Logo DarkRoom Magazine
Darkroom List menu Room101 Room102 Room103 Room104 Room105 Room106 Room107 Room108 Room109 Reception
SYNTHPOP, FUTURE-POP, TRIP-HOP, CHILLOUT E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ACCESSIBILE E MELODICA
HARSH-ELECTRO, EBM, ELECTRO-INDUSTRIAL, IDM E TUTTA L'ELETTRONICA PIÙ ABRASIVA E DISTORTA
DARKWAVE, GOTHIC, DEATHROCK, POST-PUNK E AFFINI
INDUSTRIAL, AMBIENT, POWER ELECTRONICS E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ NERE ED OPPRIMENTI
NEOFOLK, NEOCLASSICAL, MEDIEVAL, ETHEREAL E TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DELICATE E TRADIZIONALI
TUTTO IL METAL PIÙ GOTICO ED ALTERNATIVO CHE PUÒ INTERESSARE ANCHE IL PUBBLICO 'DARK'
TUTTE LE SONORITÀ PIÙ DIFFICILI DA CLASSIFICARE O MENO RICONDUCIBILI ALLA MUSICA OSCURA
LA STANZA CHE DEDICA LA DOVUTA ATTENZIONE ALLE REALTÀ NOSTRANE, AFFERMATE E/O EMERGENTI
LA STANZA CHE DEDICA SPAZIO ALLE BAND ANCORA SENZA CONTRATTO DISCOGRAFICO

Mailing-List:

Aggiornamenti su pubblicazioni e attività della rivista


 

Cerca nel sito



Reception

Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>
Intervista
08-09-2020 : DUNCAN PATTERSON
La fortuna di media come il nostro è non soltanto quella di poter incontrare artisti straordinari più o meno noti e celebrati, ma anche quella di poter dare loro il giusto spazio, poiché slegati da scadenze varie o logiche pubblicitarie. E senza dubbio Duncan Patterson, storico bassista e membro fondatore degli Anathema (dei quali è stato autentico motore sino al 1998, lasciando dopo il capolavoro assoluto "Alternative 4"), fa parte di questa schiera di artisti straordinari, non soltanto per il suo prezioso lavoro nell'amata band di Liverpool, ma anche per le meraviglie regalateci col progetto Ìon...
 
Recensione
08-09-2020 : JAGGERY
Rilasciata a fine gennaio in confezione digifile, "Having It Out..." è la prima uscita ufficiale firmata Jaggery dopo il terzo album "Crux" della primavera 2016, e vede il combo di Boston cimentarsi con le musiche composte per l'occasione dal concittadino Michael J. Veloso, il cui lavoro musicale ad ampio raggio viene solitamente creato per ensemble classici, rappresentazioni teatrali e videogiochi. Un incontro fortunato e proficuo che, sulla scorta di testi basati sul ciclo di poemi di Jane Kenyon che porta il titolo assegnato anche all'opera in esame, vede la band splendidamente guidata dall'eccelsa cantante e...
 
Recensione
08-09-2020 : VLIMMER
L'ambiziosa impresa dei 18 EP - che narrano la storia di un giovane uomo intento a scoprire il perché egli sia una persona così danneggiata - intrapresa nel novembre del 2015 dal progetto di Alexander Leonard Donat si avvia alla conclusione, in attesa dell'ultimissimo capitolo. Editi singolarmente in CDr o nelle 15 copie delle rispettive edizioni in cassetta (con le consuete confezioni artigianali di pregio), oppure assieme nei 35 esemplari del box in legno, i due nuovi EP del solo-project tedesco - che vedono il protagonista diventare un omicida e finire poi in carcere - tengono fede alle aspettative legittimamente maturate...
 
Recensione
08-09-2020 : DARKWOOD
Se escludiamo un 10" live ed un paio di raccolte (di cui una su cassetta, atta a supportare un tour americano) pubblicati fra il 2015 ed il 2017, il longevo progetto di Henryk Vogel mancava all'appuntamento con una nuova uscita dai tempi di "Schicksalsfahrt", ottavo album ufficiale rilasciato nel lontano 2013. C'era quindi grande attesa per il ritorno dell'act di Dresda, che finalmente si ripresenta sulle scene con la nuova fatica, al solito realizzata attraverso l'etichetta personale di Henryk, sia in formato CD che nelle 515 copie dell'edizione in vinile. Ed è un ritorno decisamente ispirato quello del progetto...
 
Recensione
08-09-2020 : NIMH & RAPOON
Nasce in seno all'attività dell'ottima Winter-Light un sodalizio inatteso quanto gradito: quello tra il veterano inglese Robin Storey (Rapoon) ed il prolifico artista nostrano Giuseppe Verticchio (Nimh), insieme in questa release a quattro tracce rilasciata nelle 300 copie dell'essenziale digipack. Un incontro artistico non certo campato per aria, visto che Nimh si era avvicinato alle sonorità tipiche di Rapoon con "Circles Of The Vain Prayers" del 2016, album in cui quegli esotismi tribali cari al progetto dell'ex Zoviet France avevano giocato un ruolo importante. Fra le pieghe dell'ambient mista all'utilizzo di...
 
Recensione
08-09-2020 : IAMNOONE
L'istinto primordiale che amoreggia con la carne e l'esistenza in maniera aggressiva e avvolgente. Il buio che, nella sua totale oscurità, si fa portavoce di sensazioni inquietanti ma al contempo malinconiche e dolcemente sussurrate. Si potrebbe definire così questo "A Primitive Trinitas", primo full-lenght degli Iamnoone di Philippe Marlat, polistrumentista e artista emiliano che, per l'occasione, sceglie Stephan Seth come compagno d'avventura. Come già si evinceva ampiamente dal loro precedente EP - "Dvplex" del 2019 -, lo stile musicale degli Iamnoone è caratterizzato da forti influenze...
 
Recensione
08-09-2020 : LLYN Y CWN
Un anno esatto dopo l'edizione in CD del terzo album "Twll Du", il gallese Ben Powell torna col suo secondo lavoro per l'inglese Cold Spring, anche stavolta racchiuso in un gradevole digipack a sei pannelli corredato dalle foto scattate dall'artista stesso. Profondamente affascinato dai paesaggi montani del nord del Galles, Powell raccoglie l'ispirazione per il nuovo album nella cava di ardesia il cui nome dà il titolo all'album, ricavando in loco quelle field recordings necessarie a completare le sette composizioni incluse. La gelida drone/ambient tipica del progetto appare stavolta molto più lineare nelle sue...
 
Recensione
08-09-2020 : DEEPDARK - SCOTT LAWLOR - NOCTILUCANT
Discreto dischetto uscito nel Giugno 2019 in tiratura limitata a 59 copie per Noctivagant, "Shapes Moving In The Murk" - titolo quantomai calzante e che ne dà un'ottima chiave di lettura - vede la collaborazione di tre veterani della dark ambient contemporanea quali il russo Dmitry Vologdin aka DeepDark, Scott Lawlor (già in Lunar Navigational Systems e Nox Intempesta) ed il progetto Noctilucant di Joseph Mlodik. Il lavoro vede lo sciorinarsi di una traccia unica da 50 minuti imbastita su nebbiose sospensioni oscure sulle quali balenano qua e là accenni di melodie, gocce di luminescenza pianistica o di synth in...
 
Recensione
08-09-2020 : EUMOURNER
Uscita in solo formato digitale risalente a Maggio di quest'anno per la Svizzera Neverspace, "The Oval Scream" del progetto italiano Eumourner traccia di netto un passaggio su lidi sonori molto più ricercati e cinematicamente caustici, facendo raggiungere alla creatura di FLC (qui in combutta con GZP e MV) una sorta di maturità compositiva ben sciorinata attraverso sei tracce che seguono saldamente i dettami della dark ambient più classica con piacevoli contaminazioni drone. Attivo da un anno e mezzo, FLC si è saputo scavare una comoda nicchia nel panorama dell'ambient oscuro del Bel Paese, con una...
 
Recensione
08-09-2020 : OSS
Nato nel 2014 per mano di Diego Spinelli e Nadir Persegona, il progetto OSS - che in veneto significa osso, anche nel senso di "ridotto al minimo" - trova nella romana Hellbones il giusto partner commerciale per la pubblicazione del lavoro in esame, rilasciato in un essenziale digipack. Un'unica traccia di poco meno di venti minuti che ha come scopo quello di riprodurre attraverso sonorità ambient/drone/industrial gli stati d'animo estremi di coloro i quali perirono nel famoso disastro di Marcinelle (Belgio), allorquando, la mattina dell'8 agosto 1956, un incendio scoppiato nella miniera di carbone Bois du Cazier uccise 262...
 
Pagina precedente 
<< 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 >>