Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 105

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
31-07-2015 : RASP
RASP
Rasp è il nuovo progetto che vede collaborare Matt Howden, celebrato violinista/cantante solista ben noto per aver prestato il proprio talento a moltissimi act di area prevalentemente folk-oriented, e l'ottima violoncellista Jo Quail, anch'essa impegnata sia coi propri lavori che in partecipazioni ad uscite di altri nomi (Pinknruby, Naevus, Khost, IRM...). "Radiate - Power - Words", stampato a fine 2014 in CD in mille esemplari nella pregiata confezione digipack ad otto pannelli, rappresenta l'esordio per il duo britannico, che è stato fondato con una prerogativa ben precisa: quella di uscire dallo schema che prevede....
 
Recensione
18-07-2015 : INDIA CZAJKOWSKA & SEBASTIAN MADEJSKI
INDIA CZAJKOWSKA & SEBASTIAN MADEJSKI
Se già conoscevamo la bravura compositiva e le grandi capacità artistiche - specialmente canore - della splendida musicista polacca India Czajkowska, sia per il suo eccellente esordio solista del 2008 "Cosmospir" che soprattutto per le fruttuose collaborazioni successive (buona ultima quella con Mirrorman nel magnifico album "Secretia", anch'esso patrocinato dalla Zoharum), ci suona invece del tutto sconosciuto il nome di Sebastian Madejski, suo connazionale e partner in questo lavoro uscito a fine 2014... Eppure Sebastian, benché a quanto pare alla sua primissima uscita discografica, deve essere senza....
 
Recensione
18-07-2015 : SIMON KÖLLE
SIMON KÖLLE
Tra il 2000 e il 2008 abbiamo avuto ampie e ripetute conferme delle qualità artistiche di Simon Kölle, sia negli otto eccelsi lavori rilasciati col moniker Za Frûmi al fianco di un altro musicista di assoluto spessore come Simon Heath (Atrium Carceri, Sabled Sun) che nell'unico album firmato Abnocto, sempre messo a punto in coppia dai due. Soprattutto con Za Frûmi il Nostro ha mostrato di padroneggiare al meglio soundscapes e sonorità cinematiche a cavallo fra ambient, folk nordico e musica classica perfette per fare da colonna sonora a film come la celebre trilogia del "Signore Degli Anelli", anche....
 
Recensione
01-07-2015 : TWA CORBIES
TWA CORBIES
I due corvi - o cornacchie - del popolare traditional inglese "Twa Corbies" (da cui prende nome il neonato act in esame) campeggiano sulla copertina in rilievo di questa opera prima, messa a punto da un autentico nume tutelare del neofolk britannico come Tony Wakeford (Sol Invictus), non certo nuovo ai side-project, e da un esperto conoscitore delle aree grigio-brune del suono come il tedesco Gernot Musch (Pilori, :Golgatha:). Armati solo delle loro rispettive chitarre e voci (che ben si alternano nei vari brani), i Nostri si producono in undici momenti di genuino (neo)folk, catturato in maniera altrettanto genuina e scevra di....
 
Recensione
02-06-2015 : JOY SHANNON AND THE BEAUTY MARKS
JOY SHANNON AND THE BEAUTY MARKS
Fu nell'estate del 2013 che facemmo la piacevolissima conoscenza con l'arte di Joy Shannon e della sua band The Beauty Marks, allorquando ci giunse come graditissima sorpresa il meraviglioso album "The Oracle"... Fra noi ed il sublime 'celtic pagan folk' interamente composto dalla capace e talentuosa artista californiana fu amore al primo ascolto, ed è quindi con grande piacere che ci accingiamo ad occuparci di "Mo Anam Cara", nuovo album e sesta release complessiva del progetto, edita da quella Triple Goddess Records appositamente creata dalla stessa Joy per fissare su supporto fisico il lato musicale e canoro....
 
Recensione
09-05-2015 : PHURPA
PHURPA
Collettivo e gruppo di performance russo, Phurpa si compone di cinque elementi per suonare e registrare autentica musica rituale di Bon (la più antica delle tradizioni buddiste, proveniente dal Tibet), usando strumenti rituali e tecniche vocali tantriche. La peculiarità del combo è uno speciale tipo di canto tantrico 'overtone' denominato gyukye, una particolarissima tecnica che determinati membri di Phurpa padroneggiano studiandola tanto in maniera pratica quanto teorica, recuperando tradizioni che affondano le radici nel tempo e nelle regioni più remote. Con una decina di release complessive (principalmente in CD....
 
Recensione
09-05-2015 : KENTIN JIVEK, THE HARE AND THE MOON
KENTIN JIVEK, THE HARE AND THE MOON
Il prolifico menestrello francese Kentin Jivek torna con un nuovo album realizzato in collaborazione con il giovane progetto inglese The Hare And The Moon, anch'esso legato ai toni folk e ambientali. L'album si discosta dalle precedenti produzioni di Jivek: musicalmente costruito su un'elettronica di stampo sinfonico e magniloquente con minime puntate nell'oscurità dronica, ha un'impostazione recitata e teatrale limitata dall'assenza di un libretto che possa aiutare a capire lo svolgimento e i riferimenti testuali. Il mondo descritto rimanda ai cabaret circensi itineranti dell'ottocento, ben introdotti dal jingle iniziale che dà....
 
Recensione
13-04-2015 : SUNSET WINGS
SUNSET WINGS
Ad un anno e mezzo dal valido terzo album "Shining Thro' The Veil Of The Night", il collettivo russo guidato dal cantante e polistrumentista Aleks Popov torna con la quarta fatica sulla lunga distanza, anche stavolta patrocinata dall'ottima label polacca Wrotycz. Edito in un elegante digipack a sei pannelli, il nuovo album - registrato fra il 2009 ed il 2013 - ha visto all'opera non soltanto i sette musicisti accreditati, ma anche un piccolo gruppo di quattro bambini, i quali hanno fornito le proprie voci per ottimizzare il suggestivo concept suggerito dal titolo stesso ("la vita come un bimbo che gioca"). Si dice che una....
 
Recensione
31-03-2015 : OTHILA
OTHILA
Un ritorno davvero in grande stile per il duo francese, che completa la trilogia celtica (iniziata col 10" del 2003 "Yula" e portata avanti solo a fine 2012 col 7" di rientro "Titouan", che ha interrotto un silenzio di circa sei anni) con un nuovo full-length - il terzo di una carriera iniziata agli albori del nuovo millennio - racchiuso in un pregiato box realizzato in 300 esemplari, comprendente anche quattro inserti e, soprattutto, un libro di ben 60 pagine che include sei novelle, scritte in lingua madre da Lionel G. ed illustrate da una serie di bravi artisti. Ovviamente è necessario conoscere bene il....
 
Recensione
08-03-2015 : AURA SHINING GREEN
AURA SHINING GREEN
Attivo dal 2002 e con parecchie release alle spalle, il progetto del finlandese Joonatan Elokku non aveva sin qui trovato la giusta visibilità probabilmente a causa della natura unicamente digitale di molti degli album realizzati con Aura Shining Green (salvo alcune uscite rilasciate in CDr, ma in tirature molto limitate), a dispetto di una qualità indiscutibile. Ci pensa l'ottima Anima Arctica a rimediare alla situazione, pubblicando questo eccellente e corposo doppio compendio - in elegante formato digipack a sei pannelli - dell'opera di questo autentico esploratore del folk acustico, con brani composti fra il 2005 ed il 2014....
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>