Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Reception

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
Recensione
27-04-2021 : STEVE ROACH
Nella terza uscita su CD di questi primi mesi del 2021, realizzata in un bel digipack a sei pannelli dalla storica Projekt, il prolifico autore americano riprende l'approccio positivo mostrato lo scorso anno con l'album "Tomorrow", aiutandoci a viaggiare sul sentiero del rinnovamento a seguito di un anno drammatico come quello che ci siamo lasciati alle spalle. Il decano californiano vede dunque una luce in fondo al tunnel già dalle prime battute di "What Falls Away", le cui morbide linee droniche in elegante movimento danno il la ad un placido viaggio cosmico dal sapore filmico, mentre "Threshold...
 
Recensione
27-04-2021 : FM EINHEIT
Ristampa di un album datato 2018, uscito al tempo unicamente in triplo LP e venduto solo ad un'esibizione presso la Fondazione che aveva commissionato l'opera, "Exhibition Of A Dream" è in sintesi composto da dodici sogni interpretati con altrettanti brani. Il tutto fu registrato sia in privato, all'interno dello studio dell'autore tedesco, che negli spazi della Fundacao Calouste Gulbenkian a Lisbona col supporto di vari autori, tra cui Lee Ranaldo dei Sonic Youth e Genesis P-Orridge. I brani hanno generalmente un vocalist narrante sotto cui scorrono suoni che spaziano dall'art rock al jazz, fino all'elettronica. Se da un...
 
Recensione
27-04-2021 : DEV-I-ANT
Uscita come autoproduzione nelle 100 copie dell'essenziale digipack negli ultimi giorni del 2020 e poi pubblicata lo scorso gennaio in digitale da EK4T3, collettivo composto da decine di artisti da tutto il mondo con base operativa in Italia (come riporta la pagina Bandcamp), "Progression Of The Wolf" è l'interessante prima release del progetto canadese composto da Ant e Dev. Supportata da una resa audio eccellente, grazie anche al mastering firmato dall'esperto Simon Heath, la dark ambient del duo si muove in un'oscurità permanente, lasciando che penetranti spoken words guidino l'ascoltatore in un viaggio dai contorni...
 
Recensione
27-04-2021 : DEMETRIO CECCHITELLI
Partendo da alcuni concetti base di Francois Bayle, Demetrio Cecchitelli dà forma ai quattro brani che compongono "Dwell", secondo lavoro in solitaria fissato su supporto fisico per questo giovane autore. La musica prende vita dall'unione di suoni strumentali trattati in maniera singolare ed elettronica, dando corpo ad uno stile minimale fatto di piccoli cenni tonali in cui basi perpetue sorreggono rintocchi glitch e cenni audio che sembrano avere un'organizzazione peculiare, tanta è la capacità di evocare immagini e panorami. Le atmosfere sognanti e misteriose inducono ad esplorare sentieri new age e lande...
 
Recensione
27-04-2021 : QQQØQQQ
Grazie alla collaborazione fra quattro etichette ha finalmente visto la luce - in un essenziale digipack dalla suggestiva veste grafica - il secondo album del progetto veneziano, registrato in quel di Bologna nel 2015 nello studio personale di Mirko Volpe (Murmur Mori). Proprio quest'ultimo, assieme alla singer La Piuma, si è unito a Tommaso Busatto (synth) ed a Carlo Mantione (chitarra) in qualità di ospite (ai synth addizionali ed alle percussioni) per completare i tre lunghi brani dell'opera in esame, che tiene fede alla prerogativa fondante di qqqØqqq: "la manifestazione di un minimalismo malinconico con un...
 
Recensione
27-04-2021 : NEW RISEN THRONE
Usciva oltre un anno fa quella che ad oggi è l'ultima uscita in solitaria del monicker italiano New Risen Throne, uno dei più apprezzati progetti nostrani di dark ambient. Il lavoro, diviso in due dischetti, vede l'album vero e proprio occupare il primo dei due, incentrando il concept sul tema post-apocalittico della fine del mondo e della ricerca delle cause di tale evento. A livello sonoro, tutto si svolge secondo i crismi del genere: tappeti oscuri che fanno da sfondo a rumori evocativi, a loro volta dilatati e trasformati in distese sonore massive, che vanno a formare una colonna sonora, vero sfondo audio su cui far muovere...
 
Recensione
27-04-2021 : VESSSNA
Nato nel 2016, Vesssna è il progetto delle russe Marianna Lukianova (voce e chitarre) e Marina Scherba (tastiere), che qualcuno ricorderà per aver militato nella scorsa decade in formazioni quali Fright Night e Mea Vita. Le due, attorniate da un gruppo di ospiti per le altre parti strumentali, hanno già pubblicato l'EP "The Smile Of Freedom" (in download) nel 2017 e l'album "Just About Saintlike" (in download e su USB) l'anno successivo, ed ora entrambe le uscite vengono accorpate in questa ristampa su CD, pubblicata in soli 100 esemplari e confezionata in un elegante digipack a sei pannelli. Quello...
 
Recensione
27-04-2021 : ENDZUSTAND
A seguito del debut album "Werk Des Krieges" della sua creatura Endzustand, uscito lo scorso ottobre, il tedesco Ralf Röckendorf ha intrapreso una fitta attività che in pochi mesi si è tradotta in tre singoli digitali, cui si aggiunge ora questo nuovo EP, confezionato in un gradevole digiwallet completo di booklet. Oltre alla title-track, ripresa dal suddetto full-length, il breve dischetto include cinque nuovi brani, tutti all'insegna di un'EBM classica ed old-school che si rifà in primis a DAF e Nitzer Ebb, condita da una vocalità grezza, rude e diretta. Sono sempre bassline e fisicità...
 
Recensione
27-04-2021 : ESCAPE FROM WARSAW
Edificato sulle ceneri dei precedenti progetti Arkona e Street City Nomad, l'act polacco EFW prosegue nel discorso da sempre portato avanti da Karol Su/Ka, incentrato su di un'elettronica acida, caotica, nervosa e attraversata da influenze dub, industrial, punk e quant'altro un bislacco corredo dei più disparati samples possa aggiungere ad un quadro folle, cui si aggiunge una voce stralunata e tutt'altro che aggraziata che getta il proprio sguardo critico sulla Polonia. Realizzato nelle 300 copie del digipack a sei pannelli (altrettanto assurdo nella grafica, che viene consigliata come "cartone" per LSD!), "Korozje"...
 
Recensione
27-04-2021 : GOAT THRON
Uscito ormai nel giugno del 2020, "I Believe..." raccoglie otto brani composti tra il 2013 e il 2020 e mantiene tutte le caratteristiche che hanno accompagnato questo progetto negli anni in cui è diventato un solo-project gestito da Funeral, dopo il suicidio dell'altro membro Dagon. Le tematiche trite (satanismo, antigiudaismo e anticristianesimo, riferimenti neopagani, simbologie esoteriche, guerre, distruzioni) vengono come sempre percorse senza ironia e con una durezza che ricorda il black metal, genere da cui il monicker proviene. I suoni fanno riferimento ad un death-industrial molto cupo (a tratti rimandano agli Mz.412,...
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>