Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Room 105

 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>  
Recensione
12-09-2021 : LYUDI NA HOLME
LYUDI NA HOLME
Presentato in download lo scorso dicembre, il terzo album del combo russo ha visto lo scorso aprile la pubblicazione anche nel formato CD, stampato dalla COD in 97 copie numerate a mano nella bella confezione apribile simil-vinile. Dopo un esordio apprezzabile come "Nordavind" nel 2016 ed il più maturo "Nocturnus" l'anno seguente, gli otto componenti del progetto tornano con l'atteso terzo album, banco di prova importante che li vede proseguire nel percorso di rifinitura di un dark-folk sempre stretto in un caloroso abbraccio con la musica da camera e la tradizione locale. Un solco chiaro e netto nel quale il....
 
Recensione
31-08-2021 : VIVITA AND THE SUFFERINGS
VIVITA AND THE SUFFERINGS
Fra i progetti più creativi e particolari del panorama dark-folk vi è sicuramente questo act moscovita guidato da Alina Vivita, che è non soltanto una cantante dotata di una versatile e piacevole voce, ma anche un'abile suonatrice di banjo, strumento che fornisce un curioso e gradevole retrogusto americano alle canzoni. Già autori di un validissimo debut album ("The Last Song Of The Ear" di tre anni fa), i Nostri sono tornati lo scorso 31 ottobre con un nuovo CD - racchiuso in una bella confezione apribile simil-vinile e limitato a sole 97 copie numerate a mano - che racchiude sia sette nuovi brani, sia i....
 
Recensione
29-07-2021 : MAJDANEK WALTZ
MAJDANEK WALTZ
Con la russa COD e la sua divisione Noizes torniamo a poco più di un anno fa, allorquando il progetto Majdanek Waltz, ormai di ventennale esperienza, pubblicava "Her", ennesimo e sin qui ultimo album di un monicker che ha apposto la propria firma su una trentina di uscite. Quattro anni dopo "Die Blinden Schützen", l'act russo mette da parte sia l'afflato ambient che certi esperimenti di natura industriale - sfoderati anche nelle recenti collaborazioni con altri nomi - per recuperare canzoni scritte una decina di anni prima, nel pieno del periodo in cui il proprio folk incontrava la musica da camera, riscoprendo....
 
Recensione
27-06-2021 : INDIA CZAJKOWSKA
INDIA CZAJKOWSKA
Osservando bene la carriera della cantante e polistrumentista polacca, si nota come solo il debut album del 2008 "Cosmospir" sia firmato unicamente da lei, laddove le seguenti cinque uscite sono state realizzate assieme ad altri nomi, ed una di queste, nello specifico quella creata assieme a Sebastian Madejski, ha visto il suo titolo "Tance Snu" diventare il monicker di un nuovo quartetto, il cui esordio "Meander" di fine 2018 è anche l'ultima apparizione ufficiale della Czajkowska. Tredici anni dopo, India torna a firmare un album da sola, e si tratta di un'opera molto particolare nella sua variegata ed....
 
Recensione
27-06-2021 : RABOR
RABOR
Questo primo approccio con la russa COD (segnatamente con la sua divisione "Noizes"), nostro nuovo media-partner, ci fa tornare indietro nel tempo alla fine del 2018, allorquando l'etichetta, in collaborazione con la connazionale Der Schwarze Tod, pubblicava in CD il quinto album di Rabor, act condotto da Evgeny Novikov e proveniente anch'esso dalla Russia. Due formati in audiocassetta sarebbero poi arrivati ad un anno di distanza, ma il dato significativo fatto registrare dall'uscita in esame - sin qui l'ultima ufficiale, escludendo qualche singola traccia rilasciata in digitale - è stato l'abbandono pressoché totale....
 
Recensione
05-06-2021 : ALBIREON vs ZERESH
ALBIREON vs ZERESH
Spinti dall'aver realizzato di stare lavorando alle medesime tematiche (il lato oscuro dell'amore, la perdita, il tradimento e la disaffezione, optando per una discesa nel dolore che non abbia paura di mostrarne i segni), il giovane solo-project israeliano Zeresh della chitarrista/cantante Tamar Singer ed il più navigato trio emiliano Albireon uniscono le forze in questo split a trazione neo/dark-folk, aperto a svariate collaborazioni e pubblicato nelle 100 copie dell'elegante digipack a sei ante dalla Toten Schwan. La partenza, ad appannaggio dell'act nostrano, evidenzia qualche incertezza: "Heartbroken Romance", in cui....
 
Recensione
01-04-2021 : SAGITTARIUS
SAGITTARIUS
Graditissimo ritorno quello di Sagittarius, band di origine germanica ormai ridotta a duo, attiva da circa 20 anni nel panorama dark-folk e neoclassical della scena underground. Questa nuova fatica arriva dopo 8 anni dal precedente "The Kingdom Come", intervallato da alcune uscite digitali o in edizioni limitate che meriterebbero un'eco maggiore. Ciò che balza subito all'orecchio rispetto al passato è una vena ancor più intimista, segnata da un'ulteriore riduzione degli strumenti coinvolti nei pezzi. Il substrato sonoro viene - come sempre - garantito dal piano, contornato ora da sporadici arrangiamenti, oltre....
 
Recensione
19-03-2021 : EL ÚLTIMO SOL
EL ÚLTIMO SOL
Nato dall'incontro fra Daniel P. (Àrnica, Wihinei Rita, Ghazghkull, oltre che collaboratore live e/o in studio di nomi quali Death In June, Blood Axis, Allerseelen etc.) e Gemma A., il progetto EUS è - come spiegano le note ufficiali - "un incontro fra mondi, dove l'antico, il passato ed il presente si uniscono per formare uno spazio senza tempo, un luogo dove tutto si ferma per riconnettersi con l'essenziale, il primitivo e l'istintivo, ritornando alle origini". Descrizione perfettamente calzante per un duo il cui suono è realmente un ritorno alle origini dell'ur-folk primordiale (in maniera più....
 
Intervista
01-01-2021 : THEODOR BASTARD
THEODOR BASTARD
Da queste nostre pagine non abbiamo mai mancato di tributare i dovuti onori alla musica dei Theodor Bastard, collettivo di San Pietroburgo guidato dalle figure di Fedor Svolotch e Yana Veva che, dopo dei primordi più sperimentali e criptici risalenti ad inizio millennio, ha sviluppato un sound unico e prezioso, in grado di unire con risultati semplicemente eccezionali la modernità di certo raffinato trip-hop con una musicalità arcaica dal respiro secolare. Se già col precedente "Vetvi" il combo aveva dato prova della sua innata maestria nel tessere trame ricche di particolari e d'immane fascino, col nuovo....
 
Recensione
21-12-2020 : INANIS YOAKE
INANIS YOAKE
Album di debutto per questo duo allargato, proveniente da Londra e formato da Simone Skeletons e Risa Hara, affiancati da nomi prestigiosi come Tony Wakeford e Lloyd James, nonché dall'etichetta SPQR per quanto concerne la produzione. L'album, diviso in 12 tracce, prende vita da una strumentazione tipicamente rock ampliata da alcune introduzioni elettroniche (synth, drum-machine, drones), base ideale per creare melodie malinconiche e dal fascino immediato, collocabili sulla scia della scena dark-folk inglese. In particolare, svettano le affinità con i Sol Invictus più acustici ("Burning Eye", "There Is No....
 
 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>