Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 105

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
21-04-2017 : LA BREICHE
LA BREICHE
Fra i pionieri del pagan folk europeo vanno sicuramente annoverati gli Stille Volk, act nato nei Pirenei francesi che, sin da metà anni '90, si è distinto per un respiro alpestre divenuto un vero e proprio marchio di fabbrica. Attorno alla figura precipua di Patrick Lafforgue hanno gravitato più musicisti, fra cui Yan Arexis, che prese parte ai primi due album dell'act transalpino e che ritrovò poi Patrick nel progetto pagan black metal Sus Scrofa alcuni anni dopo. Evidentemente legati da una sincera amicizia e da un buon affiatamento, i due hanno ripreso in mano le sorti di La Breiche, vecchio progetto concepito....
 
Recensione
05-04-2017 : CAWATANA
CAWATANA
Nel recensire "Decline Of Privileges", mini-album targato Lichterklang rilasciato nell'ottobre 2015, avevamo preannunciato che il passo successivo per Cawatana sarebbe stato la pubblicazione di un intero CD di brani ripresi dai primi 15 anni di attività del progetto, selezionati fra tracce uscite solo su compilation ed estratti da uscite minori ormai introvabili, tutti interamente ri-registrati dalla formazione classica dell'act ungherese. Non solo dunque Kiss Balázs ed il fidato compagno di avventure Sörös Gergö (dedito alla propria creatura Larrnakh sin dal 2004, ma sempre pronto a tornare a fianco del....
 
Recensione
05-04-2017 : LARRNAKH
LARRNAKH
Progetto chiave della scena neofolk e marziale ungherese, nonché eccellente nome del panorama oscuro mitteleuropeo, gli ungheresi Larrnakh tornano con la loro terza fatica in circa sei anni di attività e a distanza di quasi cinque primavere dal precedente "Like The Silken Shrouds Of Loneliness". La band, guidata da Sörös Gergö (già vocalist dei Cawatana), conosce a menadito la lezione e ha saputo interpretarla sempre con gusto, aggiungendo un tocco di raffinata personalità, cosa rara ora come allora. Il nuovo lavoro consta di undici brani ed è incentrato su strumentazione (chitarra....
 
Recensione
05-04-2017 : ROMOWE RIKOITO
ROMOWE RIKOITO
Il polistrumentista Alexey Popov non è certo uno che ama stare con le mani in mano: ancor prima dei Sunset Wings, coi quali ha realizzato quattro pregevoli album fra il 2009 ed il 2014, l'ottimo compositore di Königsberg aveva dato vita già nei 90s al progetto Romowe Rikoito, firmatario di quattro bei lavori di lunga durata dal '96 al 2014. Al fianco dei due act principali, il Nostro ha poi esordito col monicker Austras Laiwan a fine 2015, e mentre si attende il debutto dell'altro suo progetto Eirikura, le attività musicali che lo riguardano risultano sempre ferventi grazie al costante apporto di un vero e proprio....
 
Recensione
29-09-2016 : DEATH IN ROME
DEATH IN ROME
Dopo il 7" "Barbie Girl" e una manciata di uscite in CDr ultra limitati, i Death In Rome esordiscono con un album mantenendo inalterate le loro peculiarità di partenza: coverizzare hit mainstream utilizzando gli schemi stilistici del neofolk made in Death In June. Se i primi passi potevano suggerire una fortunosa rivisitazione di pezzi dotati di melodie immediate, questo primo lavoro indica invece un'attitudine esemplare nel piegare gli schemi coniati da Douglas P. e soci ad esigenze pop, 'vestendo' con abiti marziali cuciti a puntino le frivolezze sonore degli ultimi trent'anni. E se da un lato appare prevedibile....
 
Recensione
03-08-2016 : SOMNARE
SOMNARE
Esce per la tedesca Lichterklang l'album d'esordio dei Somnare, duo madrileno creato nel 2013 da musicisti d'esperienza come la violoncellista Pilar Molina (Aura Noctis, Aeldaborn) ed il bassista DP Rey (Wrong, The YTriple Corporation, Neverdie). "Bellum Esse" ha profonde radici in quel neoclassicismo già caro alle Aura Noctis, a testimonianza di come il background di Pilar sia stato il punto di partenza per sviluppare il percorso artistico di Somnare, ma poggia con forza anche sulla possanza ritmica del suono marziale. Guidate dai temi ricorrenti del violoncello e dalla voce carica di dolente lirismo di Pilar (con pochi....
 
Recensione
03-08-2016 : ALBIREON & OMNE DATUM OPTIMUM
ALBIREON & OMNE DATUM OPTIMUM
Gli alfieri del neofolk nazionale Albireon ed il sempre intrigante progetto francese Omne Datum Optimum uniscono le forze per questa singolare uscita, nella quale ognuno dei due act contribuisce con cinque tracce (più una che li vede collaborare attivamente). Confezionato in un bel digipack a tre pannelli in formato DVD e realizzato in 191 esemplari numerati a mano, il dischetto - diviso in tre 'atti' - si apre con le tracce firmate dal trio italiano, come sempre guidato dal buon Davide Borghi, che dà il via alle danze col folk dolce e melodioso della corale "The Poet And The Warrior", mentre le sfuggenti "Tra Gli....
 
Recensione
23-07-2016 : THEODOR BASTARD
THEODOR BASTARD
Dopo una lavorazione durata ben tre anni, il collettivo di San Pietroburgo guidato dalle figure carismatiche della singer Yana Veva e del polistrumentista/compositore Fedor Svolotch è infine tornato con l'atteso nuovo album, ennesima release di una carriera discografica iniziata nell'ormai lontano 2000. "Vetvi", magnificamente confezionato in uno slipcase contenente il digipack con ampio booklet, usciva ormai un anno fa, segnando una nuova vetta nella pregiata discografia di un ensemble sempre più dedito a sonorità etniche, tanto intrise della cultura e della tradizione della madre Russia quanto libere di andare....
 
Recensione
23-06-2016 : SCHATTENSPIEL
SCHATTENSPIEL
Dopo una fitta attività discografica tra il 2010 ed il 2013, il progetto creato da Sven Phalanx si è preso stavolta più tempo per tornare col nuovo full-length, che infatti giunge a più di due anni dal precedente "Aus Dem Dunkel...". Col nuovo assetto a tre, che vede entrare in formazione la singer Miss Kitty (in precedenza il collega ed amico Lionel Verney, noto per il monicker Verney 1826, era divenuto il degno sodale di Sven), l'act tedesco prosegue nel suo cammino basato sulle suggestioni neoclassiche, mantenendo il suono aderente ad una marzialità di più ampio raggio rispetto ai canoni....
 
Recensione
06-06-2016 : CAWATANA
CAWATANA
Escludendo "Again", pubblicato in download gratuito due anni fa e contenente nuove versioni di una manciata di brani del primo periodo, questo nuovo mini-album è il primo lavoro di soli inediti dell'act ungherese da più di un lustro a questa parte. Saldamente al comando delle operazioni, ma ancora spalleggiato dall'altro membro fondatore Sörös Gergö (andato sin dal 2004 a formare il suo progetto Larrnakh, ma sempre pronto a prestare la sua voce alle necessità da studio di Cawatana), il mastermind Kiss Balázs prosegue spedito sul sentiero di quel neofolk più scarno e diretto....
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>