Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Reception

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
Intervista
25-03-2019 : L'AMARA
Senza dubbio il più grosso scossone dato negli ultimi tempi alla scena neofolk nazionale è stato opera de L'Amara, vero e proprio supergruppo nato dalla volontà di Adriano Vincenti (Macelleria Mobile Di Mezzanotte, Cronaca Nera, Zoloft Evra etc...) e di Giovanni "Leo" Leonardi (Siegfried, Divisione Sehnsucht, Carnera etc...), le cui personalità artistiche si erano già incontrate nell'ancor giovane ma agguerrito progetto Senketsu No Night Club. Non soltanto un nuovo act da affiancare ai molti altri impegni musicali già accumulati, bensì un vero e proprio tributo all'unicità del...
 
Recensione
25-03-2019 : APOPTYGMA BERZERK
Il venticinquesimo anniversario del debut album del '93 degli Apoptygma Berzerk "Soli Deo Gloria" è già stato ampiamente celebrato sul finire dello scorso anno da Stephan Groth e soci, sia attraverso una congrua operazione di remastering che con l'aggiunta di materiale bonus per tutti i formati (CD, LP e download). Tuttavia le celebrazioni dello storico esordio della band norvegese non si sono ancora esaurite, tant'è che Stephan, di concerto con l'amico ed ex compagno di scorribande sonore Per Aksel Lundgreen (Cronos Titan, Shatoo), ha messo in piedi quest'ambiziosa opera di rivisitazione dell'intero album,...
 
Recensione
25-03-2019 : DEEPDARK & PARANOIA INDUCTA
L'intraprendente etichetta del New Mexico mette a punto questa interessante release che vede protagonisti il giovane act russo DeepDark, condotto da Dmirty Vologdin e già attivissimo a livello di uscite negli ultimi tre anni, ed il più navigato progetto polacco Paranoia Inducta, creato da Anthony Armageddon Destroyer nel 2003. Realizzato in 149 esemplari ed accompagnato da una suggestiva grafica in cartoncino apribile fuori formato, l'album viene equamente diviso fra i due partecipanti, che approntano per l'occasione quattro tracce a testa. In apertura troviamo i brani firmati da DeepDark, che apre le danze con la dark ambient...
 
Recensione
25-03-2019 : VRNA
Dopo il notevole split con l'apprezzato act tedesco Holotrop, il longevo progetto di Gianluca Martucci approda per la prima volta alla corte della Old Europa Cafe con "La Vecchia Madre", lavoro confezionato in un essenziale digipack e dedicato alla memoria del padre. La materia dark ambient si fa più dronica e stridente in questa nuova uscita di Vrna, spingendosi spesso sino ai confini del noise ma con marcate venature rituali, come subito rivela l'iniziale "Of Great Silence" con le sue voci sacrali sullo sfondo. Se nell'austera "Ritual Of Self-Burial" i colpi ritmici e le dure abrasioni industriali aprono...
 
Recensione
25-03-2019 : BYRON METCALF/MARK SEELIG
Cinque anni dopo "Intention", i due esperti strumentisti americani (il percussionista Metcalf ed il musicista new age/ambient Seelig) tornano a collaborare per un nuovo album a quattro mani, anche stavolta sotto l'egida dello storico marchio Projekt. Racchiuso in un essenziale digipack, "Persistent Visions" consta di sei tracce che funzionano come un corpo unico (la versione digitale include infatti l'album anche in formato monotraccia) dove a dettare i ritmi sono le percussioni di Metcalf, come da copione, mentre a Seelig tocca il compito di tessere le melodie attraverso i flauti bansuri, con piccoli ma significativi...
 
Recensione
25-03-2019 : NIMH
Riedizione in digipak a quattro pannelli limitata a soli 300 esemplari dell'LP del 2012 "This Crying Era" prodotto da Synästhesie Schallplatten, questa nuova versione dell'album del decano della sperimentazione italiana Giuseppe Verticchio e della sua creatura Nimh per l'olandese Winter-Light vede, a fianco delle tracce originali ri-masterizzate e ri-editate per l'occasione dallo stesso mastermind, anche degli estratti da altri lavori che coprono un arco temporale di una decina di anni (2001-2011), principalmente provenienti dallo split con Maurizio Bianchi "Together's Symphony" del 2005, oltre ad un inedito del 2001....
 
Recensione
25-03-2019 : EGON
Anticipato dal singolo "Nove Aprile" arriva il terzo lavoro sulla lunga distanza per i sardi Egon, dei quali abbiamo osservato l'evolversi in musica negli ultimi anni e la concretizzazione di un sound ben riconoscibile e padroneggiato, tra sprazzi di alt-rock, post-punk e post-rock su testi sempre vividi ed intensi, racconti musicati efficaci e coinvolgenti, suscitanti emozioni contrastanti tra lo sfuggevole e l'impattante. "Leicht" ("leggero" in tedesco) mette in luce proprio quel lato più emozionale ed umbratile del quartetto nostrano, dipingendo scenari che si abbeverano ben volentieri tra carezze...
 
Recensione
25-03-2019 : CRONACA NERA
Ormai divenuto un trio a tutti gli effetti dal 2016, il progetto fondato nel 2001 da Adriano Vincenti (Macelleria Mobile Di Mezzanotte) torna con un nuovo full-length, pubblicato in un essenziale digipack in edizione limitata a 300 esemplari. Assieme a Giovanni Mori (Le Cose Bianche, della partita dal 2014) e ad Andrea Chiaravalli (Iugula-Thor, entrato in formazione dal 2016), Adriano confeziona le otto tracce che compongono la nuova fatica di Cronaca Nera, restando fedelmente ancorato a quella perversa power-electro che il progetto porta avanti sin dagli esordi. Se Andrea è il principale responsabile delle crude ed alienanti parti...
 
Recensione
25-03-2019 : LECOSEBIANCHE
Già col precedente "Tutti Quanti Sognano Porno" Giovanni Mori aveva dato una chiara svolta al proprio sound, spostando quelle coordinate power-electro ampiamente esplorate negli anni verso una sorta di noise-rock che, oltre ad implementare dinamiche più organiche, recuperava quella vocalità parlata che era la caratteristica principale del suo vecchio progetto Malameccanica. La nuova fatica, limitata a 300 esemplari e racchiusa in una confezione che ricalca quelle dei 45 giri, prosegue nel solco tracciato dal suddetto album, ed anche stavolta il gruppo di ospiti in ausilio al buon Giò è di...
 
Recensione
25-03-2019 : VIVIANKRIST
Dopo essersi fatta le ossa in ambito industrial con una nutrita serie di uscite negli ultimi due anni (per lo più in digitale), Vivian Slaughter - al secolo Eri Isaka - delle black/doom/crust-metallers nipponiche Gallhammer approda col suo personale progetto Vivankrist alla prima vera uscita ufficiale di alto profilo, patrocinata dalla blasonata Cold Spring in un essenziale digipack. Vivian, che risiede in Norvegia col fidanzato Maniac (ex voce dei Mayhem) e con lui è parte attiva anche nel nuovo progetto Sehnsucht, abbandona il basso per avventurarsi in solitaria nelle lande oscure del suono industriale, abbracciando un piglio...
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>