Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 105

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
05-06-2013 : :OF THE WAND AND THE MOON:
:OF THE WAND AND THE MOON:
Una pubblicazione live è per sua natura qualcosa di rivolto ai fans più fedeli ed ai completisti, che di sicuro hanno ampi motivi d'interesse anche per la dimensione on stage dei propri artisti favoriti. Ma se solitamente i live sono delle celebrazioni che immortalano un intero concerto del nome di turno, lo stesso discorso non si può applicare per :Of The Wand And The Moon:, che per questa sua prima uscita registrata dal vivo sceglie una via decisamente più originale e ricercata: non il classico show integrale catturato in qualche club al culmine di un tour, con la degna cornice di pubblico e tutto il resto,....
 
Recensione
05-06-2013 : VV.AA.
VV.AA.
Se dal settembre del 2007 ad oggi le compilation della serie "Dark Britannica" si sono costruite una solidissima reputazione nella scena folk, lo si deve al certosino lavoro di selezione del materiale ed alla forte caratterizzazione dei temi grafici e concettuali che la sempre ottima Cold Spring ha saputo attuare. La fortunata e finanche premiata serie di compilation giunge ora al suo terzo volume, ma il conteggio va portato a quota quattro se si include la pubblicazione di "John Barleycorn Reborn: Rebirth", appendice del primo volume della serie all'epoca disponibile nel solo formato download, e successivamente fissata....
 
Recensione
05-06-2013 : ARGHEID
ARGHEID
Nella prima fase del sodalizio iniziato finalmente fra noi e la tedesca SkullLine ci capita di tornare su qualche uscita non proprio nuovissima, come l'esordio di questo solo-project facente capo a Mathias Suska, uscito ad inizio 2012 in 500 copie numerate a mano: 400 in edizione standard, 70 con ulteriore CDr annesso e 30 in un box in legno comprendente anch'esso entrambi i dischetti. Il campo d'azione del musicista tedesco è quello del neoclassic/martial, dove a dominare sono archi e fiati su uno stuolo di percussioni roboanti, come da copione. Forte di una produzione dignitosa e di un buon gusto melodico che si ravvisa nelle ampie....
 
Recensione
30-05-2013 : ARDUINNA
ARDUINNA
Torna finalmente alle uscite fisiche la piccola ma interessante etichetta francese Seventh Crow Records, ed oltre a pubblicare le nuove release di nomi già noti in certe nicchie d'ascolto come Opium Dream Estate e Rosa Voragine Submersa, mette a segno un gran bel colpo dando asilo ai belgi Arduinna, duo delle Ardenne dedito a sonorità neoclassiche, eteree, folk, ambientali, oscure e dal respiro antico. Citando apertamente quali influenze dirette, oltre ai Dead Can Dance, anche nomi come Wardruna, Artesia, Rome, Arcana e Sephiroth, Christophe De Nockere e Tim Dobbelaere riescono a forgiare un suono che pesca in egual misura tanto....
 
Recensione
30-05-2013 : LAMBWOOL
LAMBWOOL
Gran bel ritorno per il solo-project guidato dal francese Cyril Laurent, che in un lussuoso doppio digipak ci offre sia il nuovo album "A Sky Through The Wall" che un secondo CD ricco di rarità ed inediti a titolo "Dust - Rare And Unreleased Tracks". Partendo ovviamente dal primo, in quella che è la fatidica terza prova sulla lunga distanza possiamo ammirare la piena maturità di un artista che già dal debut "Fading Landscapes" (2005) aveva dato ad intendere quale fosse il suo fine ultimo: andare oltre le restrizioni della dark ambient per creare un suono più descrittivo e da....
 
Recensione
23-05-2013 : FIRE + ICE
FIRE + ICE
Era una scommessa dare un seguito a "Birdking", l'ultimo album dei Fire + Ice uscito ormai dodici anni fa e assurto in breve a capolavoro tanto inaspettato quanto assoluto. Lo sapeva bene Ian Read (titolare unico del progetto), il quale ha tentennato parecchio prima di cimentarsi con una nuova opera che sarebbe diventata oggetto di confronto col disco precedente. Tali presupposti hanno portato ad un lavoro ben organizzato anche dal punto di vista tecnico, supportato da una 'squadra' di collaboratori d'eccezione. "Fractured Man" riassume in sé le varie coordinate del neofolk di prima generazione, all'interno del....
 
Recensione
16-05-2013 : ARGENTUM
ARGENTUM
Avevamo già parlato del progetto Argentum in occasione dell'uscita di "Immanentizando El Escaton", un miniCD di rude ambient-noise che segnava il debutto della band su supporto fisico. Era il 2008 e da allora, nell'ampio numero di uscite che sono seguite, la cifra stilistica dell'act argentino è mutata parecchio: all'elettronica di un tempo sono stati aggiunti diversi strumenti e i testi hanno guadagnato un ruolo chiave nell'economia dei brani, con conseguente aumento di personalità e spessore artistico. ":Kooperation Und Freundschaft:" consta di ben 19 tracce, buona parte delle quali si rifanno alla....
 
Recensione
09-05-2013 : BARBAROSSA UMTRUNK & PALE ROSES
BARBAROSSA UMTRUNK & PALE ROSES
Split tutto francese con impegnati due progetti a noi ben noti come Barbarossa Umtrunk (alla seconda release annuale, e presto vi parleremo anche del lavoro condiviso con Escuadron De La Muerte) e i Pale Roses, rilasciato nel formato digipak in sole 300 copie dalla storica label italiana Old Europa Cafe. I due act connazionali si dividono le dodici tracce del dischetto (sette per Barbarossa Umtrunk, cinque per i Pale Roses) per rendere omaggio alla memoria dello scrittore francese di fantasy/fiction Raoul De Warren, nato nel 1905 e scomparso nel 1992. Il nobile intento vede Barbarossa Umtrunk propendere per un suono meno belligerante nella....
 
Recensione
09-05-2013 : LUDOLA
LUDOLA
Lieto ritorno quello della Bunkier Productions, label polacca che fu a suo modo protagonista durante la terza generazione di martial folk grazie ad una buona lista di realizzazioni su CDr. La nuova ondata produttiva inizia nel 2011, dopo anni di silenzio, segnata dall'esordio dei connazionali Ludola con l'album "Przedwiosnie", al quale segue il qui presente "Rogate Czapki, Rogate Serca", uscito nel settembre 2012 in formato CD. I Ludola sono un quartetto acustico che lega i suoni tradizionali della propria terra a melodie ricche di malinconia, unite a testi riguardanti la guerra, le radici, la decadenza dell'era moderna e....
 
Recensione
25-04-2013 : MANASUNA
MANASUNA
Come la più gradita delle sorprese irrompe sulla scena il sestetto polacco Manasuna ("monsone"), che grazie alle cure dell'attenta connazionale Rage In Eden (sempre più decisa ad allargare i propri orizzonti sonori) trova finalmente la via verso l'esordio assoluto. Per introdurre all'arte di questi favolosi musicisti è impossibile prescindere dalle loro stesse parole: "Il nostro debutto è una miscela culturale che va dall'antica Persia, passando per l'India, i Balcani, la musica classica e spruzzando il tutto con elettronica moderna - musica classica electro/etnica...". Se questo ancora non....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>