Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Reception

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
Recensione
19-03-2021 : STEVE ROACH
Usciva lo scorso luglio questo album di Steve Roach, ennesimo capitolo di una carriera costellata da tantissime realizzazioni contraddistinte da una qualità sempre molto elevata. "A Soul Ascends" rimane ancorato allo stile ambient e meditativo dell'autore americano, che si è andato ad affinare col tempo raggiungendo livelli memorabili che lo hanno fatto diventare un maestro del genere. I tre lunghi brani riescono comunque a distinguersi da altre uscite di Roach, grazie ad un connubio sorprendente tra ispirazione e capacità di gestire i suoni ed intessere le melodie. A differenza di tanto materiale simile, ci...
 
Recensione
19-03-2021 : EL ÚLTIMO SOL
Nato dall'incontro fra Daniel P. (Àrnica, Wihinei Rita, Ghazghkull, oltre che collaboratore live e/o in studio di nomi quali Death In June, Blood Axis, Allerseelen etc.) e Gemma A., il progetto EUS è - come spiegano le note ufficiali - "un incontro fra mondi, dove l'antico, il passato ed il presente si uniscono per formare uno spazio senza tempo, un luogo dove tutto si ferma per riconnettersi con l'essenziale, il primitivo e l'istintivo, ritornando alle origini". Descrizione perfettamente calzante per un duo il cui suono è realmente un ritorno alle origini dell'ur-folk primordiale (in maniera più...
 
Recensione
19-03-2021 : EDENYA
Nato nel 2010 per mano del chitarrista e tastierista Marco ed originariamente inteso come progetto strumentale, l'act francese si è completato con la voce della camerunense Ida Rose, la quale ha poi abbandonato dopo l'uscita dell'EP eponimo di debutto datato gennaio 2017. Subito dopo Marco è riuscito a trovare i giusti rimpiazzi, ingaggiando ben due voci - quelle di Elena e di Rémi - per dare vita alle nuove tracce, concretizzate nell'aprile dello scorso anno in questo primo lavoro sulla lunga distanza. Un nuovo assetto che porta con sé una crescita tangibile rispetto ad una precedente prova ancora acerba, segno...
 
Recensione
19-03-2021 : COLOSSLOTH
Usciva lo scorso maggio il quinto album del progetto inglese Colossloth, terza uscita prodotta dai connazionali della Cold Spring. "Plague Alone" ha movenze profetiche su quanto accaduto in chiave "pandemica" di lì a breve, mescolando temi e suoni dal sapore apocalittico. Wooly Woolaston accatasta una serie di rumori ben calibrati e rielaborati da affiancare ad elementi elettroacustici, al fine di costruire in modo logico e peculiare dei brani che rimangono sempre in bilico tra il noise e l'ambient senza mai sfociare nella violenza rumoristica nonsense. Le strutture hanno un andamento ondulatorio e stratificato che...
 
Recensione
19-03-2021 : NNHMN
Quella del progetto berlinese è una storia che parte una decina di anni fa col monicker Fuka Lata, poi mutato in Non-Human Persons e infine ridotto a NNHMN in tempi recenti, nei quali la singer polacca Lee e Michal Laudarg hanno intessuto un legame importante con la Zoharum, etichetta che nel 2019 aveva curato l'edizione in CD e box-set del primo album "Church Of No Religion", per poi ristampare nel 2020 anche l'EP "Shadow In The Dark". Proprio quest'ultimo titolo aveva rappresentato il vero punto di svolta per il duo, che già col suddetto primo full-length aveva implementato il ritmo e preso le distanze...
 
Recensione
19-03-2021 : BEZ YORKE
Forte dell'esperienza maturata nel corso di quattro album pubblicati in digitale fra il 2014 ed il 2019, l'artista romana Bez Yorke approda ad una formula più completa ed efficace in cui la sua elettronica dal taglio dance abbraccia una veste più immediata per colorarsi con stile di gradite sfumature pop, evidenti sin dalle prime battute della title-track, che apre l'EP in esame con una ballabilità di ampio respiro, cui si unisce una vocalità accattivante che mostra anch'essa i progressi compiuti. È il groove a dominare la scrittura, suadente fra gli intriganti ricami di "Breathe Damage" e...
 
Recensione
19-03-2021 : SATURNIN SEKTOR
Album di debutto per il solo-project di Mauro Sciaccaluga, proprietario della label Diazepam e già noto - tra gli altri - per il monicker Shiver. Il disco è diviso in quattro brani e trova ispirazione diretta nella space music e nei suoni analogici ed elettronici degli anni '70 e '80. I componimenti sono lineari e minimali, costruiti su toni continui ripetuti quasi in loop e sovrapposti. L'andamento è pacato, dotato di un'eco nostalgica e misteriosa, sempre bilanciato tra la ricercatezza formale, la citazione e la melodicità. Sebbene l'intera operazione abbia il gusto del tributo, è impossibile non vedere...
 
Recensione
19-03-2021 : EMME YA & OCCULT ODYSSEY
Fra le oltre venticinque uscite finalizzate dal 2010 ad oggi dall'act colombiano Emme Ya, sono parecchie quelle pubblicate dall'americana Noctivagant, così come molte sono quelle realizzate assieme ad altri progetti affini. L'occultista Edgar Kerval, titolare unico di Emme Ya, torna a fare squadra con una delle etichette che più e meglio hanno supportato il suo operato artistico, facendo coppia per l'occasione col trio messicano Occult Odyssey, che vanta una decina di pubblicazioni (digitali o in edizioni estremamente limitate) dal 2015 ai giorni nostri. Da considerarsi come uno split a tutti gli effetti, giacché EY vi...
 
Recensione
19-03-2021 : CHELIDON FRAME
Progetto proveniente da Milano con all'attivo - dal 2014 ad oggi - varie produzioni in formato download e qualche uscita su supporto fisico, Chelidon Frame si muove nei meandri dell'area più sperimentale con installazioni audio che sfruttano field recordings, strumenti preparati, onde radio e fonti non prettamente sonore. Questo nuovo lavoro, licenziato lo scorso ottobre e composto tra il 2017 e il 2019, collega i suoni ad immagini naturali e totali alla ricerca di qualcosa di assoluto. I tre brani hanno strutture minimali che vedono, nel caso della lunga "A Moth Is Dreaming On The Wall", una base possente creata...
 
Recensione
19-03-2021 : NAVIGATOR PROJECT
Si parla ancora italiano, dopo Outpost Of Progress ed Amber Teaser, in casa della russa ScentAir, che scommette ora sui debuttanti NP, duo partenopeo composto da Amir e Daniel Sabljakovic, rispettivamente cantante/tastierista e batterista, fiancheggiati da Caroline per testi e melodie. Dopo aver presentato nei mesi precedenti alcune song in formato digitale, talvolta remixate da altri artisti, i due sono giunti lo scorso ottobre al sospirato debutto, realizzato nelle 100 copie del CD jewel-case e composto da nove tracce che richiamano prevalentemente un synthpop dal taglio ottantiano e dal retrogusto analogico, con taluni inserti di chitarra...
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>