Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Reception

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
Recensione
15-10-2020 : VV.AA.
Ci è voluto quasi un anno per portare a compimento l'intera operazione, ma dopo tanto lavoro la Progress ed i 45 act coinvolti sono riusciti a finalizzare il triplo CD - limitato a mille esemplari numerati a mano - che celebra la centesima uscita per l'importante label svedese, autentico faro per le sonorità elettroniche che vanno dal synthpop più melodico ed orecchiabile alla ruvidità della electro-industrial, passando per i muscoli dell'EBM e per il fascino oscuro della dark-electro. Ben 45 brani per oltre tre ore di musica sono quanto viene messo sul piatto in questa mastodontica operazione, che vanta...
 
Recensione
15-10-2020 : THE TELESCOPES
Ristampa in digipak per l'inglese Cold Spring di questo decimo album in studio degli storici Telescopes di Stephen Lawrie - che ha curato anche il rinnovato artwork - precedentemente uscito su Yard Press nel 2017 in formato LP, che aggiunge alla tracklist originale di sei pezzi una bonus track conclusiva registrata live presso il Session Studio 603 in Svizzera. L'album prende forma dalla "Teoria della Stone Tape" o della "Presenza Residuale" teorizzata dall'archeologo, parapsicologo ed esploratore Thomas Charles Lethbridge nel 1961, il cui principio si fonda sul fatto che gli oggetti inanimati possano assorbire energia...
 
Recensione
15-10-2020 : THE SEARCH
La prolificità dell'act svedese è cosa nota a chi ne ha seguito le vicissitudini discografiche dal 2004 in poi, ma stavolta Razmig Tekeyan, solo al comando da un triennio, si è superato, tornando sul mercato con un nuovo album a soli sei mesi dal secondo e conclusivo capitolo di un viaggio sonoro alla riscoperta del synthpop dei dorati 80s. Riportata la chitarra al centro dell'attenzione, il Nostro torna con un dodicesimo full-length - racchiuso nelle 200 copie dell'edizione digipack a sei pannelli - contenente ben 18 brani per quasi 75 minuti, segno evidente di come l'ispirazione non manchi mai ad un artista che ha...
 
Recensione
15-10-2020 : AIMA and THE ILLUSION OF SILENCE
Sulla scorta di un concept da lei ideato, AimA Lichtblau, cantante, fotografa e poetessa nota sia per i suoi progetti Aimaproject e Les Jumeaux Discordants (quest'ultimo assieme a Roberto Del Vecchio) che per la sua militanza in act quali Allerseelen ed InsCissorS, trova nel torinese Luca Bonandini - titolare unico di The Illusion Of Silence ed autore di due apprezzati album - il partner artistico ideale per dar vita all'album in esame, splendidamente confezionato in un pregevole digipack completo di ampio booklet. Un lavoro - come spiegano le note ufficiali - basato su alcuni degli "Inni Orfici" scelti fra gli 87 poemi brevi...
 
Recensione
15-10-2020 : VV.AA.
Il ciclo di compilation della Cold Spring sulla scena dark-folk britannica, inaugurato tredici anni or sono con la prima uscita "John Barleycorn Reborn", si chiude con questo quarto ed ultimo capitolo della serie, come da tradizione in doppio CD completo di esaustivo booklet. Come rammentano le note ufficiali, il tema ricorrente di queste gustose raccolte ha sempre ruotato attorno alla natura ciclica del tempo e delle stagioni, nonché al rapporto dell'uomo con l'ambiente naturale, con ripetuti riferimenti a quel John Barleycorn che è la personificazione della mietitura. Una visione artistica che nel corso di cinque...
 
Recensione
15-10-2020 : RNGMNN
Il progetto di Ronny Engmann non sarà di certo sfuggito agli estimatori di certe produzioni ambient del versante dronico/cinematico degli ultimi anni, complice anche una buona dose di sue disparate uscite su label importanti quali Cryo Chamber, Noctivagant o Reverse Alignment. Artista multidisciplinare e con all'attivo anche sonorizzazioni per film, videogiochi - forte la sua presenza in vari collettivi Demoscene in diversi Paesi confinanti con la sua Germania sotto lo pseudonimo dalezy - ed audiolibri, debutta nell'Ottobre 2019 sull'olandese Winter-Light con questo tributo alle terre artiche molto azzeccato ed evocativo. "Arctic...
 
Recensione
15-10-2020 : VV.AA.
Dopo la nutrita serie di compilation digitali divulgative "Zeitgeist", arriva per la Cold Transmission il momento di mettere in vetrina i propri gioielli col primo sampler realizzato in formato fisico, segnatamente in un elegante doppio digipack completo di booklet con foto e link per ognuno dei 27 act coinvolti. Un approdo logico, dal momento che la label tedesca ha riunito in soli due anni e mezzo molti fra i migliori esponenti odierni delle sonorità post-punk, shoegaze, darkwave, coldwave e relative derive electro, pescando letteralmente da tutto il mondo, fra parecchi nomi d'oltreoceano ed altrettanti dalla vecchia...
 
Recensione
15-10-2020 : CUCURBITOPHOBIA
Abbiamo incontrato per la prima volta il compositore newyorchese Rob Benny e la musica del suo progetto Cucurbitophobia - nato nel 2018 - esattamente un anno fa, in occasione dell'uscita del suo terzo album "As All Eyes Set Upon You", e dopo un paio di release digitali di minor durata, lo ritroviamo alle prese col suo quarto lavoro sulla lunga distanza. Fervente appassionato di colonne sonore e tematiche horror, il musicista statunitense ha dato vita al suo progetto interamente strumentale proprio per ricreare le atmosfere a lui care, sfruttando principalmente il piano, ma anche percussioni, chitarre, tastiere e campionamenti,...
 
Recensione
15-10-2020 : ENDZUSTAND
Nonostante i primissimi vagiti su una compilation EBM underground risalgano al 2009, solo ora Endzustand esce allo scoperto, ma per una ragione ben precisa: Ralf Röckendorf, titolare unico del progetto, era un soldato in missione in Afghanistan nel 2010, ed il 2 Aprile di quell'anno perse non soltanto tre suoi colleghi, ma anche la vista. Eventi destinati a cambiare radicalmente la vita di una persona, tant'è che Ralf ha avuto bisogno di tempo per riorganizzare la propria vita, nonché per trovare l'equipaggiamento che gli consentisse di poter continuare a dare sfogo alla sua passione per l'EBM più classica....
 
Recensione
15-10-2020 : ODRZ & SISTO PALOMBELLA
La romana Hellbones Records si dimostra ancora una volta una label coraggiosa e attenta nel selezionare minuziosamente progetti musicali atipici e non convenzionali. Ne è un fulgido esempio "ODRZ70", album folle, magnetico e lisergico ad opera del duo ODRZ & Sisto Palombella, due artisti diversi ma accomunati dalla medesima vena sperimentale. L'opera è strutturata attraverso due lunghi componimenti strumentali che danno luogo a sensazioni camaleontiche e volutamente indecifrabili, sintomo di una vena creativa che rifugge da qualsiasi tipo di collocazione: è una musica obiettivamente impossibile da descrivere...
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>