anno i fratelli Giancarlo e Roberto Drago avrebbero messo in sonno il loro progetto dopo aver attraversato tutti gli anni '80 (il debut risale al 1982) ed averne assorbito in pieno la lezione sonora e sperimentale, ben esemplata in questo lavoro. L'album si divide tra (tanti) spunti relativi alla new wave, distorsioni audio, rumorismi e retaggi della minimal-synth allora....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>