Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Reception

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
Recensione
26-01-2021 : CAMECRUDE
Due anni dopo il sorprendente debutto "Enclave I", il progetto del francese Valentin Laborde torna con l'atteso follow-up, incarnato da un doppio CD nella magnifica confezione box in legno nero con booklet rituale, stampe artistiche ed inserti vari, approntata dall'ottima Cioran Records nelle 199 copie dell'edizione limitata. Oltre 100 minuti in cui il Nostro, accompagnato dalla sua fidata ghironda (strumento di cui è insegnante, e che in Camecrude viene manipolato ad arte per aderire alla perfezione alle dinamiche noise/industrial) e dal synth analogico Lyra-8, nonché ispirato dalle opere letterarie di autori quali...
 
Recensione
26-01-2021 : ASHTORETH & STRATOSPHERE
Collaborazione inedita tra due autori belgi: da una parte il doom-minimal project Ashtoreth, ancora relativamente giovane a livello produttivo e compositivo, con all'attivo varie collaborazioni ed alcune uscite di buona portata, e dall'altra il più maturo Stratosphere, attivo ormai da oltre 20 anni e autore di varie acclamate release che spaziano dall'industrial alla dark ambient. L'incontro dei due porta ad un sound inedito per entrambi: di fatto presentato come un passaggio tra l'oscurità e la luce alla ricerca del limite tra ciò che percepiamo e ciò che non possiamo vedere, "Between Worlds" è un...
 
Recensione
26-01-2021 : MORBID FANCY
Tempo di recupero di tesori perduti per la Aliens Production, che va a ripescare dagli anni '90 il duo EBM slovacco Morbid Fancy non con una semplice operazione di ristampa (magari di entrambi gli album, "Shoe-Nail" ed "Increased Tension", editi in cassetta nel '93 e nel '94 dalla Crewzine), bensì dando alle stampe nelle 100 copie dell'essenziale digipack quel terzo lavoro mai pubblicato dall'act di Bratislava, che si sciolse subito dopo le registrazioni in esame. "Sepulchral Serenade" vede ora la luce nella veste interamente rimasterizzata da Anatoly TOKEE Grinberg, in una gradita operazione di restauro...
 
Recensione
26-01-2021 : ETH
Forte di una dozzina d'anni di esperienza in qualità di frontman del duo norvegese Supercraft, Egil Thomas Hansen raccoglie le idee accumulate nel tempo e, unendole ad altre nuove, le mette nero su bianco in questa sua prima fatica solista, occupandosi letteralmente di ogni aspetto produttivo. Le coordinate stilistiche non si discostano molto da quelle dei Supercraft, giacché anche ETH si muove entro i confini del future-pop e del synthpop, nonostante la dichiarata volontà di adottare un approccio più acustico. Fortunatamente anche la qualità di suoni ed arrangiamenti garantisce gli standard della...
 
Recensione
26-01-2021 : OST
Ennesimo bel colpo per la blasonata Cold Spring, che si conquista la possibilità di stampare su CD - in un elegante quanto essenziale digipack - la colonna sonora del film di mistero/horror islandese "I Remember You" (pellicola apprezzabile, benché non imperdibile), scritta ed arrangiata da Frank Hall. Con l'impiego di ben sette musicisti (compreso lo stesso Hall, particolarmente affascinato dagli ottoni per l'occasione), prende corpo una colonna sonora che affonda nella dark ambient più arcigna e dura, tant'è che l'etichetta inglese ne consiglia l'ascolto ai seguaci di nomi come Mz.412, Lustmord, Graeme...
 
Recensione
26-01-2021 : DAN PK
Tre anni dopo il positivo album d'esordio "Terror", il buon Daniele, titolare della romana Hellbones Records, torna col suo progetto solista con l'EP in esame, anche stavolta confezionato in una veste che richiama le fattezze del vinile. Quattro brani per poco più di un quarto d'ora che confermano la passione del Nostro per un'elettronica sui generis, a cavallo fra industrial ed ambient, proprio come l'iniziale "Short Ambient Trip", che prende le mosse da ambientazioni algide per sfociare in caotici industrialismi noisy dai toni stridenti. In un lavoro dove la chitarra ascoltata sul debut viene messa da parte,...
 
Recensione
26-01-2021 : TESTING VAULT
La vena più sperimentale della romana Hellbones Records, etichetta coraggiosa e sempre pronta a mettere entrambi i piedi oltre al recinto, esce di nuovo allo scoperto grazie a questo "The Night Land", disco del polistrumentista Daniele Santagiuliana, ossia la mente dietro al longevo e prolifico progetto Testing Vault. Osservando attentamente il cripticismo della copertina, racchiuso in una sorta di piramide trasparente sospesa nell'oscurità più nera, appaiono intuibili fin da subito le atmosfere a cui l'ascoltatore andrà incontro una volta pigiato il tasto play. Interamente strumentale, il disco presenta...
 
Recensione
26-01-2021 : KIM LUNNER
Album d'esordio per il 44enne norvegese Kim Lunner, che ha iniziato a dilettarsi con la musica elettronica una dozzina d'anni fa, ma che solo ora, spronato alla pubblicazione dai suoi amici Thomas e Geir (ossia i suoi connazionali Supercraft), è arrivato a concretizzare i propri sforzi, coadiuvato anche da Richard Bjørklund degli Spektralized per indirizzare adeguatamente le vocals. Un lavoro nelle intenzioni molto personale, come il titolo stesso suggerisce, in cui Kim convoglia la propria passione per il synthpop, subito protagonista nella raffinata opener "Human", ma capace di caricarsi di ritmo e groove in chiave...
 
Recensione
26-01-2021 : EMPIRE STATE HUMAN
In attesa di completare un nuovo full-length, l'act dell'irlandese Aidan Casserly ripesca un brano dall'album "Romo" (2017) per farne un breve EP di remix, in una release dedicata ai fans più fedeli di ESH. Il brano originario, non riproposto nel dischetto, è una piacevole traccia synthpop dalle melodie immediate che, nei sei remix qui inclusi, non viene stravolta più di tanto: Cyber Monday la rallenta donandole fascino; Steve Olaf indugia sui ricami melodici; Karrade enfatizza il lato dance; Fragments la rende più minimale giocando coi controtempi; Brand New Lovers calca la mano sulle venature...
 
Recensione
26-01-2021 : TEMNAVODA AND COBRA
Progetto molto probabilmente estemporaneo, T&C ha rilasciato lo scorso giugno questo breve EP a quattro tracce quale dichiarato ed amichevole tributo alle band di San Pietroburgo 0Kontrol e The Quinsy, accomunate dalla leadership di quel Vladimir Tkebuchava che ha composto i brani del dischetto stesso. Per mano di Katya Cobra (voce) ed Alex Martos (musiche) prendono corpo le song di questo breve tributo, che nelle intenzioni dovrebbero spaziare fra elementi trance e darkwave, ma che nei fatti propendono soprattutto per la prima, come "Hologram", la più concitata "Pressure" e la pompata "Home"...
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>