Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Reception

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
Recensione
23-09-2019 : STILLE VOLK
Nel venticinquesimo anno dalla loro fondazione, i francesi Stille Volk tornano ad incidere per la blasonata Prophecy Productions dopo "Satyre Cornu" del lontano 2001, e segnatamente per la sua divisione folk Auerbach Tonträger, che pubblica non soltanto il nuovo album in due edizioni (CD singolo e doppio CD con tre tracce bonus), ma rilascia anche le 500 copie del magnifico artbook "Los Cants De Pyrène", comprendente tutti e sei i precedenti full-length della band più un settimo dischetto coi demo dal '94 al '96. Cinque anni dopo "La Pèira Negra" (edito dalla Holy Records, etichetta...
 
Recensione
23-09-2019 : COMMON EIDER, KING EIDER
Quando si parla di "collettivo", specialmente in ambiti dark ambient/industrial, è d'uopo intendere la formazione come qualcosa di aperto letteralmente a qualsiasi tipo di soluzione. Tale è Common Eider, King Eider, progetto americano che ha tra le sue figure prominenti Rob Fisk (anche noto come B.S.s., come nel caso del lavoro in esame), il quale abbandona stavolta gli altri suoi consueti sodali per volare sin nel cuore dei Pirenei, onde far coppia col francese Yan Arexis, ben noto per la sua militanza negli eccelsi Stille Volk e già all'opera nel roster della Cold Spring col notevole act La Breiche, fra le...
 
Recensione
23-09-2019 : MY LOVE KILLS
Al pari dei loro ottimi compagni d'etichetta Thewalkingicon, i My Love Kills sono tutt'altro che degli esordienti, benché "Glitch" sia il loro primo album ufficiale. Nati nel 2014 per mano del francese V.V. Arkames (voce, Ad Inferna) e dello svedese Fredrik Sigeback (musiche, Erotic Elk), i due coniugano le proprie precedenti esperienze in questa nuova avventura, sintetizzando una formula che va dal synthpop all'EBM più tagliente (anche a livello vocale, con cantati ora clean, ora più propriamente harsh) e mantenendo come comune denominatore una gradita aura oscura, ben sorretta da una produzione degna di nota....
 
Recensione
23-09-2019 : T.S.I.D.M.Z. & GE-STELL
Dopo circa quattro anni di silenzio discografico torna sulle scene TSIDMZ, act guidato dal parmense Solimano Mutti, il quale stavolta fa coppia con Xenos (titolare del progetto Ge-Stell) per questa release a due, pubblicata dalla spagnola GH Records in digitale e nei 50 esemplari della professionale audiocassetta viola. Quella in esame è un'uscita che "...introduce l'ascoltatore al mutevole e disturbante mondo della moderna pseudo/post-religiosità: il Neospiritualismo", come spiegano le note ufficiali, con le interpretazioni di Guénon ed Evola a fungere da faro nell'analisi dei fenomeni affrontati. Tematiche su...
 
Recensione
23-09-2019 : MEDIADATA
"Adore", prima release in formato fisico firmata da MediaData, usciva solamente lo scorso marzo, eppure il russo Denis Vasiliev è già pronto a replicare con "Adore Resurrect", nuovo full-length che, come il titolo stesso suggerisce, prosegue sulla strada concettuale del suo predecessore. Stavolta l'intelaiatura IDM cede il passo alle morigerate pulsioni downtempo, che conferiscono ai vari brani una maggiore linearità, come appare evidente sin dalla suadente opener "Uncontrolled" e come viene ribadito a più riprese nel corso dell'opera. Permane la propensione para-sinfonica di Vasiliev,...
 
Recensione
23-09-2019 : SYSSELMANN
Il progetto del norvegese Thomas Narverud (già attivo in passato come Inderst Elia e nel collettivo Norwegian Noise Orchestra) fa il suo ingresso nel roster dell'ottima Winter-Light con questo EP, realizzato nelle 200 copie dell'edizione digipack, che giunge a seguito di uno split su cassetta assieme ad Andre Og Håkon Duo, di un album ("The Northern Chronicles" del 2016) e di un live pubblicato in digitale lo scorso anno. Se col suddetto full-length di tre anni fa avevamo saggiato la natura rituale della dark/drone ambient di Sysselmann, apprezzandone la componente organica, la qualità del suono ed il lavoro...
 
Recensione
23-09-2019 : FILALETE
Sono pochissime le notizie reperibili riguardo al progetto Filalete: si sa che chi gestisce questo misterioso act proviene da Tbilisi, capitale della Georgia nel cuore del Caucaso, ma non è neppure chiaro se il lavoro in esame - edito in sole 49 copie numerate nella classica confezione fuori formato di casa Noctivagant - sia un esordio ufficiale, sebbene ciò sia molto probabile. I contenuti del dischetto appaiono ben chiari già dal titolo: i "sette principi dell'Inferno" sono altrettante divinità infernali i cui nomi corrispondono ognuno ad uno specifico brano dell'album, che a livello sonoro si muove nei...
 
Recensione
23-09-2019 : SWEET WILLIAM
I tedeschi Sweet William, dopo una carriera trentennale ed oltre venti full-length (con variazioni di line-up incluse), salutano il 2019 con l'atmosferico "Laughter Filled With Pain", album completamente acustico nel quale Oliver Heuer e soci tentano nuovamente di variare il loro stile sonoro (gli esordi dark in puro stile Sister Of Mercy e le successive partiture elettroniche sembrano ormai essere un lontano ricordo). Con i tempi che corrono, produrre un disco di questo tipo è sicuramente un atto di coraggio non indifferente, ma la qualità di un artista sta anche nella sua capacità di osare e di cercare nuove...
 
Recensione
23-09-2019 : HUMAN VAULT
Dopo esserci occupati di End-Tek, parliamo ora di un altro dei molti progetti dell'ungherese George Turoczy, ossia Human Vault, col quale il musicista residente a New York è attivo sin dal lontano 1997. Dopo una manciata di release autoprodotte, la Exabyss Records e la sua divisione No Labels Interested - gestite entrambe dallo stesso George - hanno iniziato dal 2008 a pubblicare non soltanto le nuove uscite a firma Human Vault, ma ne hanno anche ristampato i primi lavori sotto forma di raccolte riassuntive, per una discografia che ha superato quota venti titoli. "Primordial", edito in digitale ed in audiocassetta (in soli 66...
 
Recensione
23-09-2019 : PROJEKT ICH
Arriva il momento del debutto ufficiale anche per il progetto del tedesco Ulf Müller, a seguito di un'attività che si protrae sin dal 2011 con tutta una serie di singoli ed EP rilasciati in digitale. Due anni fa il musicista bavarese ha sviluppato l'idea di un album tutto basato su collaborazioni esterne per quanto concerne le vocals (alla Schiller, per intenderci), e l'operazione ha preso forma proprio grazie al contributo delle voci prestate ai vari brani. Se a livello prettamente musicale siamo nell'orbita di un electropop melodico piuttosto leggero e privo di grossi sussulti, è sul piano vocale che l'album risulta...
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>